Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli esseri umani stanno “spingendo la Terra vicino al punto di non ritorno”, dicono la maggior parte nel G20 | Cambiamento climatico

Secondo un sondaggio globale, tre quarti delle persone nei paesi più ricchi del mondo credono che l’umanità stia spingendo il pianeta verso un pericoloso punto di svolta e stia sostenendo uno spostamento delle priorità lontano dal profitto economico.

Scansiona Ipsos Mori per Alleanza dei beni comuni globali Il GCA ha anche scoperto che la maggioranza (58%) era molto preoccupata o molto preoccupata per lo stato del pianeta.

Quattro partecipanti su cinque hanno affermato di essere disposti a farsi avanti e fare di più per rinnovare i beni comuni globali.

L’autore principale del rapporto, Owen Gaffney del GCA, ha affermato che i risultati hanno mostrato un forte sostegno globale per un’azione urgente e decisiva sulle crisi climatiche e naturali.

“Il mondo non è sonnambulo verso il disastro. Le persone sanno che corriamo enormi rischi, vogliono fare di più e vogliono che i loro governi facciano di più”.

Devi presentare i risultati G20 Leader con la fiducia di muoversi più velocemente per attuare politiche più ambiziose per proteggere e rinnovare i beni comuni globali. “

Questa istantanea dell’opinione pubblica globale è stata scattata in aprile e maggio, prima dell’emisfero settentrionale Ondate di calore estive, inondazioni e incendi standard, e mesi prima del rapporto IPCC, avvertiva di “È inevitabile e irreversibileCambiamenti climatici dovuti alle attività umane.

Tra i paesi del G-20, il 73% delle persone ritiene che l’attività umana abbia spinto la Terra vicino ai punti di non ritorno. La consapevolezza di questi rischi era significativamente maggiore nei paesi meno ricchi – Indonesia (86%), Turchia (85%), Brasile (83%), Messico (78%) e Sud Africa (76%) – rispetto ai paesi più ricchi – il Stati Uniti. Stati Uniti (60%), Giappone (63%), Gran Bretagna (65%) e Australia (66%).

READ  Lars Vilks, fumettista svedese che disegnò il profeta Maometto, muore in un incidente d'auto

In generale, più della metà degli intervistati (59%) ritiene che la natura sia già troppo danneggiata per continuare a soddisfare i bisogni umani a lungo termine.

Le persone stanno iniziando a sentire che “la natura è in ritirata”, ha scritto l’ecologista keniota Elizabeth Wattote nella prefazione al rapporto.

“Le persone al potere sembrano ritenere che sia giusto abbattere vecchi alberi o distruggere ecosistemi naturali di edifici o strade, o esplorare alla ricerca di petrolio, purché poi piantino nuovi alberi. Ma questo approccio non funziona e i risultati in questo rapporto mostra che molte persone non supportano più tale follia economica”.

Il sondaggio Global Commons arriva in vista di una serie di incontri internazionali sullo stato disastroso dei sistemi di supporto vitale del pianeta: il Cop26 Climate Summit a Glasgow, la Cop10 Biodiversity Conference a Kunming, la Cop10 Biodiversity Conference a Kunming e il prossimo anno “Stoccolma + 50” Incontro di alto livello per celebrare il cinquantesimo anniversario del primo Nazioni unite Conferenza sull’ambiente umano.

Come è avvenuto per la maggior parte dell’ultimo mezzo secolo, è probabile che le iniziative per migliorare gli ecosistemi planetari incontrino la resistenza di interessi politici ed economici acquisiti. Il sondaggio ha mostrato che c’è un forte sostegno tra il pubblico globale per superare questi ostacoli.

Più di quattro quinti (83%) degli intervistati dei paesi del G20 volevano fare di più per proteggere e ripristinare la natura e oltre i due terzi (69%) ritenevano che i benefici del lavoro per proteggere i beni comuni globali fossero superiori ai costi. Questa opinione era più diffusa in Brasile e meno comune in Francia (44%).

Complessivamente, il 74% delle persone ha convenuto che i paesi dovrebbero andare oltre il concentrarsi sul PIL e sui profitti, e concentrarsi invece maggiormente sulla salute e sul benessere degli esseri umani e della natura.

READ  La massiccia epidemia di coronavirus in Indonesia potrebbe essere un fertile terreno fertile per la prossima specie del mondo

Questo è stato ben supportato in tutti i paesi del G20. Solo il 25% ritiene che i governi dovrebbero dare la priorità a posti di lavoro e profitti anche se ciò significa danneggiare la natura. Solo in India c’è stata l’approvazione del 50% per mettere l’economia al primo posto.

Il Covid-19 ha aperto una porta al cambiamento. Nei paesi del G20, c’era un ampio consenso (75%) sul fatto che la pandemia mostrasse quanto velocemente il comportamento può cambiare. Una percentuale simile (71%) ha accettato di riprendersi dalla pandemia, offrendo un’opportunità unica per rendere le comunità più resilienti.

Tuttavia, il 56% in India ha sentito la necessità di una ripresa economica significava che la natura era una priorità inferiore. In tutti i paesi, c’erano opinioni divergenti sul fatto che ciò che era bene per le persone fosse spesso dannoso per la natura, sebbene ciò avesse un forte sostegno in Russia (74%) e Brasile (65%).

Due terzi (66%) delle persone hanno sostenuto la cooperazione globale per affrontare le sfide comuni, ma hanno oscillato da paese a paese con la Cina (81%) più entusiasta e la Francia (50%) meno desiderosa di collaborare.

Alla domanda se alle Nazioni Unite e ad altre organizzazioni internazionali debbano essere conferiti maggiori poteri per proteggere la natura, c’è stato un accordo altrettanto ampio con l’India (76%), la Cina (75%), la Turchia (76%) la più prudente e gli Stati Uniti ( 49%) il minimo. .

Il rapporto ha identificato un gruppo di “regnanti planetari emergenti” che erano più consapevoli dei rischi e disposti ad agire per il cambiamento. Ha detto che la maggior parte di loro sono giovani (sotto i 45 anni), donne, istruite, urbane e inclini a identificarsi come cittadini globali. Queste sono le persone che spingono per il cambiamento. Sono i guerrieri che combattono più duramente per il nostro futuro.

Al contrario, la consapevolezza e la volontà di lavorare tendevano ad essere inferiori tra gli uomini, gli anziani, gli abitanti delle campagne, i nazionalisti e quelli delle nazioni ricche.

La consapevolezza della scienza del cambiamento climatico è maggiore della consapevolezza delle sue implicazioni più ampie. La maggior parte delle persone (62%) ha riconosciuto il consenso scientifico sulla necessità di cambiamento, ma solo l’8% sapeva che esisteva anche un consenso sulla necessità di una significativa trasformazione economica e sociale.

Un ostacolo sembra essere la copertura mediatica. Molte persone, in particolare giovani e genitori con bambini, hanno ritenuto che le notizie non li rendessero chiari su cosa potevano fare per aiutare.

Solo il 43% delle persone ha affermato che i media hanno parlato di natura e clima in un modo che li ha aiutati a comprendere i problemi, mentre il 46% ritiene che le storie su questi argomenti non li abbiano chiari su cosa potrebbero fare per aiutare.

Quando alle persone è stato chiesto cosa impedisce loro di effettuare il cambiamento, la risposta più comune è stata la mancanza di denaro (36%), seguita da “Non so come si fa” (30%).

Bridget Williams, direttore della ricerca presso Ipsos MORI, ha affermato che c’era una chiara richiesta di informazioni su come procedere.

“Questo sondaggio mostra chiaramente che le persone nel G20 vogliono fare la loro parte nella protezione e nel ripristino dei beni comuni globali in futuro – c’è il desiderio di una leadership sia locale che globale”, ha affermato.