Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

È improbabile che i produttori italiani ottengano l’estensione del dimetoato prima del raccolto

Il Ministero della Salute italiano ha ricevuto una richiesta dagli olivicoltori per estendere l’uso del dimetoato per la prossima stagione 2021.

Tuttavia, agricoltori e produttori temono che non ci sarà abbastanza tempo per fare le revisioni necessarie per concedere la proroga di 120 giorni.

Prima di essere approvata, la domanda deve essere preventivamente esaminata dal Dipartimento delle politiche agricole alimentari e forestali, dal Servizio nazionale per le malattie delle piante e dai Servizi regionali.

Guarda anche: Lo studio ha rilevato che le olive sono tra gli alimenti con il livello più basso di residui di pesticidi in Europa

Labo Baldini, direttore della sezione toscana dell’Associazione italiana agricoltori (CIA), ha affermato che il divieto di utilizzo del dimetoato sta mettendo in crisi gli uliveti della regione, proprio perché non esistono alternative altrettanto efficaci.

Ha aggiunto che i prodotti sbiancanti, la cui efficacia pratica non è stata ancora dimostrata, sono più difficili da usare rispetto ai larvicidi come il dimetoato, che funziona in una gamma molto più ampia. Rame e caolino (fungicidi) sono deterrenti per la mosca dell’olivo ma non, come abbiamo già visto, risolvono il problema in caso di attacchi intensi di mosca”.

A causa degli aspetti tecnici e burocratici di questo processo, è improbabile che le domande degli agricoltori vengano approvate prima della fine di settembre.

A quel punto, sarà troppo tardi per gli olivicoltori utilizzare il dimetoato in modo efficace, dati i vincoli della catena di approvvigionamento.

Mentre il divieto sul dimetoato è entrato in vigore nel 2019, i relativi Stati membri dell’Unione Europea hanno chiesto un’estensione dell’uso dell’insetticida, che è scaduta nell’ottobre 2020.

READ  Stati Uniti e Taiwan terranno il secondo round di dialogo economico la prossima settimana, Auto News, ET Auto

Con le speranze in diminuzione per una nuova espansione, gli olivicoltori sono sotto forte pressione per cercare alternative mentre si preparano per la stagione della lotta contro la mosca delle olive senza fare affidamento sul dimetoato.

Guarda anche: Preoccupazioni per il divieto di dimetoato tra gli olivicoltori francesi

Gli olivicoltori possono comunque utilizzare insetticidi che contengono i principi attivi fosfito e deltametrina. Il primo agisce come un ovarico e parzialmente larvicida, mentre il secondo ha un effetto letale sugli adulti.

L’unico problema con questi due principi attivi è che tendono ad avere un effetto residuo sull’olio se utilizzati entro 60-90 giorni dalla raccolta. Ciò impedisce che molti degli oli extra vergini di oliva prodotti in questo periodo vengano esportati all’estero, in particolare negli Stati Uniti.

L’unica altra alternativa è usare l’acetamiprid perché ha un effetto ovulicida, larvicida parziale e basso residuo. Tuttavia, il suo utilizzo è limitato a due trattamenti all’anno.

Questo pone gli agricoltori in una posizione difficile. Non è consigliabile affidarsi al metodo di lotta ai bruchi, soprattutto nelle zone dove gli insetti sono comuni, dove la mosca dell’olivo può passare da tre a quattro generazioni da luglio a ottobre.

Per combattere la minaccia della mosca dell’olivo, gli allevatori necessitano di un intervento adulticida di prima generazione in cui l’infestazione è bassa o media e, quando necessario, seguito da un approccio larvicida.