Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Europa può finalmente risolvere la “questione meridionale”? – Notizia

Lo stesso vale anche per l’Europa nel suo insieme, con Spagna, Grecia e Italia i paesi più colpiti.

In Italia si insegna anche al liceo: la cosiddetta “questione meridionale”, il vasto divario di sviluppo ed economia tra nord e sud del Paese.

Lo stesso vale anche per l’Europa nel suo insieme, con Spagna, Grecia e Italia i paesi più colpiti.

Ma ora, con i finanziamenti senza precedenti disponibili attraverso i programmi dell’UE per la ripresa dal COVID-19, l’Europa può finalmente iniziare a colmare il divario nord-sud in termini di qualità della vita, opportunità e sviluppo?

Le prospettive sono le più ottimistiche dall’inizio della Grande Recessione nel 2008 e dalla successiva crisi del debito sovrano che ha paralizzato la Grecia, costando ai suoi cittadini un quinto del loro reddito disponibile. Quasi la metà del fondo di recupero di 800 miliardi di euro andrà al sud del continente, dove funzionari e dirigenti aziendali potrebbero iniziare a credere che il già persistente malessere possa essere risolto.

Secondo una recente analisi della società di servizi finanziari Moody’s, il finanziamento della ripresa potrebbe effettivamente fornire un importante impulso alle economie della regione meridionale. Si prevede che i finanziamenti UE approvati per Grecia, Italia, Portogallo e Spagna equivalgano all’1,9% del PIL annuo da quest’anno al 2027, raddoppiando gli investimenti pubblici nel periodo dopo un decennio di bassi investimenti a livello nazionale, regionale e locale. .

Ma la classe meridionale può assorbire efficacemente il denaro? La burocrazia in rete e la corruzione sono state a lungo tra le ragioni della vulnerabilità della regione. Secondo un rapporto dell’agenzia di stampa italiana ANSA, l’Italia era in fondo alla classifica per assorbire i fondi di investimento dell’UE nel 2019, utilizzando solo il 30,7 per cento dei finanziamenti concordati.

READ  Cosa sta succedendo nell'economia globale: i consumatori in Cina mettono in guardia il mondo

È un problema a livello di cluster. Alla fine del 2019, il penultimo anno del bilancio settennale dell’UE per questo periodo, era stato erogato solo il 40%, circa 184 miliardi di euro, dei finanziamenti UE concordati dopo che le province avevano soddisfatto i requisiti dei beneficiari.

“I fondi per la ripresa dell’UE forniranno un significativo impulso economico a Grecia, Italia, Portogallo e Spagna mentre le loro economie si riprenderanno da una contrazione media dell’8,9% nel 2020”, ha affermato Sarah Carlson, Senior Vice President di Moody’s. “Supponendo che questi paesi ottengano questo finanziamento per intero, stimiamo che ci sia un aumento di 0,7 punti percentuali nella crescita annuale in media tra il 2021 e il 2027, con Grecia e Portogallo che ne beneficiano maggiormente”.

Sebbene l’UE sembri già generosa in generosi finanziamenti, non è del tutto altruista in questi sforzi. Il blocco capisce che i Southern Narrows potrebbero minacciare l’intero sforzo. Senza una gestione fiscale unificata della zona euro, le fragili economie del sud incombevano da tempo sull’intero ambizioso progetto.

I più colpiti sono i giovani. Nove delle prime 10 regioni per disoccupazione giovanile nell’Eurozona si trovano nell’Europa meridionale. Nel 2020, il 39,4 per cento dei giovani in Spagna era disoccupato, seguito dal 34 per cento in Grecia e dal 30,6 per cento in Italia. L’epidemia si è accumulata sui problemi economici. In termini reali, la maggior parte della regione meridionale ora gode di un benessere economico inferiore rispetto a prima che gli Stati membri aderissero alla moneta unica 20 anni fa.

In quanto terza economia dell’UE e membro fondatore dell’intera iniziativa, l’Italia è la spina dorsale del blocco, un fatto che sia la Commissione europea che il primo ministro italiano Mario Draghi sanno bene.

READ  I leader del G7 hanno deciso di mantenere open source i rubinetti di denaro

Draghi, l’ex capo della Banca Centrale Europea, ha dichiarato che “la vita degli italiani” è ora a rischio, così come “il destino del Paese” e “la sua credibilità e reputazione come stato fondatore dell’Unione Europea e campione nella Mondo occidentale”. L’Italia sarà il maggior beneficiario di finanziamenti per la ripresa dall’Unione Europea, con un totale di 220 miliardi di euro tra contributi e prestiti.

Sebbene la Spagna sia più piccola dell’Italia in termini di popolazione ed economia, è stata una strenua sostenitrice dell’integrazione nell’UE e la sua lealtà ha dato i suoi frutti. L’Unione europea ha deciso di fornire quasi 70 miliardi di euro in trasferimenti di denaro non rimborsabili dal 2021 al 2023 oltre a un importo simile in prestiti.

La Grecia dovrebbe ricevere fino a 30,5 miliardi di euro entro il 2026, circa 17,8 miliardi di sovvenzioni e 12,7 miliardi di prestiti. Il governo ha riconosciuto che l’attuazione del piano è una sfida importante e richiederà alla Grecia di assorbire il doppio del consueto tasso annuo di fondi UE, aumentando allo stesso tempo gli investimenti privati ​​del 30%. Ha anche avvertito che la Grecia dovrebbe diffidare dei rischi insiti nell’esercizio, compreso il rischio di incontrare “comportamenti del passato”.

Questo è in realtà il nocciolo della questione. La “questione meridionale” è sempre stata sollevata almeno in parte a causa dei comportamenti, delle tradizioni e dei valori fondamentali che sono evidenti nella regione. Pertanto, non è necessaria solo la riforma economica, ma anche la riforma umana.

C’è da chiedersi come ciò sia possibile dopo aver visto la risposta alla pandemia. Alle persone di tutto il mondo è stato chiesto di aiutare e cooperare con il semplice atto di indossare una maschera. La maggior parte ha accettato, ma alcuni hanno rifiutato, anche quando la loro vita dipendeva da questo.

READ  Questi paesi sono al primo posto nella competitività digitale

Quindi non è irragionevole mettere in discussione la misura in cui le persone possono aggiustare, soprattutto quando si tratta di abitudini lavorative e finanziarie. Una certa rassicurazione è fornita dal fatto che la maggior parte di loro è stata disposta a collaborare durante la pandemia, sia indossando maschere che vaccinando.

È certo che l’Europa nel suo insieme spera che prevarranno gli angeli migliori e che il Sud potrà finalmente ascendere per eguagliare la qualità della vita nelle altre regioni.

Viene mostrato il set di carte più propizio in circolazione da molto tempo. La chiave ora è quanto bene giocano tutti.

John van Hausen e Mariella Radiali sono giornalisti con sede a Milano.