Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli archeologi scoprono un fiume nascosto sotto il deserto

Gli archeologi scoprono un fiume nascosto sotto il deserto

Ricerche recenti suggeriscono che le piramidi dell’antico Egitto, compreso il famoso complesso di Giza, furono costruite lungo un ramo perduto del fiume Nilo, suggerendo che i cambiamenti ambientali influenzarono la loro posizione ed evidenziando potenziali aree di concentrazione archeologica.

Uno studio ha rivelato che 31 piramidi egiziane furono costruite lungo il ramo attualmente sepolto del Nilo, il che spiega la sua posizione desertica e conferma l’importanza storica del fiume.

Le 31 piramidi dell’Egitto, compreso il complesso piramidale di Giza, furono probabilmente originariamente costruite lungo un ramo di 64 chilometri del fiume Nilo che era stato a lungo sepolto sotto terreni agricoli e deserto. I risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Comunicazioni sulla Terra e l’AmbientePotrebbe spiegare perché queste piramidi erano concentrate in quella che oggi è una stretta e inospitale striscia di deserto.

I campi piramidali egiziani tra Giza e Lisht, costruiti in un periodo di quasi 1.000 anni a partire da circa 4.700 anni fa, si trovano ora ai margini dell’inospitale deserto occidentale, parte del Sahara. Prove sedimentarie suggeriscono che il Nilo avesse una portata molto più elevata, con il fiume che si divideva in diversi rami in alcuni punti. I ricercatori avevano precedentemente ipotizzato che uno di questi rami potesse aver volato attraverso i campi piramidali, ma ciò non è stato confermato.

Scoperta attraverso immagini satellitari

Iman Ghoneim e i suoi colleghi hanno studiato le immagini satellitari per trovare la probabile posizione di un antico ramo del fiume che correva lungo le colline dell’altopiano del deserto occidentale, vicino ai Pyramid Fields. Hanno quindi utilizzato indagini geofisiche e nuclei sedimentari per confermare la presenza di precedenti depositi di fiumi e canali sotto la superficie della Terra moderna, indicando la presenza di un ramo precedente, e propongono di chiamarlo “piramidi” (che significa “piramidi” in arabo). . Gli autori suggeriscono che l’aumento dell’accumulo di sabbia portata dal vento, associato a una grande siccità iniziata circa 4.200 anni fa, potrebbe essere una delle ragioni della migrazione verso est del ramo e dell’eventuale insabbiamento.

Corso del ramo Ihram

Il corso d’acqua del ramo dell’Antico Ahrmat è delimitato da un gran numero di piramidi risalenti all’Antico Regno fino al Secondo Medioevo, che si estendono tra la Terza e la Tredicesima Dinastia. Fotografia: Iman Ghoneim

Questa scoperta potrebbe spiegare perché questi campi piramidali fossero concentrati lungo questa specifica striscia di deserto vicino all’antica capitale egiziana di Menfi, poiché al momento della loro costruzione erano facilmente accessibili tramite un ramo del fiume. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che molte delle piramidi avevano ponti che terminavano sulle rive del fiume proposto del ramo di Ahrmat, che suggeriscono sia la prova che il fiume veniva utilizzato per trasportare materiali da costruzione.

READ  L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha messo in guardia contro la limitazione dei posti sulla questione dell'interferenza elettorale

I risultati sottolineano l’importanza del fiume Nilo come autostrada e arteria culturale per gli antichi egizi, ed evidenziano anche come la società umana sia stata storicamente influenzata dai cambiamenti ambientali, secondo gli autori. Hanno aggiunto che la ricerca futura per trovare rami più estinti del Nilo potrebbe aiutare a dare priorità agli scavi archeologici lungo le sue rive e a proteggere il patrimonio culturale dell’Egitto.

Riferimento: “La catena piramidale egiziana fu costruita lungo il ramo del Nilo delle piramidi ora abbandonate” di Iman Ghoneim, Timothy J. Ralph, Susan Onstein, Raghda Al-Bahidi, Jad Al-Qadi, Amr S. Faheel, Mahfouz Hafez, Magdy Attia, Muhammad Ibrahim, Ashraf Khuzaym e ​​Muhammad Fathi, 16 maggio 2024, Comunicazioni sulla Terra e l’Ambiente.
doi: 10.1038/s43247-024-01379-7