Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Opinione: il modo in cui i registi reagiscono ai conflitti politici e sociali può aiutare a plasmare la storia

Opinione: il modo in cui i registi reagiscono ai conflitti politici e sociali può aiutare a plasmare la storia

Kelly È fondatore e presidente del Film Consortium San Diego e professore a contratto al San Diego City College. Vive a Tijuana. Acosta È un regista e YouTuber. Vive nel distretto universitario.

Come produttori dei San Diego Film Awards, nel 2020 abbiamo affrontato una sfida senza precedenti: produrre uno spettacolo di premi dal vivo in un momento in cui l’intera industria degli eventi era chiusa. La crisi sanitaria globale, i movimenti radicali per la giustizia sociale e i periodi economici difficili hanno lasciato alcuni di noi a chiedersi quando o se l’industria dell’intrattenimento si riprenderà mai completamente. Ci è apparso subito chiaro che il tema della nostra mostra doveva essere una cosa: come l’arte risponde al disastro.

All’inizio del 2021, dopo mesi di ritardo, sapevamo che dovevamo trovare un modo per adattarci o rischiare la cancellazione del tutto. Abbiamo scelto Go Default e abbiamo girato l’intero spettacolo del premio al THE LOT di La Jolla. Attraverso una partnership con KPBS, abbiamo lanciato lo spettacolo in TV il 14 maggio.

L’esperienza dal vivo è stata sostituita da una festa intima trasmessa in diretta nelle case dei candidati e degli appassionati di cinema locali. Lo spettacolo ha portato l’aspetto e la sensazione di essere in un cinema, qualcosa che molti spettatori desideravano ed è stato accolto con successo da coloro che lo hanno seguito. In qualche modo, il team di produzione si è allontanato dall’esperienza con uno spettacolo di successo nella sua ambientazione. Affronta sfide formidabili.

Ci è apparso subito chiaro che il tema della nostra mostra doveva essere una cosa: come l’arte risponde al disastro.

READ  Giovedì 16 settembre 2021 - Minute Monocle

Come dimostra la storia, possono accadere enormi disastri davvero salutare per l’industria dello spettacolo. In effetti, alcuni dei movimenti cinematografici più importanti degli ultimi 100 anni sono nati dal crollo del mercato azionario, dalle lotte militari, dai movimenti per la giustizia sociale e altro ancora. La reazione dell’artista a questi eventi spesso modella il corso delle loro famose opere d’arte.

Guardando indietro a soli 100 anni fa, quando l’industria cinematografica era ancora agli inizi, il mondo si stava riprendendo dalla prima guerra mondiale e dalla pandemia di influenza del 1918. Le persone avevano bisogno di sfuggire ai loro problemi quotidiani, e sono stati i film a darglielo. La domanda di intrattenimento popolare da parte del pubblico stava aumentando in modo esponenziale e, in risposta, apparve Hollywood, un’istituzione culturale che cambiò il mondo per sempre.

Con la crescente popolarità dei film in tutto il mondo, iniziano a emergere movimenti cinematografici all’interno delle comunità locali.

Ispirati dalle intense esperienze della prima guerra mondiale, i registi in Germania negli anni ’20 iniziarono a sperimentare l’espressionismo sullo schermo cinematografico. Invece di ritrarre la realtà, hanno iniziato ad approfondire l’estetica visiva che era così potente ed esotica, che ci perseguita ancora oggi. Gli espressionisti costruirono set impossibili con angoli alti, ombre profonde, inclinazione estrema della telecamera e lo stile di film di quell’epoca come “Il gabinetto del dottor Caligari” (1920) e “Metropolis” (1927) che risuonano oggi nel lavoro di registi come Ridley Scott e Tim Burton.

Due decenni dopo, all’indomani della seconda guerra mondiale, i nuovi registi italiani hanno dovuto fare film da un paese in rovina. Con le loro città e i loro studi distrutti e la loro economia in profonda recessione, questi registi veterani hanno cambiato radicalmente il loro approccio al cinema, girando in strade pubbliche, scegliendo attori non professionisti e raccontando storie non filtrate di persone reali nel dopoguerra. Italia. Questo ha messo i registi italiani sulla mappa, facendoli conoscere per aver realizzato veri film di guerriglia e ispirando i loro film a uno dei più grandi movimenti cinematografici di tutti i tempi: la Nouvelle Vague francese.

READ  Mentre The Brattle riapre al pubblico, diamo il benvenuto a Cinema Week, 'Too Late' e 'Orphans'

Il cinema americano fu bandito in Francia durante l’occupazione nazista e, alla fine della guerra, i cinema francesi furono inondati. In questo senso, una nuova generazione di registi francesi, molti dei quali critici cinematografici, ha respinto quelli che consideravano film privi di fantasia prodotti all’epoca in Francia. La loro risposta è stata quella di produrre film a basso budget che spesso raffigurano personaggi imperfetti, raccontano storie altamente personali e hanno finali infelici o ironici. Probabilmente i loro maggiori contributi sono stati il ​​concetto del regista come autore e l’idea che il regista sia l’artista la cui visione è stata portata in vita.

C’è un ecosistema attivo in questo mondo di movimenti cinematografici in cui un movimento influenzerà un altro che a sua volta influenzerà l’originale. Il cinema occidentale non è il solo a rispondere a questi eventi.

Film, registi e movimenti cinematografici notevoli e influenti sono emersi dai conflitti politici e sociali in tutto il mondo. Akira Kurosawa, il creatore dell’intero genere del film d’azione, ha avuto origine dall’occupazione americana del Giappone. I registi arabi postcoloniali hanno dato vita a film che fanno luce su tutta una serie di conflitti. Il colonialismo in Sud America e in Africa ha dato origine a Third Cinema, un movimento cinematografico popolare negli anni ’60 e ’70 che ha dato voce alle persone oppresse e ha attirato l’attenzione mondiale sulle lotte che si svolgevano nei continenti.

Spesso esce dal buio un’industria cinematografica incredibile. La creatività persiste e, di fatto, prospera di fronte alle avversità. Dopo aver lottato per uscire da un periodo frustrante, molti di noi trovano difficile ricordare l’ultima volta che ci siamo seduti in un cinema.

READ  Hunter punta a una ripresa impressionante nel secondo tempo dopo la cotta dell'Italia

Quando la comunità cinematografica e artistica di San Diego emerge e si riprende, possiamo guardare al futuro con speranza, se guardiamo al passato per trovare ispirazione.