Settembre 27, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli haitiani si preparano per piogge torrenziali, inondazioni e frane mentre continuano gli sforzi di salvataggio del terremoto

I medici di Haiti stanno lottando in tende improvvisate per salvare la vita di centinaia di feriti, compresi bambini e anziani, fuori dagli ospedali devastati da un forte terremoto che ha ucciso almeno 1.419 persone.

Il terremoto di magnitudo 7,2 di sabato ha distrutto decine di migliaia di edifici nel paese profondamente impoverito, che si sta ancora riprendendo da un altro forte terremoto 11 anni fa. Il suo presidente, Jovenel Moise, è stato assassinato il mese scorso.

Le autorità haitiane hanno affermato che il bilancio delle vittime è salito a 1.419, con circa 6.900 feriti e 37.312 case distrutte.

Ma i dati che circolano tra le organizzazioni umanitarie indicano che nella regione più colpita sono stati registrati più di 450 decessi e i funzionari hanno avvertito che il numero potrebbe aumentare di nuovo.

Le aree dentro e intorno a Les Cayes – circa 150 chilometri a ovest della capitale, Port-au-Prince – hanno subito i danni maggiori, esercitando un’enorme pressione sugli ospedali locali, alcuni dei quali sono stati gravemente danneggiati.

Edifici di cemento crollati fiancheggiano la strada principale della città balneare di 100.000, che deve affrontare altri pericoli sotto forma di una tempesta in arrivo.

L’ospedale generale della città era gremito di medici e infermieri che assistevano i pazienti in tende allestite in un parcheggio affollato.

Decine di persone giacevano su letti e materassi sull’erba fuori dall’ospedale.

Le persone trascorrono la notte all'aperto in una zona erbosa, alcune indossando coperte leggere e un riparo e altre all'aperto.
Gli sfollati dovevano dormire all’aperto.(

AFP: Joseph Audlin

)

All’interno, i pazienti erano su barelle per terra o su lettini in stanze affollate con i parenti al loro fianco.

Un testimone di Reuters ha detto che i bambini sono stati spostati dall’unità di terapia intensiva neonatale dell’ospedale a causa delle preoccupazioni che l’edificio non fosse sicuro dopo il terremoto.

La dottoressa Lucette Gideon, una pediatra, ha iniziato a fare volontariato nel reparto neonatale temporaneo sabato e ha detto che l’ospedale aveva finito gli antibiotici e i narcotici.

“C’erano bambini che erano entrati a cui era necessario amputare gli arti dopo essere rimasti intrappolati sotto le macerie”, ha detto il dottor Gideon.

L’ONU vuole che le bande lascino passare gli aiuti

Un adolescente piange mentre guarda da una folla fitta un camion dove vengono distribuiti sacchi di riso.
Sacchi di riso vengono distribuiti agli abitanti del villaggio di Le Kai.(

AFP: Joseph Audlin

)

Il primo ministro Ariel Henry ha detto che non c’è tempo da perdere.

Ha scritto su Twitter: “Da lunedì andremo più veloci. L’assistenza sarà accelerata”.

“Moltificheremo i nostri sforzi per raggiungere il maggior numero possibile di vittime con gli aiuti”.

Lunedì, l’aeroporto di Port-au-Prince era pieno di paramedici e operatori umanitari che si affrettavano a raggiungere il sud con i rifornimenti.

L’accesso a Les Cayes è stato complicato da mesi di disordini politici, lasciando alle bande il controllo delle principali vie di accesso a parti del paese.

Le Nazioni Unite hanno chiesto un “corridoio umanitario” per consentire agli aiuti di passare attraverso il territorio controllato dalle bande.

Un testimone di Reuters ha detto che le ambulanze sono arrivate all’aeroporto di Les Cayes per prelevare i feriti gravemente dalle zone vicine.

Le vittime sono state trasferite su barelle su piccoli aerei e su un elicottero della Guardia Costiera degli Stati Uniti per il trasporto a Port-au-Prince, dove i servizi ospedalieri erano intatti.

Con la rete telefonica fuori uso in alcune zone, gli operatori umanitari stavano ancora calibrando i danni.

Molte case in villaggi difficili da raggiungere erano fragili, costruite su pendii soggetti a frane, ha affermato Alex Persent di ActionAid.

Il disastro ha anche confuso i piani per le elezioni presidenziali a novembre.

Le elezioni avrebbero dovuto tracciare una linea nella confusione politica che ha prevalso dall’assassinio di Moyes il 7 luglio.

Frane e alluvioni minacciano la zona sismica

Uomo haitiano che porta un materasso
I soccorritori corrono per trovare i sopravvissuti prima di un possibile diluvio causato da una tempesta tropicale in arrivo.(

Reuters: Ricardo Arduingo

)

Gli operatori umanitari stavano lottando per battere l’arrivo di Grace, che lunedì sera si stava spostando da ovest a nord-ovest lungo il sud di Haiti.

Il National Hurricane Center (NHC) degli Stati Uniti ha previsto che Grace sarebbe passata direttamente attraverso le aree colpite dal terremoto, con fino a 380 mm di pioggia, minacciando inondazioni e frane.

Alcuni haitiani che hanno perso le loro case dormono all’aria aperta, molti di loro traumatizzati dai ricordi di un terremoto di magnitudo 7 11 anni fa che ha colpito molto più vicino di Port-au-Prince, uccidendo più di 200.000 persone, secondo le Nazioni Unite .

Queste persone per le strade saranno esposte alla pioggia a causa di un aumento del rischio di malattie trasmesse dall’acqua come il colera, ha affermato Jerry Chandler, capo dell’Agenzia di protezione civile di Haiti.

“Abbiamo un problema serio”, ha detto Chandler domenica.

Ha detto che barche ed elicotteri venivano usati per fornire assistenza, ma il governo stava lavorando per garantire un accesso sicuro via terra. I rifornimenti iniziali ce l’hanno fatta su strada.

ABC/Reuters

READ  Almeno 20 persone uccise in caso di maltempo in una corsa in montagna in Cina | Cina