Aprile 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Wine, Walk and Hop: un nuovo programma pilota consente alle persone in una manifestazione di bere per le strade del centro

Wine, Walk and Hop: un nuovo programma pilota consente alle persone in una manifestazione di bere per le strade del centro

Margie Jones si è seduta con la sua amica al bar Big Easy un venerdì pomeriggio. Entrambi avevano davanti a sé un bicchiere di vino rosso.

Jones è un frequentatore abituale di Fayetteville Street, e in particolare del Big Easy. Il bar e ristorante ha uno stile New Orleans, situato vicino al cuore del centro cittadino negli ultimi 16 anni.

Ora, per la prima volta, Jones e altri avventori del Big Easy portano legalmente questi bicchieri da vino dal bar alla strada da sorseggiare, proprio come farebbero nella vera città di New Orleans.

Questo grazie a un’iniziativa chiamata Sip n’ Stroll Downtown. Jones è un sostenitore della nuova zona sociale, chi permette alle persone Bevi una bevanda alcolica che hanno comprato in un bar e bevila fuori durante il soggiorno in un’area designata.

“Penso che le persone dovrebbero essere in grado di camminare con la birra o qualcosa del genere”, ha detto. “Divertiti, purché non facciano male a nessuno.”

I proprietari di ristoranti e bar sono molto favorevoli al programma. I partecipanti possono passeggiare con un cocktail in mano per Fayetteville Street e il Warehouse District dalle 11:00 alle 22:00 tutti i giorni della settimana.

Steve Hunt possiede il Big Easy e ha visto la folla migrare tra quella zona e Hillsborough Street e Glenwood South.

“Anche se non si tratta di aumentare le vendite, solo per aumentare la consapevolezza che Fayetteville Street è ancora qui e il centro è ancora qui, non solo Glenwood Street”, ha detto.

Amber Echevarria, a sinistra, e Jaime Radar, co-proprietari del Munjo Munjo nel centro di Raleigh.

Ci sono state alcune critiche sul fatto che ciò potrebbe portare a una maggiore ubriachezza pubblica. Ma per Hunt, questo non dovrebbe essere un problema.

READ  Questa affascinante città italiana ti pagherà $ 30.000 per trasferirti lì | Notizie intelligenti

“Non venderemo a persone che sono già ubriache”, ha detto. “Prendono solo un drink. Possono passeggiare e divertirsi all’aperto con un cocktail. Non vedo alcun problema in questo.”

C’è un vantaggio evidente, soprattutto nelle notti movimentate, dice Rohan Rahman, che gestisce la suite per gli ospiti del ristorante italiano Gravy’s.

“Quando devi dire loro di aspettare il loro tavolo – o lo stiamo ripulendo o una festa è finita – di solito diciamo loro di sedersi al bar e aspettare. Ma ora possiamo chiedere loro di bere qualcosa e fare una passeggiata in giro mentre aspettano”. “E penso che le persone, da quello che ho visto, preferirebbero farlo”.

Mungo Mungo nel centro di Raleigh
Mungo Mungo nel centro di Raleigh

I proprietari dei negozi sono stati più cauti riguardo al programma beta, ma molti lo hanno anche supportato.

Alexandria Taylor possiede Unorthodox Vintage, un negozio di abbigliamento di seconda mano vicino all’angolo tra Wilmington e Hargett Street. Dice che porterà più acquirenti nel suo negozio. Dal momento che devono comunque pulire tutti i loro vestiti, non era troppo preoccupata per le bevande versate occasionalmente.

“Penso che le persone ne siano più consapevoli di quanto pensiamo”, ha detto. “Perché è un privilegio, vero? Non vuoi che te lo porti via.”

Alcolici non ortodossi nel centro di Raleigh
Alcolici non ortodossi nel centro di Raleigh

In un altro negozio, la co-proprietaria Amber Echevarria, Mungo Mungo, ha detto di essere favorevole ad attirare le persone in centro, ma avrebbe comunque chiesto alle persone di lasciare i drink all’ingresso del negozio.

“Molte delle cose che abbiamo sono uniche”, ha detto. “Quindi se qualcuno si presenta con un drink aperto e lo versa, ci costa un sacco di soldi perché dobbiamo ancora pagare tutti gli artisti per tutto”.

READ  La Federcalcio europea (UEFA) apre le indagini sul caso Juventus, mentre crescono i problemi del club

Echevarria dice che è qualcosa che hanno già affrontato durante i festival del centro e altri eventi, quindi è qualcosa a cui sono abituati.

“Il mio cane non beve birra, quindi è solo in giro qui, non vuole ripulirlo”, ha detto con una risata.

Greensboro ha anche lanciato un nuovo distretto sociale del centro all’inizio di quest’anno. Anche Durham sta pensando a qualcosa di simile.