Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli esperti affermano che la “cupola di calore” probabilmente ha ucciso un miliardo di animali marini al largo delle coste del Canada e del Canada

Più di un miliardo di animali marini lungo la costa canadese del Pacifico sono probabilmente morti la scorsa settimana record di ondata di caldoGli esperti avvertono, evidenziando la vulnerabilità di ecosistemi non abituati a temperature estreme.

La “cupola termale” che poggiava a ponente Canada Per cinque giorni, gli Stati Uniti nordoccidentali hanno spinto le temperature nelle comunità lungo la costa a 40 gradi Celsius (104 Fahrenheit), battendo vecchi record e fornendo poco sollievo per giorni.

Si crede che il caldo soffocante implacabile Ha ucciso fino a 500 persone nella provincia della British Columbia e ha contribuito a Centinaia di incendi stanno attualmente bruciando in tutta la provincia.

Ma gli esperti temono che possa avere un impatto devastante sulla vita marina.

Christopher Harley, un biologo marino dell’Università della British Columbia, calcola che più di un miliardo di animali marini potrebbero essere morti a causa del caldo insolito.

Ha detto che una passeggiata lungo una spiaggia nell’area di Vancouver ha evidenziato l’entità dei danni causati dall’ondata di caldo.

“La spiaggia di solito non si rompe quando ci cammini sopra. Ma c’erano così tanti gusci di cozze vuoti sparsi ovunque che non potevi evitare di calpestare gli animali morti mentre camminavi.”

Harley è stata colpita dall’odore di cozze in decomposizione, molte delle quali sono state effettivamente cotte in acqua anormalmente calda. Lumache, stelle marine e ostriche si stavano disintegrando nelle acque poco profonde. “È stata una profonda esperienza tirannica”, ha detto.

Mentre l’aria intorno a Vancouver si aggirava intorno agli anni ’30 (circa 100 F), Harley e Talib hanno utilizzato telecamere a infrarossi per registrare temperature superiori a 50 C (122 F) lungo la costa rocciosa.

“Era così caldo quando ero fuori con uno degli studenti che abbiamo raccolto dati per un po’ e poi siamo tornati all’ombra e abbiamo mangiato uva congelata”, ha detto Harley. “Ma ovviamente questa opzione non è disponibile per le cozze, le stelle marine e le ostriche”.

“Un metro quadrato di un letto di cozze può ospitare dozzine o addirittura un centinaio di specie”, ha detto Christopher Harley. Fotografia: Christopher Harley

Le cozze sono ostriche molto resistenti, che resistono a temperature fino a 30 secondi. I cirripedi sono più persistenti, sopravvivono alla metà degli anni ’40 (circa 113 gradi Fahrenheit) per almeno alcune ore.

“Ma quando le temperature salgono al di sopra, queste sono solo condizioni non sopravvissute”, ha detto.

La morte di massa delle ostriche influenzerà temporaneamente la qualità dell’acqua perché le cozze e le ostriche aiutano a filtrare il mare, ha detto Harley, rendendo abbastanza chiaro che la luce del sole raggiunge il fondo delle anguille e allo stesso tempo crea habitat per altre specie.

“Un metro quadrato di un letto di cozze può ospitare dozzine o addirittura un centinaio di specie”, ha detto. È anche il modo in cui le cozze vivono così strettamente che consentono ad Harley di calcolare l’entità della perdita.

“Puoi inserirne migliaia in un’area delle dimensioni di un fornello. Ci sono centinaia di chilometri di costa rocciosa che ricevono le cozze. Ogni volta che ti espandi, il numero aumenta costantemente. E sono solo le cozze. Molta vita marina avrebbe morto.”

Mentre le cozze possono rigenerarsi in un periodo di due anni, un certo numero di stelle marine e ostriche vivono per decenni e si riproducono più lentamente, quindi il loro recupero richiederà probabilmente più tempo.

Harley ha anche ricevuto segnalazioni da colleghi di anemoni di mare, pesci di scoglio e crostacei.

Gli esperti hanno avvertito che la contea deve adattarsi al fatto che le ondate di calore improvvise e persistenti potrebbero diventare più comuni a causa dei cambiamenti climatici.

Si prevede che un’altra ondata di caldo colpirà gli Stati Uniti occidentali e il Canada sudoccidentale la prossima settimana, evidenziando l’asprezza del caldo secco estivo.

“La parte ossessionata dell’ecologo è entusiasta di vedere cosa succede nei prossimi anni”, ha detto Harley. “Ma la maggior parte del resto di me è un po’ depressa. Molte specie non saranno in grado di tenere il passo con il ritmo del cambiamento. Gli ecosistemi cambieranno in modi davvero difficili da prevedere. Non sappiamo dove i punti di svolta siamo.”

READ  I visitatori di Bali non vaccinati possono creare un nuovo hotspot COVID? | Notizie sulla pandemia del virus corona