Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Una madre rivela con dettagli strazianti la sua ultima straziante conversazione con il figlio morente di quattro anni dicendole: “Andrò in paradiso e giocherò finché non arriverai lì”.

Una madre rivela con dettagli strazianti la sua ultima straziante conversazione con il figlio morente di quattro anni dicendole: “Andrò in paradiso e giocherò finché non arriverai lì”.

Una madre ha rivelato l’ultima conversazione straziante che ha avuto con suo figlio di quattro anni.

Ruth Scully, di Leonardtown, nel Maryland, ha perso il figlio di quattro anni, Nolan, nel febbraio del 2017 a causa del rabdomiosarcoma.

Il cancro, che colpisce il tessuto scheletrico molle, è altamente aggressivo e può diffondersi rapidamente, diventando resistente a tutte le forme di trattamento.

Nolan aveva solo 15 mesi per combattere la malattia, da novembre 2015 a febbraio 2017, prima che gli togliesse la vita.

In una delle loro ultime conversazioni insieme, disse a suo figlio che “non doveva più combattere” e disse che sarebbe andato in paradiso e “avrebbe giocato finché non fossi arrivato lì”.

Ruth Scully ha perso suo figlio Nolan, entrambi mostrati qui, nel febbraio 2017 a causa di un raro tipo di cancro

Il cancro, che colpisce il tessuto scheletrico molle, è altamente aggressivo e può diffondersi rapidamente, diventando resistente a tutte le forme di trattamento

Il cancro, che colpisce il tessuto scheletrico molle, è altamente aggressivo e può diffondersi rapidamente e diventare resistente a tutte le forme di trattamento

Nel novembre 2015, i medici hanno diagnosticato a Nolan un rabdomiosarcoma alveolare, un raro cancro dei tessuti molli.

Nel novembre 2015, i medici hanno diagnosticato a Nolan un rabdomiosarcoma alveolare, un raro cancro dei tessuti molli.

Scully ricorda di aver detto a suo figlio: “Fa male respirare, vero?” eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee.com eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!”

“Soffri molto, vero, tesoro?”, ha detto, prima di aggiungere: “Cacca, questa sostanza cancerosa è cattiva”. Non devi più combattere.

Suo figlio rispose: No. “Ma lo farò per te, mamma,” il che spinse Scully a chiedere, “È questo quello che stavi facendo?” Litigare per la madre??

Nonostante le circostanze, Nolan disse coraggiosamente a sua madre: “Bene, duh!” Prima che Ruth gli chiedesse: “Qual è il lavoro di mia madre?”, lui ha risposto con un grande sorriso: “Tenermi al sicuro”.

Ruth ha detto che il suo cuore si stava spezzando quando gli ha detto: “Caro”. Non posso più farlo qui. L’unico modo in cui posso tenerti al sicuro è in paradiso.

READ  La luna vicino alle Pleiadi prima dell'alba il 13 e 14 luglio

Nolan le disse in modo straziante: “Andrò in paradiso e giocherò finché non arriverai lì!” Verrai vero? “Certamente”, rispose lei.

Nel settembre 2015, Nolan ha sviluppato un naso chiuso, che i suoi genitori presumevano fosse un raffreddore.

Ma presto il suo respiro divenne difficile. I medici hanno provato antibiotici, umidificatori, vapore e spray salino, ma nulla ha funzionato. Hanno deciso di eseguire biopsie del tessuto adenoideo dietro la cavità nasale.

Alla fine, nel novembre del 2015, i medici diagnosticarono a Nolan un rabdomiosarcoma alveolare, un raro cancro dei tessuti molli, un tumore che premeva sulle sue vie aeree, causandogli un “naso chiuso”.

Le foto condivise sui social media mostrano un ragazzino brillante e felice, che posa per le foto con il personale ospedaliero e la famiglia con un sorriso smagliante.

Nel settembre 2015, Nolan ha sviluppato un naso chiuso, che i suoi genitori presumevano fosse un comune raffreddore

Nel settembre 2015, Nolan ha sviluppato un naso chiuso, che i suoi genitori presumevano fosse un raffreddore

In una delle loro ultime conversazioni insieme, disse a suo figlio che...

In una delle loro ultime conversazioni insieme, disse a suo figlio che “non doveva più combattere” e disse che sarebbe andato in paradiso e “avrebbe giocato finché non fossi arrivato lì”.

Un oncologo ha detto alla famiglia che il cancro del bambino di quattro anni si era diffuso e grandi tumori stavano premendo sui suoi bronchi e sul cuore solo quattro settimane dopo l'intervento chirurgico a torace aperto.

Un oncologo ha detto alla famiglia che il cancro del bambino di quattro anni si era diffuso e grandi tumori stavano premendo sui suoi bronchi e sul cuore solo quattro settimane dopo l’intervento chirurgico a torace aperto.

Il cancro cresce nei muscoli, nel grasso, nelle ossa o nei rivestimenti articolari. I pazienti spesso avvertono palpebre cadenti, mal di testa, nausea e difficoltà a urinare e ad avere movimenti intestinali.

Seguirono rapidamente cicli di chemioterapia e radiazioni. Nolan ha perso i capelli e gradualmente è diventato più debole.

La malattia è una forma di cancro estremamente aggressiva e maligna e in Nolan ha iniziato a diffondersi in tutto il corpo.

READ  Il potente brillamento solare della recente eruzione solare dovrebbe raggiungere la Terra mercoledì

Una volta diffuso, il tasso di sopravvivenza scende tra il 20% e il 40%.

Ruth ha scritto di voler descrivere per un po’ gli ultimi giorni di Nolan e di come suo figlio non avesse “nient’altro che puro amore”.

Su una pagina Facebook creata da lei e suo marito Jonathan con il nome di Nolan Strong, Ruth descrive i suoi sentimenti come “sofferenza senza pari”, in un commovente tributo.

Quando Ruth portò Nolan in ospedale per l’ultima volta, soffriva di cancro da più di un anno, non mangiava né beveva nulla da giorni e vomitava costantemente.

Il 1° febbraio, l’oncologo disse alla famiglia che il cancro del bambino di quattro anni si era diffuso e che grossi tumori premevano sui suoi bronchi e sul cuore appena quattro settimane dopo l’intervento chirurgico a torace aperto.

Il cancro era diventato resistente a tutte le opzioni di trattamento e tutto ciò che i medici potevano fare ora era mantenere Nolan a suo agio mentre stava rapidamente peggiorando.

“Quando ho portato Nolan in ospedale per l’ultima volta, sapevo che c’era qualcos’altro che non andava oltre a un persistente caso C-DIFF. Lo sapevo e basta, e stranamente, penso che lo sapesse anche lui. Non aveva mangiato né bevuto qualsiasi cosa per giorni e vomitava”, scriveva continuamente”.

“Il 1° febbraio ci siamo seduti con tutta la sua squadra. Quando l’oncologo ha parlato, ho visto puro dolore nei suoi occhi.

Le foto condivise sui social media mostrano un ragazzino brillante e felice, che posa per le foto con il personale ospedaliero, qui con la dottoressa Kate, e la famiglia con un sorriso luminoso.

Le foto condivise sui social media mostrano un ragazzino brillante e felice, che posa per le foto con il personale ospedaliero, qui con la dottoressa Kate, e la famiglia con un sorriso luminoso.

Il 4 febbraio 2017 Nolan è morto e un post che descriveva la sua battaglia è stato condiviso più di 928.000 volte.

Il 4 febbraio 2017 Nolan è morto e un post che descriveva la sua battaglia è stato condiviso più di 928.000 volte.

“Ha spiegato in quel momento che non sentiva che il suo cancro era curabile poiché era diventato resistente a tutte le opzioni terapeutiche che avevamo provato e il piano sarebbe stato quello di tenerlo a suo agio mentre si stava deteriorando rapidamente.”

Ruth ha spiegato che suo figlio ha dormito per gran parte dei giorni successivi e il dolore che ha provato quando ha firmato l’ordine di “non rianimare” del soccorritore.

Il 4 febbraio 2017 Nolan è morto e un post che descriveva la sua battaglia è stato condiviso più di 928.000 volte.

Ruth ha aggiunto che suo figlio amava la sua famiglia e i suoi amici con tanta devozione e che “era un guerriero che è morto con dignità e amore”.

Accanto alla lettera c’è una foto di Nolan sdraiata sul pavimento del bagno, che mostra come suo figlio fosse troppo spaventato per allontanarsi da lei anche mentre faceva la doccia.

“Ora sono io quella che ha paura di farsi la doccia”, ha scritto. “Adesso non è rimasto altro che un tappeto da bagno vuoto, dove un bambino bellissimo e perfetto stava aspettando sua madre.”