Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Biden: Netanyahu sta commettendo un “errore” riguardo a Gaza Notizie della guerra israeliana a Gaza

Biden: Netanyahu sta commettendo un “errore” riguardo a Gaza  Notizie della guerra israeliana a Gaza

Nella sua critica più forte finora, Biden si oppone all'approccio di Israele, non alla sua guerra devastante contro Gaza.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu sta commettendo un “errore” nella gestione della guerra di Gaza e delle sue ripercussioni all’interno di Israele e a livello internazionale.

“Penso che quello che sta facendo sia sbagliato”, ha detto Biden a Univision, una rete televisiva in lingua spagnola con sede negli Stati Uniti, in un’intervista trasmessa martedì scorso, quando gli è stato chiesto se Netanyahu stesse anteponendo la sua sopravvivenza politica agli interessi nazionali.

Biden ha anche affermato che è “oltraggioso” che Israele abbia preso di mira un convoglio dell’organizzazione benefica statunitense World Central Kitchen (WCK) a Gaza, uccidendo sette operatori umanitari.

“Quindi ciò che chiedo è che gli israeliani chiedano un cessate il fuoco e consentano, durante le prossime sei o otto settimane, il pieno accesso a tutto il cibo e le medicine che entrano nel paese”, ha aggiunto, aggiungendo che altri paesi sono pronti. Anche per aiutare.

Ho parlato con tutti, dai sauditi ai giordani agli egiziani. Sono disposti a trasportare questo cibo. Non ci sono scuse per non provvedere ai bisogni medici e nutrizionali di queste persone. “Deve essere fatto adesso.”

Patti Culhane, corrispondente dalla Casa Bianca di Al Jazeera, ha riferito che l'intervista è avvenuta la settimana scorsa, poco dopo che gli operatori umanitari della WCK erano stati uccisi in un attacco militare israeliano.

Culhane ha detto che a Biden è stata posta solo una domanda su Gaza, se “crede che… Netanyahu stia mettendo la sua sopravvivenza politica al di sopra degli interessi di Israele”.

READ  L'Europa provoca il mondo con il suo controverso piano per combattere il cambiamento climatico

Culhane ha aggiunto che resta da vedere se lo staff di Biden ritirerà in seguito le sue dichiarazioni sul cessate il fuoco da lui chiesto.

Mentre cresce la pressione internazionale per una tregua nella guerra che dura da sei mesi, non è stato fatto alcun progresso durante settimane di colloqui con funzionari israeliani e di Hamas, nonché con mediatori internazionali: Stati Uniti, Egitto e Qatar.

Alti funzionari dell’amministrazione statunitense continuano a difendere e sostenere la guerra – inviando armi a Israele – nonostante l’uccisione di 33.360 palestinesi nella Striscia di Gaza dal 7 ottobre.

Martedì, nella testimonianza davanti alla Commissione per le Forze Armate del Senato degli Stati Uniti, il Segretario alla Difesa Lloyd Austin ha respinto ancora una volta categoricamente il fatto che Israele stesse commettendo un genocidio nell’enclave sotto assedio, dove iniziò la carestia, i bambini morirono di malnutrizione e le autorità israeliane continuarono a bloccare i convogli di aiuti umanitari. Mentre effettuavano attacchi in tutta la regione.

“Non abbiamo prove di genocidio”, ha detto.

In una conferenza stampa congiunta a Washington, DC, insieme al ministro degli Esteri britannico David Cameron, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che l’enclave ha bisogno di maggiori aiuti umanitari.

Ciò che conta, ha detto, sono “risultati sostenibili” e ciò significa garantire “un’efficace distribuzione degli aiuti in tutta Gaza”.

Mentre Netanyahu ha annunciato che Israele ha deciso una data per la prevista invasione di terra di Rafah, nel sud di Gaza, Blinken ha affermato che gli Stati Uniti non erano stati informati della decisione e che avrebbe dovuto incontrare i funzionari israeliani la prossima settimana.

READ  Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha affermato che BBC-Gary Lineker è importante per l'emittente

Ha aggiunto: “Non abbiamo una data per alcuna operazione a Rafah. Al contrario, quello che abbiamo è un dialogo in corso con Israele. Il Presidente è stato molto chiaro riguardo alle nostre preoccupazioni circa la capacità di Israele di allontanare i civili dal pericolo.

Rafah, situata al confine con l'Egitto, è il luogo dove cercano rifugio circa 1,5 milioni di palestinesi sfollati. Israele minaccia da tempo di lanciare un attacco lì, ma gli Stati Uniti si sono opposti in assenza di un piano per evacuare i palestinesi dalla zona.