Giugno 7, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Uno studio suggerisce che il bilinguismo può prevenire la demenza

Essere bilingue offre l’invidiabile capacità di fare amicizia in luoghi insoliti. Un nuovo studio suggerisce che il bilinguismo può anche avere un altro vantaggio: migliorare la memoria più avanti nella vita.

Studiando centinaia di pazienti anziani, i ricercatori in Germania hanno scoperto che coloro che hanno riferito di usare due lingue ogni giorno fin dalla giovane età Punteggio più alto nei test apprendimento, memoria, linguaggio e autocontrollo più dei pazienti che parlano solo una lingua.

I risultati, pubblicati nel numero di aprile di Neurobiology of Aging, si aggiungono a due decenni di lavoro Il che suggerisce che il bilinguismo protegge dalla demenza e declino cognitivo negli anziani.

“È promettente che riferiscano che il bilinguismo nella prima e nella mezza età ha un effetto benefico sulla salute cognitiva più avanti nella vita”, ha detto Miguel Arce Renteria, un neuropsicologo della Columbia University che non è stato coinvolto nello studio. “Questo sarebbe in linea con la letteratura esistente.”

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno acquisito una maggiore comprensione del bilinguismo e dell’invecchiamento cerebrale, sebbene non tutte le loro scoperte siano coerenti. Alcuni hanno scoperto che se i bilingui sviluppano la demenza, lo faranno sviluppato in età più avanzata di persone che parlano una lingua. Ma altre ricerche lo hanno dimostrato Nessun vantaggio evidente del bilinguismo.

I neuroscienziati presumono che ciò sia dovuto al fatto che le persone sono bilingue Passa da una lingua all’altra senza problemipotrebbero essere in grado di implementare strategie simili in altre abilità, come il multitasking, la gestione delle emozioni e l’autocontrollo, che aiutano a ritardare la demenza in un secondo momento.

READ  Il CDC del Maine riporta 603 casi di COVID-19, 4 decessi

Il nuovo studio ha testato 746 persone di età compresa tra 59 e 76 anni. Quasi il 40% dei volontari non ha avuto problemi di memoria, mentre gli altri erano pazienti in cliniche della memoria che hanno sperimentato confusione o perdita di memoria.

Sono stati tutti testati su una varietà di compiti di vocabolario, memoria, attenzione e aritmetica. È stato chiesto loro di ricordare oggetti precedentemente nominati, ad esempio, scrivere parole al contrario, seguire comandi in tre parti e copiare i disegni dati loro.

I volontari che hanno riferito di usare quotidianamente una seconda lingua tra i 13 e i 30 anni o tra i 30 e i 65 anni hanno ottenuto punteggi più alti per linguaggio, memoria, concentrazione, attenzione e capacità decisionali rispetto a quelli che non erano bilingui a quelle età.

Indagare sul bilinguismo nelle diverse fasi della vita è un approccio unico, ha affermato Boone Lead T, neurologo dell’Università della California, San Francisco, che non è stato coinvolto nella ricerca. Con la dimensione del campione straordinariamente ampia, ha affermato, gli autori dello studio potrebbero probabilmente produrre altre nuove scoperte, ad esempio se l’età in cui una persona ha acquisito ciascuna lingua ha influenzato la sua cognizione più avanti nella vita.

Tuttavia, ha avvertito che lo studio si è concentrato solo su un aspetto del bilinguismo: l’uso di due lingue ogni giorno per lunghi periodi di tempo. Gli effetti positivi sulla cognizione possono essere dovuti ad un altro fattore, come l’età in cui le due lingue sono state codificate nella memoria, o le particolari esperienze demografiche o di vita delle persone bilingui.

Altri esperti hanno convenuto che i risultati potrebbero essere diversi se i ricercatori chiedessero ai volontari se parlano una seconda lingua una volta alla settimana, o anche meno spesso, piuttosto che ogni giorno.

READ  JCPS sta inviando una lettera alle famiglie di 22 scuole dopo che i membri del personale sono risultati positivi al vaiolo delle scimmie

“Penso che non ci sia una definizione su cui tutti siano d’accordo, e penso che non ci sarà mai perché essere bilingui è un intero spettro”, ha detto Esti Blanco-Eloretta, ricercatrice linguistica presso l’Università di Harvard.

È anche fondamentale che la ricerca futura esamini i più ampi benefici del bilinguismo, ha affermato il dott. Blanco-Eloreta, che parla basco, inglese, tedesco e spagnolo.

“Il vantaggio di essere bilingue non è proprio quel millisecondo di vantaggio che si può avere in un compito cognitivo”, ha detto. “Penso che l’importanza di essere bilingue sia essere in grado di connettersi con due culture e due modi di vedere il mondo.”