Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Una strana, rara esplosione spaziale vista dove non dovrebbe essere: ScienceAlert

Una strana, rara esplosione spaziale vista dove non dovrebbe essere: ScienceAlert

Potremmo sapere molto meno di quanto pensassimo su uno strano tipo di esplosione cosmica.

Sono conosciuti come transitori ottici luminosi veloci blu, o LFBOT, e uno di loro si chiama Finch (AT2023fhn) sono stati osservati nello spazio intergalattico, a grande distanza dalla galassia più vicina.

Questo è un problema, perché gli astronomi pensavano che gli LFBOT potessero essere un tipo di supernova massiccia, qualcosa che in realtà si pensa possa accadere solo entro i confini di una galassia.

“Più apprendiamo sugli LFBOT, più ci sorprendono”. dice l’astronomo Ashley Krems Agenzia spaziale europea e Università Radboud nei Paesi Bassi.

“Abbiamo ora dimostrato che gli LFBOT possono verificarsi a grande distanza dalla galassia più vicina, e la posizione di Finch non è quella che ci aspetteremmo per una supernova.”

Il primo LFBOT è stato avvistato nel 2018 e da allora ne abbiamo individuati una manciata. Con ogni nuova scoperta, LFBOT continuava a sconcertare gli scienziati. Queste esplosioni spaziali sono estremamente luminose – almeno 10 volte più luminose di una normale supernova – ed estremamente brevi.

Le supernove ordinarie tendono a brillare fino al loro picco, per poi svanire nel corso di settimane o mesi; Gli LFBOT sono come i flash delle fotocamere nello spazio. E fa molto caldo. Questo è ciò che dà loro un colore bluastro.

Rappresentazione artistica dell’AT2023fhn, noto anche come Il Finch. (NASA, ESA, NSF NOIRLab, M. Garlick, M. Zamani)

Gli scienziati pensavano che questi eventi potessero essere stati causati da un tipo insolito di collasso di supernova, in cui il nucleo di una stella morente collassa direttamente in una stella di neutroni o in un buco nero. Ciò richiederebbe una stella progenitrice massiccia, Almeno otto volte la massa del Sole.

READ  SpaceX Falcon 9 SES 18 e SES 19

Un’altra possibilità è che i lampi possano essere causati da un buco nero che divora un altro oggetto ultra-denso, come un oggetto Stella nana bianca.

Le stelle massicce non vivono a lungo Sequenza principale Spiriti. quello Meno di 100 milioni di anni fa Una stella con una massa otto volte quella del Sole. Nascono in aree molto ricche di gas e polvere densi, il che significa galassie. Là Non c’è molta materia nello spazio intergalattico.

Anche se alcune stelle possono essere espulse dall’orbita su una via di fuga e fuori dalle galassie ospiti, non si prevede che le stelle di neutroni massicce e i progenitori dei buchi neri arrivino così lontano prima che appaiano le supernove.

In effetti, tutti i precedenti LFBOT sono stati scoperti nei bracci a spirale delle galassie dove avviene la formazione stellare, che è il luogo previsto per osservare una supernova.

Questo ci porta al problema di Finch. È stato scoperto dalla Zwicky Transient Facility il 10 aprile 2023. La sua temperatura è stata misurata a 20.000 gradi Celsius (circa 36.000 Fahrenheit). Hubble è stato quindi chiamato per scoprirne la fonte. È qui che le cose iniziano a diventare un po’ strane.

L’esplosione è avvenuta a circa 2,86 miliardi di anni luce di distanza, ma nello spazio intergalattico, a circa 50.000 anni luce dalla galassia a spirale più vicina e a 15.000 anni luce dalla galassia nana più vicina appartenente a quella galassia a spirale. Ciò rappresenta una sfida importante per l’ipotesi della supernova.

Immagine Hubble del fringuello. (NASA, ESA, STScI, Università A. Krems/Radboud)

Ma l’ipotesi del buco nero è ancora sul tavolo. I ricercatori affermano che è possibile che un’antica sfera isolata di stelle conosciuta come ammasso globulare si nasconda nello spazio intergalattico.

READ  Guarda dal vivo: SpaceX lancia la sua sesta missione con equipaggio in due anni stasera

Si pensa che gli ammassi globulari siano pieni di buchi neri, del gruppo di massa intermedia raramente visto. Se c’è un ammasso globulare là fuori, troppo debole per essere visto, probabilmente abbiamo catturato uno di questi buchi neri che si alimentano in modo incontrollabile.

Un’altra possibilità è che l’esplosione sia stata il risultato di una collisione tra due stelle di neutroni, una delle quali potrebbe essere una magnetar, il cui intenso campo magnetico avrebbe potuto amplificare la kilonova risultante. Sarà necessario condurre un’analisi teorica per determinare la plausibilità di questo scenario.

“La scoperta solleva più domande che risposte”. dice Krems. “È necessario ulteriore lavoro per scoprire quale delle diverse possibili spiegazioni è corretta.”

Una cosa è certa, però. Più di queste cose troviamo, più diventano strane.

La ricerca è stata accettata in Avvisi mensili di lettere della Royal Astronomical Societyed è disponibile su arXiv.