Dicembre 1, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I gioielli di Re Carlo nel discorso sul “Costo della vita” lasciano il pubblico in rosso

I gioielli di Re Carlo nel discorso sul “Costo della vita” lasciano il pubblico in rosso

Re Carlo è stato al centro della scena l’11 novembre per tenere il suo discorso di apertura al Parlamento come monarca regnante d’Inghilterra.

Fu un’occasione importante poiché divenne il primo monarca a svolgere questo compito cerimoniale dai tempi di Re Giorgio VI nel 1950, dopo gli straordinari 70 anni di regno di sua madre.

Mentre re Carlo esponeva le principali priorità della sessione parlamentare, comprese iniziative come la riduzione del fumo tra i giovani, l’inasprimento delle condanne e l’aumento degli investimenti nei trasporti pubblici, l’attenzione del pubblico sembrava focalizzata sulle sue scelte di guardaroba.

Indossando la maestosa Corona dello Stato Imperiale durante tutto il suo discorso – un netto allontanamento dalla tradizione di sua madre di metterla su un cuscino accanto a lei – l’abbigliamento reale del Re ha rubato la scena.

La Corona dello Stato Imperiale, adornata con quasi 3.000 gioielli e pesante circa un chilo e mezzo, divenne il simbolo dell’occasione. A differenza della regina Elisabetta, che trovava la corona troppo gravosa per parlare in pubblico in modo efficace, re Carlo scelse di mantenerla.

Il ridicolo è scoppiato sui social media quando la sontuosa esibizione di re Carlo III durante il suo discorso di apertura al Parlamento ha attirato critiche per la sua giustapposizione con un fugace riferimento alle preoccupazioni economiche dei cittadini comuni.

Sebbene la Corona del Re valga tra i 3 e i 5 miliardi di sterline, la discrepanza è stata evidenziata nel contesto del calo dei redditi medi delle famiglie nel Regno Unito.

Secondo recenti sondaggi d’opinione, l’opinione pubblica sulla monarchia britannica sembra essere in declino, soprattutto tra i giovani britannici che vedono Re Carlo come fuori dal contatto con la gente comune.

READ  Il vertice del Pacifico di Biden subisce una battuta d'arresto a causa dell'assenza del primo ministro delle Isole Salomone dalla riunione Forum delle Isole del Pacifico

L’evento finanziato dai contribuenti ha visto Carlo indossare tre diverse corone, mentre il controverso scettro della regina Camilla, realizzato con zanne di elefante, ha suscitato indignazione tra gli attivisti per i diritti degli animali e riacceso dibattiti sulla storia imperiale dell’Inghilterra.

In un contesto globale più ampio, Re Carlo fa parte di 34 monarchie costituzionali in cui i reali agiscono come figure simboliche senza influenzare direttamente la legislazione o la governance.

Ciò contrasta con i pochi monarchi assoluti che ancora governano parti dell’Africa e del Medio Oriente, sottolineando l’evoluzione dei ruoli e delle percezioni che circondano le monarchie in tutto il mondo.

La domanda più urgente che tutti si pongono è: re Carlo manterrà le sue promesse di ridurre la spesa?

Il pubblico globale rimane con il fiato sospeso, aspettando con ansia le azioni del re.

Tuttavia, il sontuoso spettacolo della sua incoronazione, descritto come il più costoso della storia moderna con l’incredibile cifra di 50-100 milioni di sterline, ha sollevato preoccupazioni, soprattutto mentre l’economia britannica si trova ad affrontare una recessione.

Sono emersi suggerimenti per ridurre la sua collezione reale, magari mettendo da parte almeno una delle sue tre corone.

Vale la pena notare che la corona imperiale di stato che indossò durante il suo discorso di apertura al Parlamento si vanta del suo ricco passato, essendo stato al fianco di Riccardo III nella battaglia di Bosworth Field.

L’inclusione del Rubino del Principe Nero, che in realtà è uno spinello, aggiunge peso storico come prezioso bene di Enrico VIII.

Tuttavia, un gioiello più controverso della Corona dello Stato Imperiale, il Diamante Cullinan, evidenzia il dilemma della monarchia britannica.

READ  L'autista del camioncino colpisce gli spettatori alla parata del Florida Pride, uccide uno | Florida

Estratti durante l’era del colonialismo e dello sfruttamento in Sud Africa, i diamanti sono diventati il ​​simbolo di un passato turbolento.

Una petizione con più di 8.000 firme chiede che il diamante venga restituito al Sudafrica per essere esposto in un museo.

Anche se re Carlo esprime il suo sostegno alla ricerca sui legami della monarchia con la schiavitù, la possibilità che il diamante più grande del mondo venga riportato al suo posto originale rimane incerta.