Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I manifestanti chiedono al governo georgiano di ritirare la proposta di “legge russa”.

I manifestanti chiedono al governo georgiano di ritirare la proposta di “legge russa”.
  • Scritto da Rehan Dimitri
  • Corrispondente dal Caucaso meridionale

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, L'opposizione ha paragonato il progetto di legge alla legislazione repressiva russa

Migliaia di persone hanno manifestato lunedì nella capitale georgiana, Tbilisi, chiedendo il ritiro di un controverso disegno di legge sull'”influenza straniera”, affermando che è stato ispirato dalle vicine leggi autoritarie che la Russia sta utilizzando per reprimere il dissenso.

Migliaia di manifestanti davanti al Parlamento hanno scandito “No alla legge russa”, molti di loro sventolando le bandiere dell'Unione Europea e della Georgia.

Ma il governo ha annunciato questo mese che reintrodurrà la legislazione, ribattezzandola progetto di legge sulla “trasparenza dell’influenza straniera”.

“Stiamo lottando per la nostra libertà”, ha detto Marisha (23 anni) fuori dal parlamento, portando con sé un lungo bastone su cui è issata la bandiera georgiana.

“Vogliamo avere un futuro luminoso e penso che sia responsabilità di ogni persona che vive in questo paese fare coming out”.

Commenta la foto, I manifestanti hanno chiesto il ritiro della legge sugli “agenti stranieri”.

Il disegno di legge richiede che le ONG e i media che ricevono più del 20% dei loro finanziamenti dall’estero si registrino come “organizzazione che serve gli interessi di una potenza straniera”.

Il primo ministro Irakli Kobakhidze ha affermato che la proposta di legge è necessaria per garantire la trasparenza finanziaria per i beneficiari delle sovvenzioni.

“La Georgia non si arrenderà alla restaurazione sovietica!” Lo ha scritto in precedenza su Twitter la presidente filo-occidentale Salome Zurabishvili.

Il governo georgiano ha rifiutato ogni confronto con la legislazione russa.

“Sono d'accordo che nessuna legge russa dovrebbe essere adottata in Georgia”, ha detto il leader parlamentare del Georgian Dream Party Mamuka Medinaradze durante un dibattito parlamentare lunedì. Poco dopo, è stato preso a pugni in faccia dal deputato dell'opposizione Aliko Elisashvili mentre parlava in una cassetta della posta, scatenando una rissa in parlamento.

Il politico dell'opposizione Zurab Japaridze del libertario Girshi-More Freedom Party ha affermato che il sogno georgiano aveva paura di perdere il potere.

Il partito attualmente ha la maggioranza in parlamento, ma il paese si prepara a tenere le elezioni parlamentari entro la fine dell’anno.

“Dobbiamo attuare riforme nel sistema giudiziario, nel sistema elettorale, combattere la corruzione ed eliminare l'oligarchia. Questo è ciò che l'Occidente ci chiede di fare per aderire all'Unione Europea e alla NATO”, ha detto Japaridze.

“Ma se [the government] Se implementi queste riforme perderai potere. “Così hanno deciso di sbarazzarsi di tutta la società civile e dei media critici e di rimanere al potere per sempre, come è successo con Putin in Russia”.

“Noi non saremo la Russia! Ci stanno spudoratamente trascinando in Russia. Lei ha vinto”, ha detto all'esterno il deputato dell'opposizione Elisashvili, che aveva lividi visibili sulla fronte, che secondo lui erano il risultato del duro pestaggio da parte dei deputati filo-governativi. parlamento. “Non succede.”

Un sondaggio d'opinione condotto nel 2023 ha mostrato che oltre l'80% dei 3,7 milioni di abitanti della Georgia è favorevole all'adesione all'Unione europea.

Lo scorso dicembre, l’Unione Europea ha concesso alla Georgia lo status di candidato, a condizione di intensi negoziati su temi quali gli standard democratici.