Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

BepiColombo: missione spaziale europeo-giapponese cattura immagini di Mercurio | notizie spaziali

BepiColombo è in missione per studiare tutti gli aspetti di Mercurio, dal suo nucleo ai processi superficiali e al campo magnetico.

Una navicella spaziale europea-giapponese ha restituito le sue prime immagini di Mercurio, il pianeta più vicino al sole.

L’Agenzia spaziale europea ha affermato che la missione BepiColombo ha effettuato il primo di sei voli su Mercurio alle 23:34 GMT di venerdì, utilizzando la gravità del pianeta per rallentare il veicolo spaziale.

Dopo aver superato Mercurio ad un’altitudine inferiore a 200 chilometri (125 miglia), la navicella spaziale ha catturato un’immagine in bianco e nero a bassa risoluzione con una delle sue telecamere di sorveglianza prima di decollare di nuovo.

L’Agenzia spaziale europea ha affermato che l’immagine scattata mostra le caratteristiche distintive dell’emisfero settentrionale e di Mercurio, tra cui il cratere di Lermontov, largo 166 chilometri (103 miglia).

“Il sorvolo è stato impeccabile dal punto di vista del veicolo spaziale, ed è incredibile vedere finalmente il nostro pianeta bersaglio”, ha affermato Elsa Montagnion, direttore delle operazioni spaziali per la missione.

La missione congiunta tra l’Agenzia spaziale europea e la Japan Aerospace Exploration Agency è stata lanciata nel 2018 e ha sorvolato una volta la Terra e due volte Venere nel suo viaggio verso il pianeta più piccolo del sistema solare.

L’Agenzia spaziale europea ha affermato che la missione BepiColombo studierà tutti gli aspetti di Mercurio dal suo nucleo ai processi di superficie, il campo magnetico e l’esosfera, “per comprendere meglio l’origine e l’evoluzione di un pianeta vicino alla sua stella madre”.

READ  L'avvolgente telescopio Hubble sta tornando in vita sul suo sistema di backup: NPR

La missione mira a consegnare due sonde nell’orbita di Mercurio entro la fine del 2025.

Il veicolo spaziale non può essere inviato direttamente sul pianeta, perché l’attrazione del Sole è così forte che è necessaria una massiccia manovra di frenata per posizionare con successo il satellite, il che richiederebbe molto carburante per una nave di queste dimensioni.

La gravità esercitata da Terra e Venere – nota come assistenza gravitazionale – consente loro di decelerare “naturalmente” durante il loro viaggio.

Sono necessari altri cinque voli prima che BepiColombo possa essere rallentato abbastanza da lanciare il Mercury Planetary Orbiter di JAXA e il Mercury Magnetospheric Orbiter di JAXA.

Farouk El-Baz, un astronomo dell’Università di Boston, ha descritto il volo riuscito come un “momento straordinario”.

“È fantastico perché abbiamo usato la forza gravitazionale di Mercurio per avvicinare la navicella abbastanza da poter vedere le immagini”, ha detto ad Al Jazeera.

“Non siamo stati lì per molto tempo e solo due missioni hanno visitato Mercurio prima, quindi ci aspettiamo un bel po’ di informazioni. Sappiamo che potrebbe essere rimasta dell’acqua, tracce nelle regioni polari, in aree che mai vedere il sole. Ma non ne siamo sicuri.”

“Speriamo che questa missione ci dia un’occhiata se c’è così poca acqua nelle regioni polari, dove non vedono mai il sole, dove fa molto freddo e molto freddo. Ma il pianeta si muove intorno al sole molto rapidamente. Orbita intorno al sole in 88 giorni. Quindi è completamente diverso dagli altri pianeti. Quindi dobbiamo sapere di cosa è fatto, come si è evoluto e se ha o meno un campo gravitazionale”.

READ  Il Massachusetts ha la possibilità di vedere il lancio dell'esperimento della NASA mercoledì sera

La missione prende il nome dallo scienziato italiano Giuseppe “Pepe” Colombo, a cui è attribuito lo sviluppo della manovra di assistenza alla gravità utilizzata per la prima volta dal Mariner 10 della NASA quando volò su Mercurio nel 1974.