Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli investigatori affermano che il malfunzionamento del Boeing Starliner potrebbe essere causato dall’aria umida in Florida

Starliner all'interno di una struttura di integrazione verticale.

Starliner all’interno di una struttura di integrazione verticale.
immagine: Boeing

Gli ingegneri di Boeing e NASA stanno lavorando per studiare la causa principale del problema tecnico che ha annullato il lancio di prova di Starliner. Una teoria promettente suggerisce che l’umidità sia entrata nel sistema di propulsione del veicolo spaziale, causando l’arresto delle valvole critiche. Per quanto riguarda il modo in cui entra questa umidità, ora è una domanda a cui è necessario rispondere.

“È ora di riportare lo Starliner in fabbrica”, ha spiegato formalmente John Vollmer, vicepresidente e direttore del programma commerciale dell’equipaggio di Boeing durante una teleconferenza della NASA. In data odierna. Il veicolo spaziale sarà calato dalla cima di un razzo Atlas V della United Launch Alliance e trasportato allo stabilimento Boeing del Kennedy Space Center, che in precedenza fungeva da impianto di elaborazione dello space shuttle.

Lo Starliner è parcheggiato all’interno dell’ULA Vertical Integration Facility da oltre una settimana, poiché gli ingegneri di Boeing e NASA hanno provatoRecupero posti di lavoroa 13 valvole ossidanti che non si sono aperte durante il conto alla rovescia per il lancio del 3 agosto. Doveva essere il secondo volo di prova senza equipaggio del CST-100 Starliner E il suo primo volo dalla fine del 2019. Per il primo test, Starliner era già riuscito a decollare dalla Terra nello spazio, ma un fallimento del programma gli ha impedito di raggiungere la destinazione prevista, la Stazione Spaziale Internazionale. Boeing si è fatto strada Numerose correzioni Nell’ultimo anno e mezzo, con conseguente posticipo indefinito di un volo orbitale test-2 (OFT-2).

Il razzo Atlas V della United Launch Alliance con la navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner allo Space Launch Complex 41 di Cape Canaveral il 2 agosto 2021.

Il razzo Atlas V della United Launch Alliance con la navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner allo Space Launch Complex 41 di Cape Canaveral il 2 agosto 2021.
immagine: NASA/Joel Kosky

“Non siamo delusi”, ha detto ai giornalisti Kathryn Lueders, amministratore associato della NASA per l’esplorazione umana e le operazioni, durante la teleconferenza. “Siamo solo tristi”, ha detto, aggiungendo che “impareremo da questo”.

Lueders was the designated optimist of the press conference, persistently framing the situation in glass-half-full terms and refraining from directing critical words towards NASA’s commercial partner Boeing.

“We’re going to go fix this problem, and we’re going to move forward,” Lueders said. “And we’re going to fly when we’re ready.” It was a “disappointing day,” she said, but “this is why the demo missions are so important.”

Specialists managed to move seven of the stuck valves by August 10 and nine by August 13. All but four of the 13 valves were recovered, but after having “done everything we can on those,” Boeing “ultimately decided to stop and go back to the factory” where engineers will continue with further troubleshooting, as Vollmer explained. The plan, he said, is to disassemble as little of Starliner as possible to minimize tweaks to the current configuration.

Vollmer, along with Steve Stich, manager of NASA’s Commercial Crew Program, shared new details about the problem and what possibly went wrong.

Starliner is equipped with 24 oxidation valves, 24 fuel valves, and 16 helium valves. These valves isolate thrusters from propellant tanks, and they need to be open prior to launch. The “most likely root cause” of the problem, said Vollmer, is that moisture somehow got onto the dry side of the oxidation valves, resulting in the formation of nitric acid. Friction from the ensuing corrosion caused the 13 valves to get stuck, according to this theory. The moisture could have entered into the system during assembly of Starliner, during check-outs prior to launch, or while the spacecraft was on the launch pad, as Stich explained.

Vollmer said it’s possible that atmospheric moisture somehow crept into the system and permeated the valve covers. Water splashing in from an intense storm that swept through the launch pad a day prior to the scheduled launch is likely not the source of this moisture, he added. It’s not known if a redesign is required or if preventative measures will do the trick, but it’s “certainly something that needs to be resolved,” said Vollmer.

“We use teflon seals that can withstand NTO [nitrogen tetroxide], che è un ossidante altamente corrosivo”, ha detto Vollmer. “Sappiamo che c’è penetrazione attraverso questo sigillo”, quindi gli specialisti dovrebbero “tornare indietro per vedere se l’umidità ambientale è stata trattenuta durante l’assemblaggio” dello Starliner, o se qualcos’altro causato L’umidità si fa strada nelle valvole.

Ha aggiunto a lui: “Ci sono molte cose nell’albero degli errori e molte cose nell’albero degli errori che interagiscono tra loro, ma questo è finora il candidato principale per la causa dell’errore”.

Vollmer ha affermato che le valvole sono state controllate cinque settimane prima del lancio e che “funzionavano perfettamente”. Inoltre, è lo stesso design utilizzato durante l’Orbital Flight Test-1 e sui veicoli di prova di interruzione del pad. Dal momento che i razzi sono stati lanciati continuamente dalla Florida, ha detto, gli ingegneri dovranno capire perché l’umidità è apparsa improvvisamente, se davvero quella era la causa. Solo le valvole ossidanti avevano il problema e non sono stati rilevati problemi con le valvole del carburante o dell’elio, secondo Vollmer. Se il lancio dovesse avvenire, le valvole in stallo influenzerebbero le prestazioni dello Starliner OMAC (Orbital Maneuvering and Attitude Control) e RCS (Reaction Control System). Ma come hanno ricordato ai giornalisti Stitch e Vollmer, i missili non consentono loro di essere sparati con una miccia in posizione chiusa.

Non è stato fissato alcun calendario per il lancio dello Starliner, ma Stich ha affermato che la missione OFT-2 avverrà “sicuramente” dopo il lancio della Lucy della NASA, una sonda spaziale che esplora gli asteroidi troiani di Giove. finestra per questo Il lancio inizia il 16 ottobre e termina il 7 novembre. Vollmer è entrato, dicendo che era troppo presto per dire se Starliner sarebbe stato lanciato quest’anno, “ma speriamo il prima possibile”.

È una situazione molto frustrante e frustrante, senza dubbio. Nel frattempo, la NASA continuerà a fare affidamento sulla Crew Dragon di SpaceX per consegnare gli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale.

Di più: È quasi certo che l’allunaggio della NASA nel 2024 non avverrà.

READ  Lo scioglimento del ghiaccio ai poli sta ora causando sottili cambiamenti nella crosta terrestre su larga scala