Aprile 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Giuseppe Marotta chiede cambiamenti urgenti nel calcio italiano

Giuseppe Marotta chiede cambiamenti urgenti nel calcio italiano

Giuseppe Marotta, direttore sportivo dell'Inter, lancia l'allarme sulla fragilità del modello di business che attualmente governa il calcio italiano.

“Ora è necessario coniugare la sostenibilità finanziaria con la competitività sportiva, mettendo da parte, se necessario, i risultati sportivi ottenuti sul campo”, ha detto Marotta la scorsa settimana durante la nostra conversazione nella sede dell'Inter, pochi giorni prima dell'inizio dei Campioni d'Europa. Lega. Semifinale di campionato contro il rivale cittadino Milan.

“Abbiamo bisogno di un nuovo modello di business che garantisca un equilibrio tra ricavi e costi”.

Costo del lavoro elevato

Marotta (66 anni) lavora nel calcio italiano da più di quattro decenni, gli ultimi 13 dei quali trascorsi come direttore esecutivo di Juventus e Inter. È stato lui a progettare il trasferimento che ha portato Cristiano Ronaldo alla Juventus nel 2018 e Romelu Lukaku all'Inter nell'anno in cui i Nerazzurri conquistarono il titolo di Serie A dopo 11 anni di siccità.

Marotta, da molti considerato una delle figure più esperte e influenti del calcio italiano, non ha dubbi quando sostiene che la massa salariale rappresenta la questione più urgente del settore.

“Il problema più grande del calcio italiano non sono i costi organizzativi, ma il costo del lavoro”, ha detto.

I club italiani più ricchi, Juventus e Inter, hanno un rapporto salari/entrate rispettivamente dell’84% e dell’82%. Deloitte Football Money League 2023 svelare. Queste percentuali li collocano al di sopra di tutte le dieci squadre di calcio più ricche del mondo, con l'unica eccezione del club francese Paris Saint-Germain.

Questi problemi sono stati esacerbati dall’arrivo della pandemia, quando la maggior parte delle fonti di entrate dei club si sono fermate mentre i costi operativi sono rimasti invariati, provocando un aumento significativo dei salari rispetto alle entrate del club.

Questo sfortunato evento ha evidenziato quanto sia insostenibile la gestione di una squadra di calcio in Italia.

“Oggi gli stipendi rappresentano una percentuale molto alta del costo totale del club, il che potrebbe portare al default di qualsiasi azienda”, ha concluso Marotta.

Il problema dell’aumento dei ricavi degli stadi

Mentre il costo del lavoro rimane elevato, Marotta ha sottolineato l’incapacità dei club italiani di sfruttare i biglietti per le partite e l’ospitalità, una delle principali fonti di entrate nel calcio d’élite ma in cui l’Italia è ancora in ritardo rispetto al resto d’Europa.

Solo quattro delle 20 squadre di Serie A possiedono attualmente uno stadio, mentre le restanti 16 squadre sono semplicemente inquilini di stadi obsoleti che offrono servizi in loco limitati e un'esperienza di gioco mediocre rispetto a quella che i tifosi di calcio sono abituati a provare, guardando e fare in Pitch. Eventi live negli stadi esteri.

Tuttavia, costruire nuove strutture o ammodernare quelle esistenti può essere molto difficile per i club italiani. Diversi proprietari di Serie A, la maggior parte dei quali provengono dagli Stati Uniti, hanno provato ad avviare progetti di nuovi stadi, ma hanno finito per sbattere la testa contro il duro muro della burocrazia italiana.

In Italia, infatti, ci sono diverse fasi per ottenere l’approvazione per un progetto di stadio, che deve passare attraverso la burocrazia a livello comunale, provinciale, regionale e nazionale. Inoltre, ha spiegato Marotta, i vecchi stadi sono spesso classificati come “monumenti nazionali” a causa della loro età, e quindi non possono essere facilmente demoliti o ristrutturati.

“La burocrazia in Italia è molto più lenta che in qualsiasi altro Paese”, ha detto Marotta. “Tutti questi passaggi creano ostacoli che scoraggiano anche gli investitori ben intenzionati, come sta accadendo a Milano”.

L'Inter sta provando a costruire una nuova casa e ad allontanarsi da San Siro, stadio di 97 anni ancora di proprietà del comune. Anche se lo storico stadio ha registrato numeri record di presenze la scorsa stagione, Marotta è convinto che gestire un proprio stadio genererebbe ricavi molto maggiori e aiuterebbe ad alleggerire l'onere finanziario sull'Inter.

Ripensare il modello di business

La sproporzione tra ricavi e costi rende le finanze dei club calcistici italiani incredibilmente dipendenti dalla loro capacità di avere successo in campo, con le squadre che raccolgono una parte significativa dei loro ricavi annuali attraverso premi in denaro destinati a tornei nazionali e internazionali.

“I risultati sportivi giocano un ruolo molto importante in termini di potenziale di guadagno totale di un club. Sia a livello nazionale che internazionale, la distribuzione dei ricavi è influenzata dalla posizione della squadra alla fine della stagione”, ha detto Marotta.

In questa stagione, ad esempio, l'Inter ha ricevuto più di 80 milioni di euro per aver raggiunto le semifinali di Champions League, e in futuro potrebbe riceverne altri 20 milioni, una somma che rappresenta circa un terzo del totale considerando questo. Il fatturato dello scorso anno è stato pari a 308 milioni di euro al Deloitte. D'altronde, escludere il club dalla corsa tra le prime quattro del campionato italiano, e quindi non riuscire a qualificarsi per la prossima edizione della Champions League, sarebbe un duro colpo finanziario.

“Se finissimo quinti invece che quarti in campionato, perderemmo circa il 30% o il 40% delle entrate annuali del club”, ha detto Marotta. “Non partecipare alla Champions League significa rinunciare a ricavi intorno ai 60-70 milioni di euro, il che significa adeguare il piano industriale del club”.

Considerato il ruolo chiave che i risultati sportivi giocano nel calcolo del budget annuale di un club, Marotta ritiene che i giocatori debbano essere attivamente coinvolti nei rischi aziendali del club.

Più nello specifico, ha parlato di come i contratti dei giocatori dovrebbero includere gli “abusi”, ovvero sanzioni pecuniarie che incidono sulla punizione dei giocatori nel caso in cui un club non riesca a soddisfare gli standard di prestazione stabiliti in una stagione. Questi incentivi negativi funzionano al contrario dei bonus e consentirebbero ai club di ridurre la propria responsabilità finanziaria nei confronti dei giocatori quando una squadra fallisce nelle competizioni europee e nazionali.

Nel lungo termine, Marotta crede fermamente nel sistema del tetto salariale come la migliore misura di contenimento dei costi nel calcio italiano. È un sostenitore di questo formato ormai da più di tre anni, anche se riconosce che richiederà tempo e significativi aggiustamenti organizzativi.

Ciò che è evidente per Marotta è che il sistema attuale ha raggiunto il punto di rottura nel calcio italiano.

Per lui è inconcepibile che l'equilibrio del club rimanga così dipendente dal successo dei giocatori in campo o meno, poiché ciò complica tutti i tipi di sforzi per creare un modello di business sostenibile per i prossimi anni.

“In Italia il modello matematico continua a dominare qualsiasi tipo di strumento di controllo economico e finanziario”, ha affermato Marotta.

“È troppo casuale. Ci deve essere un sistema più stabile.”

Seguimi Twitter O LinkedIn.

READ  Singapore Design Week: celebrare il designer che c'è in ognuno di noi