Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La diaspora italiana ha contribuito a plasmare il mondo

La diaspora italiana ha contribuito a plasmare il mondo

Di Silvio Lacetti

Mentre mi preparavo per il WorldCast 23 studi ambientali globali per la mia organizzazione che trasmette agli studenti delle scuole superiori, ho pensato all’insediamento diffuso degli italiani nel mondo, alla diaspora italiana.

Gli americani, soprattutto gli italoamericani, sono a malapena consapevoli delle dimensioni della diaspora italiana. Le persone di origine italiana hanno svolto ruoli importanti e sono molto presenti in numerosi paesi al di fuori dell’Europa. Un elenco selezionato da varie fonti mostra quanto segue:

1. Per riferimento, la popolazione italiana è di 60 milioni.

2. Il Brasile ha 32 milioni di patrimonio italiano, ovvero il 15% della sua popolazione totale.

3. La popolazione dell’Argentina è di 25 milioni, ovvero il 62,5% della sua popolazione totale.

4. Gli Stati Uniti ne hanno circa 17 milioni, circa il 6%. Ma la National Italian American Foundation afferma che il numero potrebbe raggiungere i 25 milioni, dal momento che il Census Bureau ha smesso di fare domande sull’etnia italiana in questo secolo.

5, Venezuela 1,7 milioni o 6%.

6- Canada 1,5 milioni o 4,5%.

7. e 8. Australia 1 milione o 4,4% e Uruguay 1 milione, ma 40%.

Se te lo stavi chiedendo, le città degli Stati Uniti con il maggior numero di italoamericani sono: New York City, milioni, seguita da Filadelfia, Chicago e Boston, ciascuna con circa mezzo milione. La più grande concentrazione di italoamericani è nel nord-est con New York e New Jersey in testa.

Il New Jersey abbonda di comuni che si collocano tra i primi 10 per percentuale di italoamericani: Fairfield guida la nazione con il 50,3%. Nella nostra regione, i leader nazionali includono: East Hanover, 41,3%, Cedar Grove e Wood Ridge, 40%, South Hackensack, 36%, Nutley, 36%. In termini di numeri, le comunità di Shore guidano lo stato, Toms River con 27.500, Brick con 23.000, seguite da tre comunità nella contea di Hudson: Jersey City (12.000), Hoboken (10.600) e Bayonne (8.000).

READ  Un pasto a Roma è una lezione di storia italiana

In queste comunità, le due questioni più importanti per gli italoamericani riguardano 1., la controversia Columbus e 2., gli studi italiani nelle scuole pubbliche. Con mia grande sorpresa, ho deciso di chiedere a due americani non italoamericani associati al lavoro della mia fondazione sui problemi che devono affrontare le loro comunità italiane all’estero, uno dal Brasile e l’altro dall’Australia.

Per prima cosa, ho chiesto di Bel Massina in Brasile. Il picco dell’immigrazione italiana in Brasile si è verificato nello stesso periodo dell’immigrazione negli Stati Uniti, 1970-1920, con un afflusso minore verificatosi dopo la seconda guerra mondiale. Atipicamente, Bill è il triplo motore. I suoi nonni sono venuti negli Stati Uniti dall’Italia. È cresciuto nel New Jersey, ma in età adulta si è trasferito in Brasile per avviare la sua attività di successo, ITAMBRAS.

In Brasile, dice Bell, il Columbus non è un problema. Ci sono pochissimi monumenti a lui in Brasile, che, dopotutto, furono scoperti dal navigatore portoghese Pedro Cabral. Il 12 ottobre è celebrato come la “Giornata dei bambini” quasi religiosa! Per quanto riguarda la seconda questione, sulla conservazione e l’espansione della lingua italiana e degli studi culturali, a differenza di qui, sono le giovani generazioni ad essere più preoccupate di questo. Stanno spingendo per più studi italiani nel curriculum scolastico e mostrano un forte interesse per ottenere la doppia cittadinanza italo-brasiliana. Queste tendenze sono particolarmente evidenti nella città natale di Bell, Serra Negra, che ospita il 90% del patrimonio italiano.

Il mio secondo contatto è l’italo-australiano Zack Fasioni, un matematico sorprendentemente abile, sette volte star della pista All-American che sta finendo un master alla Wake Forest University nel North Carolina. Abbastanza interessante, nel cuore di quello stato, Zack è stato identificato dai suoi coetanei e compagni di classe come australiano, non qualcuno di origine italiana!

READ  L'Atletico Madrid esclude il trasferimento dell'attaccante Alvaro Morata dalla Juventus nuovamente in prestito

Per quanto riguarda la polemica su Colombo, in Australia, come in Brasile, ci sono pochissimi segnali e non c’è clamore intorno al grande navigatore. Naturalmente, l’Australia fu “scoperta” dagli olandesi nel 1606 e riscoperta dal capitano britannico Cook nel 1770, molto tempo dopo i viaggi colombiani nel Nuovo Mondo.

Per gli studi italiani, come abbiamo visto in Brasile, c’è un crescente interesse tra i giovani italoaustraliani a saperne di più sulla loro eredità. Ma nelle scuole e nelle università la lingua italiana è tagliata fuori. In effetti, una delle università ha smesso di insegnare qualsiasi lingua, affermando che questo studio non è compatibile con la sua missione.

Zack vive in un sobborgo di Sydney, una grande città che ha la sua “Little Italy”. Ma non c’è posto per lui nella sua casa americana di Winston-Salem, North Carolina. Il meglio che può fare è visitare il Duoli Italian Market per alcune prelibatezze italiane!

In conclusione, esorto tutti i lettori a scavare più a fondo negli argomenti sollevati in questo articolo e a saperne di più sulla geografia e sulla politica della tua città natale.

Silvio Lacetti, Ph.D. a Fairview, è professore emerito di storia e editorialista nazionale da 20 anni. La sua omonima fondazione promuove il patrimonio e la cultura italiana negli Stati Uniti e all’estero.

Invia lettere all’editore e alle colonne degli ospiti di The Jersey Journal a jjletters@jjournal.com.