Maggio 13, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli imprenditori italiani in Irlanda hanno criticato la quarantena obbligatoria dell’hotel

Cittadini italiani e uomini d’affari residenti in Irlanda hanno criticato l’inserimento dell’Italia nella “lista rossa” del governo, che impone agli espatriati di sottoporsi a una quarantena alberghiera obbligatoria.

In una lettera al ministro degli Esteri italiano e all’ambasciatore italiano in Irlanda, si lamentavano che il provvedimento aveva causato “enormi disagi e danni” agli italiani che vivono e lavorano qui.

Affermano inoltre che il governo irlandese non ha fornito “criteri che guidano la decisione” e che, sulla base degli attuali tassi di infezione da COVID-19 o diffusione di varianti infettive, l’inclusione dell’Italia nell’elenco non era giustificata.

Restrizioni

La lettera, firmata da importanti figure aziendali di PayPal, Google, Mediolanum Bank, Benetton, la società di moda PVH e Blackstone Credit, esorta il governo italiano a “agire per difendere non solo i nostri diritti di cittadini italiani residenti in Irlanda, ma anche reputazione e immagine dell’Italia in Irlanda e in Europa “.

In base alle rigide restrizioni Covid imposte dal governo questa settimana, i viaggiatori provenienti da cinque paesi dell’Unione europea – Austria, Belgio, Francia, Lussemburgo e Italia – devono essere messi in quarantena in un hotel all’arrivo in Irlanda.

La Commissione europea è stata anche in contatto con le autorità irlandesi per esprimere la loro preoccupazione per la misura.

Comprensibilmente, Bruxelles si è chiesta se la mossa sia in conflitto con le regole della libertà di movimento del blocco.

La Commissione ha chiesto “chiarimenti” su come i paesi sono stati selezionati per essere inseriti nella Lista rossa dell’Irlanda, poiché i cinque paesi selezionati non rappresentano quelli con i più alti tassi di infezione nell’Unione europea.

L’ambasciatore italiano in Irlanda Paolo Serbi ha detto che la libertà di movimento è la pietra angolare dell’Unione Europea e se c’è una ragione medica per restringerla “il movente deve essere chiaro”.

READ  L'attività nel mercato immobiliare a Tallinn supera i record | Economie

‘Mirate’

Il Sig. Serby ha affermato di ritenere che l’Italia e gli altri quattro paesi dell’Unione europea nell’elenco fossero “presi di mira per errore” dalle autorità irlandesi proprio perché stavano elaborando dati sul commercio variabile e la trasmissione ad altri Stati membri.

“C’erano altri paesi che semplicemente non lo facevano”, quindi le norme contro gli arrivi italiani qui erano “discriminatorie”.

Il signor Serby ha detto che la comunità italiana in Irlanda, che era circa 50.000 prima della pandemia, è una “componente importante” e ha gravemente ostacolato queste misure.

La Camera di commercio italo-irlandese ha inoltre lamentato che la decisione non è stata adeguatamente valutata da un punto di vista economico.

Il vero problema qui è l’effetto sulle relazioni commerciali tra Italia e Irlanda nei prossimi mesi. Alberto Resini, Segretario generale dell’organizzazione, ha affermato che un tale impatto non è solo per le aziende italiane o italiane, ma anche per qualsiasi azienda in Irlanda che fa affari con l’Italia o ha un gran numero di dipendenti italiani.

“Mentre le grandi aziende saranno in grado di gestire questo problema, le aziende più piccole faranno fatica a sopravvivere”, ha detto.

Parlando giovedì sera, il ministro della Salute Stephen Donnelly ha dichiarato che “non si scuserà” con la Commissione europea o l’ambasciatore italiano in Irlanda per aver imposto la quarantena alberghiera obbligatoria e che era “fiducioso” che la mossa fosse conforme al diritto dell’Unione europea .