Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Fotografare una città sotterranea in Australia – Coober Pedy – Geographic Australia

Fotografare una città sotterranea in Australia – Coober Pedy – Geographic Australia

Ricevo un gran numero di offerte e idee per storie, e almeno una volta all’anno un fotografo chiederà se può ingaggiarli per documentare Coober Pedy, un remoto sito minerario a 800 chilometri a nord di Adelaide nell’Australia Meridionale che un tempo produceva il 70% dei granati del mondo.

È chiaro perché la città abbia catturato l’attenzione e ispirato così tante persone visive, inclusi grandi registi come Wim Wenders e Herner Herzog. Coober Pedy è un luogo molto strano e surreale con una vasta distesa di satelliti che nasconde un universo sotterraneo globale sottostante. Il posto è una vera città di frontiera, ma con un melting pot di cultura simile alla diversità di una grande città.

La città è impressa nel nostro folklore come un luogo di sogni, ambizione, avidità e fortune perdute e ritrovate, dove le persone vengono a scomparire e ricominciare la loro vita. Dalla superficie, Coober Pedy sembra una città fantasma, un inquietante miscuglio di tumuli a forma di cono, ornato in parte da piccoli gruppi di macchinari abbandonati che raccontano una storia di declino dei cercatori e invasione mineraria industriale, il tutto in un ambiente appartato e vasto, lunare -simile al paesaggio. Lo scrittore DBC Pierre ha scritto che Coober Pedy ha “un’atmosfera da parco a tema… [and is] Un posto da sogno in mezzo al nulla… con uno speciale cameratismo di avamposti.”

L’intera città è entusiasta degli estremi ambientali assurdi e stimolanti. Il golf si gioca di notte con palline luminose su un campo senza erba. C’è una chiesa ortodossa serba sotterranea, un hotel e un campeggio. Un intricato insieme di porte, prese d’aria e camini emerge dal terreno e taglia in sporgenze e creste, come se, geografico australiano “L’intero posto era abitato da conigli alti un metro e mezzo che camminavano sulle zampe posteriori”, dice lo scrittore Bruce Elder.

READ  Ryanair appelli contro i fondi statali pompati nella nuova Alitalia - paper

Ho compilato un elenco di diversi fotografi che hanno già realizzato storie fotografiche su Coober Pedy, in parte per sostenere le mie osservazioni quando passavo offerte di saggi fotografici che erano foto dirette della città. Raramente i rilievi generali dei luoghi sono sufficienti per una storia perché abbiamo bisogno di una visione mutevole o alternativa di ciò che è stato catturato prima per muovere la narrazione. Alcuni fotografi sono tornati più e più volte, ossessionati come se avessero una sorta di “febbre dell’opale”, uno stato ipnotico che “ancora i cacciatori di fortuna a questi luoghi desolati per la vita”, dice il fotoreporter Dean Sewell.

Dean è stato attratto da Coober Pedy diverse volte “affascinato dalla legge prevalente, da una corrente sotterranea più oscura… con persone in fuga da qualcuno o qualcosa, una moglie abbandonata, soci in affari in cui i rapporti sono andati male o il governo – questo include sopravvissuti, pescatori ricchi, selvaggi o cercatori di stili di vita alternativi.

decano Gruppo Oculi La collega fotografa Abigail Varney ha trascorso quattro anni a documentare la città dopo che una visita iniziale per catturare gli interni nascosti si è trasformata in un progetto di libro completo.

Per la fotografa cilena Tamara Merino, che ha attraversato la città solo nel 2015 per caso dopo aver forato uno pneumatico, Coober Pedy ha lanciato la sua serie di foto globali “Underground” sul tema della vita sotterranea in tutto il mondo.

Il fotografo francese Antoine Brouille ha vinto una serie di premi internazionali per la sua visione unica di un insediamento minerario.

Il fotografo italiano Mattia Pannunzio si è chiesto come avrebbe incontrato la gente del posto per documentare le loro speranze e ha lottato quando i cittadini erano nascosti nelle miniere o nei rifugi, ma si è trovato abbracciato dai membri della grande comunità italiana.

READ  L'ex capo della banca afferma che l'economia del Regno Unito è ora paragonabile a quella di Grecia e Italia grazie a Liz Truss

Tamara Merino “Underground”

fotografo cileno Tamara Merino Ha vissuto sottoterra nelle case sotterranee dei minatori per oltre un mese e ha fatto amicizia all’interno della comunità chiusa. Una delle poche minatrici, una donna tedesca di nome Gabi, invita Tamara (che condivide i suoi antenati tedeschi) a restare quanto vuole. Partecipando alla comunità, Tamara ha potuto assistere in prima persona alla vita privata delle persone che si nascondono nel sottosuolo.