Settembre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il metabolismo non rallenta nella mezza età: uno studio scioccante

Fare i bagagli in sterline? Scusate, cretini: non possiamo più usare la mezza età come scusa per questa diffusione!

Uno studio nuovo e rivelatore rileva che il metabolismo, che la maggior parte degli esseri umani ha creduto a lungo diminuisse gradualmente durante l’età adulta, in realtà si stabilizza tra i 20 e i 60 anni, quando Veramente Il serbatoio si avvia.

Un team internazionale di ricercatori di killjoy ha pubblicato il proprio lavoro Venerdì su Science Magazine, ha scoperto che il metabolismo è al massimo nei bambini – naturalmente – che bruciano calorie il 50% più velocemente rispetto agli adulti. Questo tasso diminuisce ogni anno di circa il 3% fino a raggiungere i 20 anni circa, quando il metabolismo è a un plateau fino alla metà dell’età adulta. All’età di 60 anni, la stagnazione ritorna a un ritmo malinconico che aumenta di circa l’1% all’anno fino a quando i morti cadono.

Cosa significa: non possiamo più incolpare la mezza età come la causa principale del nostro aumento di peso appena scoperto. Per la precisione, i ricercatori hanno preso in considerazione le differenze metaboliche tra i volontari, come la dimensione del corpo muscolare per la composizione del grasso.

L’autore dello studio Hermann Pontzer, professore associato di antropologia evolutiva alla Duke University, ha parlato Vai alle notizie della NBC Giovedì sulla ricerca.

Pontzer ha continuato a parlare dei nuovi dati che probabilmente faranno venire i brividi Il redditizio settore del benessere spina dorsale del gruppo:

“Non c’è alcun effetto della menopausa che possiamo vedere, per esempio. E sai, la gente dirà: ‘Beh, quando ho compiuto 30 anni, il mio metabolismo è crollato’. Il nuovo “Bruciare(Avery) parla di nuove frontiere nella salute dell’obesità.

READ  L'anello di fuoco dell'eclissi solare 2021: come e quando guardare giovedì
A 60 anni, il tasso metabolico scende a pieno regime – circa l’1% in più all’anno fino alla morte. Come ha detto l’autore dello studio Hermann Pontzer, “Non c’è alcun effetto della menopausa che possiamo vedere, per esempio”. “Sapete che la gente direbbe: ‘Beh, quando ho compiuto 30 anni, il mio metabolismo è crollato. “Non vediamo alcuna prova di ciò, in realtà.”
Getty Images

Nell’ambito di una sperimentazione globale, è stato chiesto a 6.400 partecipanti di età compresa tra 8 giorni e 95 anni di eseguire un test “acqua con doppia etichetta”, in cui alcuni atomi di idrogeno e ossigeno sono stati sostituiti con i loro analoghi, rendendo più facile rintracciare il loro percorso attraverso i campioni di urina.

“Calcolando quanto idrogeno perdi al giorno e quanto ossigeno perdi al giorno, possiamo calcolare quanta anidride carbonica il tuo corpo produce ogni giorno”, ha spiegato Bonzer a NBC News. “E questa è una misura molto accurata di quante calorie bruci ogni giorno, perché non puoi bruciare calorie senza produrre anidride carbonica”.

Pontzer ha affermato che i risultati sono arrivati ​​così tanto tempo fa che gli scienziati ora hanno accesso a un set di test così ampio.

Ponzer ha anche affermato: “Questa è stata la prima volta che abbiamo avuto la possibilità di farlo con un set di dati davvero ampio che ci avrebbe permesso di separare gli effetti delle dimensioni del corpo, dell’età, del sesso e di tutte queste cose sul nostro dispendio energetico nell’arco di un giorno. .”

Lo studio getta nuova luce su come le nostre cellule invecchiano, suggerendo che il nostro metabolismo ha più a che fare con l’attività fisica che con la nostra biologia.

“La gente pensava: ‘Beh, forse è perché sei meno attivo, o forse è perché le persone tendono a perdere massa muscolare quando raggiungono i 60 e 70 anni e oltre'”, ha detto Ponzer. Possiamo dire: “No, no, no, è più di questo”. È che le nostre cellule stanno davvero cambiando”.

In un editoriale pubblicato insieme allo studio, i ricercatori di geriatria dell’Università del Wisconsin, Timothy Rhodes e Rosalynn Anderson, hanno suggerito che i risultati dello studio suggeriscono un legame con malattie legate all’età, come l’Alzheimer, che compare spesso intorno agli anni ’60.

READ  Le carte fossili possono rivelare il clima nell'ultima era dei dinosauri

“il [health] Hanno scritto che il declino dall’età di 60 anni riflette un cambiamento nel metabolismo dei tessuti e l’energia spesa per il mantenimento. “Non può essere una coincidenza che l’aumento dell’incidenza di malattie e disturbi non trasmissibili inizi in questo stesso lasso di tempo”.