Maggio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I sopravvissuti dell’Ucraina parlano del loro tempo sottoterra e della loro eventuale fuga dalla crocifissione a Mariupol Azovstal

I soldati ucraini hanno detto a Natalia Babush, cinque piani sotto le acciaierie assediate nell’Azovstal, che aveva pochi minuti per prepararsi a fuggire dal bunker sotterraneo che aveva chiamato casa per più di due mesi.

Il 35enne ha afferrato poco più di una manciata di disegni dei bambini: alcuni schizzi di fiori e cibo che hanno aiutato a rallegrare dozzine di civili che si sono rifugiati per settimane in un vasto e poco illuminato angolo di cemento della guerra.

“Li terrò il più a lungo possibile”, ha detto a Reuters dopo che un convoglio umanitario l’ha portata domenica nella città di Zaporizhia, nel sud-est dell’Ucraina.

La signora Babush e centinaia di altri si erano rifugiati nell’enorme complesso sotto lo stabilimento Azovstal poco dopo che la Russia aveva invaso l’Ucraina nelle prime ore del 24 febbraio e aveva posto l’assedio alla città portuale di Mariupol.

Ha visto la pianta come un rifugio a breve termine prima di ritirarsi in salvo altrove. Invece, il rifugio divenne una trappola poiché l’Azovstal divenne il fulcro dei più feroci combattimenti della guerra.

Una donna si porta una mano alla bocca ascoltando la domanda di un giornalista.
Natalia Babush dice che il suo rifugio è diventato rapidamente una trappola.(Fotografia: Gleb Garanish/Reuters)

“Come una talpa nel buio”

La Reuters ha parlato con quattro sfollati della fabbrica che hanno trascorso settimane sottoterra in condizioni buie e umide e sono stati bombardati in uno dei tanti bunker dell’acciaieria. Hanno descritto come un gruppo di estranei si sia associato alla necessità di sopravvivere, razionare il cibo e mantenere il morale, mentre le forze russe si avvicinavano.

La Russia ha negato con veemenza di prendere di mira i civili nel conflitto, che ha descritto come una “operazione militare speciale” per disarmare l’Ucraina. Le autorità di Kiev affermano che migliaia di civili sono stati uccisi a Mariupol e hanno accusato Mosca di crimini di guerra.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.
Il video del drone mostra condomini Mariupol in rovina.

Il ministero della Difesa russo e il governo ucraino non hanno risposto a una richiesta di commento sulla testimonianza delle donne.

Le quattro donne hanno raccontato di essersi svegliate prima dell’alba il primo giorno di guerra con il bombardamento di Mariupol.

La contabile Larissa Solop, 49 anni, è fuggita dal suo appartamento a est della città quando si avvicinavano i combattimenti. Sperava di incontrare la famiglia di sua figlia dall’altra parte della città, ma non c’era la ricezione del telefono cellulare.

“Molti edifici stavano bruciando… e sopra di loro c’erano proiettili sibilanti”, ha detto. Con l’avvicinarsi del coprifuoco serale, si è resa conto che la sua unica speranza era quella di rifugiarsi nella vicina Azovstal, “solo un punto di sosta”.

Due mesi dopo, sarà uno degli ultimi civili ad essere evacuato il 6 maggio dalle Nazioni Unite e dal Comitato Internazionale della Croce Rossa.

Il filmato dei droni mostra le acciaierie Azovstal dove si ritrovano i soldati ucraini
Le riprese dei droni mostrano le acciaierie Azovstal dove Natalia Babos e centinaia di altri civili hanno cercato rifugio.(Video di notizie)

Scatola per pasta di carne

La maggior parte delle circa 40 persone che condividono il rifugio della signora Solop sono arrivate all’inizio di marzo. Le donne hanno detto che molti indossavano zaini, mentre altri portavano alcuni effetti personali e un sacchetto o due di conserve, pasta, porridge o patate.

La signora Babush, un’ex operaia di fabbrica, divenne la capocuoca, mescolando pentole di zuppa su una stufa a legna sul pavimento di cemento sopra il loro seminterrato.

Un attacco ha interrotto tutte le forniture di energia all’inizio di marzo, dopodiché il gruppo è precipitato nell’oscurità. Hanno iniziato a razionare le candele, mentre alcuni uomini hanno realizzato piccole torce con banchi di luci industriali che potevano funzionare con batterie singole.

Le donne hanno detto che con l’intensificarsi dei bombardamenti, alcune persone hanno cercato di andarsene ma non hanno raggiunto il perimetro del complesso prima di tornare al rifugio.

“Gli aerei stavano bombardando dal mare così forte che non potevamo uscire”, ha detto la signora Solop, ricordando il suo anziano padre, i cui piedi sono stati colpiti nel bunker dall’esplosione.

Per distrarsi, la signora Babouche ha incoraggiato gli otto bambini del gruppo a decorare i caschi dei lavoratori. Ho realizzato un costume da robot da una scatola con dei buchi ritagliati per gli occhi e ho organizzato un concorso di pittura sulla Pasqua ortodossa. Tutti hanno votato e il primo premio è stato una lattina di polpettone.

Il suo disegno preferito era di una pizza con catene di formaggio fuso amorevolmente dettagliate.

Ma in segreto, la signora Babouche ha rinunciato alla speranza. Ha scritto i numeri di telefono dei suoi genitori dentro la giacca nel caso fosse morta nel seminterrato.

“Non pensavo che saremmo usciti”.

Una donna e un uomo seduti a un tavolino da caffè con una donna che tiene in mano un disegno di pizza per bambini.
Natalia Babush mostra la sua foto preferita di un concorso di disegno che ha organizzato per distrarre i bambini.(Fotografia: Gleb Garanish/Reuters)

“Per la vita, hai bisogno di persone su cui poter contare”

La signora Demianchuk, suo marito, suo figlio e la sua anziana madre sono stati tra i primi a prendersi una pausa. Stanchi del bombardamento, hanno deciso di tentare la fortuna a piedi il 26 marzo anche se sua madre aveva bisogno di stampelle per camminare e doveva essere portata per un po’.

“Eravamo a corto di cibo ed eravamo stanchi di stare sottoterra”, ha detto Demianchek al telefono dall’Ucraina centrale all’inizio di maggio.

pubblicato E aggiornato

READ  Donna britannica a rischio di decapitazione interna