Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Abbiamo tutti bisogno di uscire dalle nostre zone di comfort, afferma l’editorialista Jan Guerrero

Abbiamo tutti bisogno di uscire dalle nostre zone di comfort, afferma l’editorialista Jan Guerrero

Negli ultimi due anni ho perso la paura dell’altro.

È successo quando stavo prendendo nuovi hobby, come lo sci e la danza, mentre facevo amicizia con un gruppo di persone più ampio e diversificato. In alcuni casi, ho frequentato persone la cui politica è molto diversa dalla mia.

La disconnessione che ho sentito durante l’amministrazione Trump e l’ascesa della pandemia è notevolmente diminuita, sostituita da più speranza, fiducia nella mia comunità e un più forte senso di benessere.

Possiamo tutti trarre vantaggio dall’espansione delle nostre cerchie sociali? La crisi della salute mentale in America inseparabile del suo declino nella società. Mentre rubi tempo sullo schermo Quasi ogni ora di veglia E alimenta la nostra rabbia l’uno verso l’altro, lo siamo ancora di più Solitario e sconvolto.

La nostra mente, e persino democraziapuò dipendere dalla nostra volontà di ribellarci al predominio della tecnologia attraverso i social media scendere Mezzi sociali. Quale momento migliore dell’estate per giocare all’aperto e fare amicizia con degli sconosciuti?

Può sembrare difficile a Los Angeles, dove le persone sono isolate dal traffico e dallo sprawl. Ma negli anni successivi alla pandemia, i gruppi di hobby personali dal Westside all’Eastside hanno ispirato persone provenienti da tutta la California meridionale a riunirsi e divertirsi. Utilizzando Instagram, Heylo e altre app per riunire le persone di persona, questi gruppi sono un antidoto all’epidemia di solitudine e a una tendenza alla solitudine che dura da decenni. partecipazione degradata nei club e in altri gruppi della comunità.

Ad esempio file LA Skate Hunnies È per tutti i sessi, tutte le ruote gruppo di sci guidati da donne. Ospitano feste di skate gratuite in varie località, con temi colorati e spesso femminili e altoparlanti portatili pieni di musica. Li ho conosciuti tramite a longboard gruppo con cui mi ero connesso tramite Instagram.

READ  Sir Michael Caine ritratta i commenti sulla pensione: 'Non mi libero della mia sveglia!

Jane Yonda, una venticinquenne di origini italiane, irlandesi e tedesche, ha fondato LA Skate Hunnies nel luglio 2020 affinché le persone si riunissero in sicurezza dopo il blocco. Ho lavorato come terapista e sapevo che i sistemi di supporto sociale erano essenziali. “I legami che le persone costruiscono da regolari incontri comunitari e spazi comunitari sicuri sono molto forti, a volte più potenti degli antidepressivi o parlando con un terapista”, mi ha detto.

Il suo gruppo ospita uscite cinematografiche, meditazione e altro ancora. Tra quelli che si uniscono a noi c’è il mio amico Lon Criswell, un uomo di colore di 48 anni e ingegnere di sistemi che ho conosciuto tramite Skate Hunnies. Mi ha detto: “Ho un’intera cerchia di amici che non sapevo nemmeno esistessero”. Fino alla scoperta del gruppo, aveva pattinato da solo. “Ero una di quelle persone che pattina da sola su e giù per il sentiero, perché non trovo mai nessuno con cui pattinare e rispettare il mio programma”, ha detto. Tutti sono così impegnati a Los Angeles.

Prima di Skate Hunnies, aveva difficoltà ad aprirsi alle persone. “Vengo dal cofano”, ha detto, “quindi non puoi essere tenero, non puoi piangere”. Modificato da Skate Hannes. “Sto comunicando con più emozioni”, ha detto. “Mi ha davvero aperto, perché non mi sono mai visto come – sai, romantico o un abbraccio di uomini.”

Anche gruppi come Skate Hunnies mi hanno aperto e Ispirato Ospitando My Own Sledges, incontro Bradley Russo, 32 anni, un uomo bianco, reclutatore, che ha votato per Trump nel 2016 e ora è un indipendente. Mentre pattinavamo per diversi mesi, sospettavo che fosse conservatore, ma non avevamo mai veramente parlato di politica fino a questa colonna. Mi ha scritto: “Sono contento che abbiamo delle differenze e penso che sia ciò che rende bello questo mondo”.

READ  Le esportazioni televisive italiane sono raddoppiate negli ultimi cinque anni con lo sviluppo del panorama dei media

Gli incontri comunitari mi hanno insegnato a lasciare prove di purezza nelle amicizie e dire addio alla mia dura autostima. Come nota l’altra mia amica di sci Dencia Jones, una donna di colore di 46 anni e consulente di carriera, New Hobbies: “Farai degli errori. È bello dire: ‘Wow, sono davvero umano.'” “

Nelle ultime settimane ho iniziato a imparare diversi stili di danza: bachata, salsa, zouk e improvvisazione comunicativa. In questi balli c’è una connessione sensuale tra donne e uomini al di fuori di qualsiasi contesto sessuale, e mi hanno aiutato ad affrontare i traumi relazionali ea sentirmi al sicuro nel comunicare con gli uomini.

Ho sperimentato per la prima volta questo tipo di rispettabile ballo di coppia Trance Dance LA, che ospita balli di materiale gratuito in più luoghi. Accolgono persone di ogni età e provenienza, dai bambini ai nonni. Iniziano con un cerchio di meditazione, ricordando alle persone di ballare a loro piacimento rispettando i confini delle persone.

“È uno spazio in cui fermarsi per essere colpiti dal clacson che suona come, ‘Non sei al sicuro, non puoi fidarti delle persone'”, mi ha detto il fondatore di Black Atasiea Kenneth L. Ferguson, 39 anni.

Le persone trovano comunità in tutti i tipi di incontri. Nel Corridore del ponte di Boyle HeightsPersone di tutte le età e livelli di corsa, per lo più ispanici, possono fare esercizio e connettersi in una città priva di spazi verdi. Rolando Cruz, un messicano americano di 40 anni, mi ha detto: “Se corri o cammini a metà, nessuno ti giudicherà”.

READ  Audrey Dewan parla dell'"aborto che sta accadendo"

Altri gruppi imparano ad ascoltare e comunicare meglio. La mia amica italoamericana Laura Paragano, 32 anni, che ho conosciuto tramite a longboard gruppo, ho trovato gioia, intuizione e appartenenza nella cabaret che ho iniziato la scorsa estate. “Crescendo, mi sentivo come se non mi fosse permesso essere grande, comunitario, drammatico e occupare spazio”, mi ha detto. “Ho scoperto che l’ottimizzazione è la pratica perfetta per fare esattamente queste cose.”

Tutti possiamo trarre vantaggio da queste lezioni. È ora di smetterla di rendere i nostri mondi così piccoli. Il miglior punto di partenza è imparare qualcosa di nuovo, entrare nella comunità e provare un po’ di gioia con altre persone che potrebbero sorprenderti.

Jan Guerrero è opinionista del Los Angeles Times. Inviale un’e-mail a jean.guerrero@latimes.com