Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli aumenti dei prezzi mettono alla prova la soluzione politica dell’Europa contro la Russia

Il primo turno delle elezioni presidenziali francesi di domenica ha visto il populista di destra Marine Le Pen ottenere il 22,9% dei voti sulla scia di una campagna incentrata sulla diminuzione del potere d’acquisto degli elettori. Il suo rivale di estrema sinistra, Jean-Luc Mélenchon, la cui campagna era incentrata su prezzi, salari e prestazioni sociali, non era da meno, con il 22% dei voti.

Dalla Francia alla Spagna, alla Germania e alla Grecia, una combinazione di salari quasi stagnanti e aumento dei prezzi ha suscitato proteste e accumulato pressioni sui governi fragili a causa di anni di restrizioni impopolari legate al Covid-19.

L’umore cupo solleva interrogativi sulla volontà degli elettori europei di sostenere i costi economici di quello che sembra destinato a diventare un confronto prolungato con la Russia.

La Russia rappresenta circa il 40% delle importazioni dell’UE di gas naturale, che è una delle principali fonti di energia per l’UE. Fornisce inoltre circa un quarto delle importazioni del blocco petrolifero. E mentre le forniture di entrambi i paesi hanno continuato a fluire dalla Russia, i loro prezzi sono aumentati notevolmente.

I prezzi dell’energia nell’eurozona sono aumentati del 12,5% a marzo rispetto a febbraio e sono stati del 44,7% in più rispetto all’anno precedente, secondo l’agenzia di statistica dell’Unione europea. Anche i prezzi dei generi alimentari sono aumentati rapidamente, con un aumento dello 0,9% a marzo e del 5% rispetto all’anno precedente, spinti in parte dai timori per la carenza di grano e oli vegetali, che Russia e Ucraina producono in grandi quantità.

Samira Tafat, una podologo che vive nella zona di Parigi, trascorre gran parte della sua giornata al volante, facendo visite a domicilio. Suo marito è un tassista.

“Il nostro budget per il carburante è enorme e sta diventando difficile da controllare. Ho tre figli e ho bisogno di dar loro da mangiare”, ha detto.

READ  La Scuola Italiana a Expo 2020 Dubai. La Campania è tra gli eroi del sistema Paese

Secondo un sondaggio Ifop all’inizio di marzo, circa il 79% delle circa 4.000 persone intervistate in Francia, Germania, Italia e Polonia ha sostenuto sanzioni economiche contro la Russia, mentre il 67% ha sostenuto la fornitura di equipaggiamento militare all’Ucraina.

Tuttavia, le preoccupazioni per il costo della vita sono in aumento. Un sondaggio YouGov separato pubblicato il mese scorso ha rilevato che l’82% dei tedeschi prevede un aumento delle bollette familiari nei prossimi 12 mesi, insieme al 79% degli italiani e al 78% degli spagnoli.

Questa incertezza economica offre l’opportunità ai partiti populisti ancora all’opposizione in gran parte dell’Europa di riorientare il loro messaggio pubblico lontano dalle tradizionali posizioni anti-immigrazione, anti-Islam e legge e ordine.

In Francia, la campagna della signora Le Pen si è concentrata sul danno economico causato dall’elevata inflazione. Ha organizzato manifestazioni nelle piccole città rurali, si è impegnata a tagliare le tasse sul carburante e altri beni di prima necessità ea fornire incentivi alle imprese per aumentare i salari.

Al contrario, i consiglieri del presidente Emmanuel Macron hanno affermato che il leader era troppo occupato a rispondere alle chiamate con il presidente Biden e il suo omologo russo Vladimir Putin sulla guerra in Ucraina per lanciare una campagna seria o discutere con i suoi oppositori.

Alcuni leader populisti di destra altrove in Europa hanno fatto eco all’approccio della signora Le Pen. Matteo Salvini, leader della Lega italiana anti-immigrazione, ha evitato di parlare di guerra, concentrandosi invece su tasse ed economia.

Morena Colombi, che lavora per un’azienda di cosmetici vicino a Milano, ha detto che la sua ultima bolletta del riscaldamento per due mesi è stata di 1.250 euro, ovvero circa $ 1.361. Questo si confronta con 450 euro per lo stesso periodo dell’anno scorso. Ha detto che anche prima della guerra in Ucraina, il suo stipendio non era al passo con l’inflazione.

READ  I legislatori italiani votano per eleggere il prossimo presidente con lista poco chiara

Usciva a mangiare una pizza con suo figlio o con gli amici quasi tutti i fine settimana, ma recentemente lo fa una volta al mese. Ha ridotto le visite dall’estetista e invece ha fatto ricorso al “fai da te”. Ha anche iniziato a fare la spesa a prezzi scontati.

“Mi preoccupo tutto il tempo ora perché vedo i prezzi aumentare ogni giorno. I prezzi stanno aumentando e lo stipendio è quello che è”, ha detto la signora Colombe, 61 anni.

L’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari è stato il più grave sui poveri, perché tali necessità occupano una quota maggiore dei loro budget. In Europa, i salari non hanno tenuto il passo con l’inflazione, rendendo gli europei più poveri in termini reali e minacciando la ripresa economica della regione post-Covid-19.

Negli ultimi tre mesi del 2021, la retribuzione oraria è stata dell’1,5% in più rispetto all’anno precedente, mentre il tasso di inflazione medio è stato del 4,7%, con un calo dei salari reali del 3,1%.

“Tutto sta aumentando tranne i nostri stipendi. È diventato molto difficile”, ha detto Aurelie Karmann, un’operaia di fabbrica e madre di due figli, che vive a Stiring-Wendel, una piccola città vicino al confine tra Francia e Germania.

Un sondaggio YouGov sui consumatori tedeschi pubblicato il 3 aprile ha mostrato che il 15,2% degli intervistati ha affermato di non poter più permettersi i beni di prima necessità e il 53,4% era preoccupato per l’aumento dei prezzi, con un aumento di 10 punti in tre mesi.

La scorsa settimana, i due maggiori sindacati greci hanno organizzato uno sciopero nazionale per protestare contro l’aumento dei prezzi e chiedere un aumento del salario minimo. Il governo greco ha speso più di 3 miliardi di euro per compensare gli effetti dell’inflazione, ad esempio fornendo sussidi per le bollette di luce e gas.

READ  Gestione speciale ingresso lampadina alimentatore - Live Business | un lavoro

“I prezzi salgono ovunque: supermercati, vestiti, acqua, elettricità, gas e riscaldamento. Stanno sempre peggiorando”, ha detto Froso Patzi, 51 anni, che lavora per un’azienda di abbigliamento in Grecia ed è sposato con due figli.

Esther Lynch, vice segretario generale della Confederazione europea dei sindacati, che rappresenta 45 milioni di lavoratori, afferma che il livello di inflazione, che non si vedeva dagli anni ’80, sta guidando la domanda di salari più alti.

Tuttavia, è improbabile che i datori di lavoro siano d’accordo, mentre devono anche affrontare costi energetici più elevati, una domanda più debole e, in alcuni casi, nuove interruzioni delle loro catene di approvvigionamento a causa della guerra.

I colloqui tra il sindacato tedesco dei lavoratori chimici IGBCE e i datori di lavoro su un nuovo accordo salariale erano in corso quando le truppe russe sono entrate in Ucraina. Il 5 aprile, i due hanno concordato una soluzione temporanea che avrebbe concesso ai lavoratori un pagamento una tantum per aiutare con bollette energetiche più elevate e altri costi fino a quando non fosse stato concordato un nuovo accordo salariale in ottobre.

“In questo periodo di grande incertezza per i lavoratori e le aziende, abbiamo dovuto trovare una soluzione che combinasse alleggerimento dell’inflazione e sicurezza del lavoro”, ha affermato Michael Vasiliadis, presidente del sindacato.

partecipazione a Newsletter di menta

* Inserisci un’e-mail disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.