Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Una famiglia italiana incoraggia i rivoluzionari in tutta l’Irlanda

Forza Corcaigh – Questo è il tifo che scatterà domenica da Riccardo Rinaldi certificato Corkman e dalla sua famiglia nella loro casa di Mantova, nel nord Italia, mentre tifano per Rebels contro Limerick nella finale All-Ireland al Croke Park.

Mantova – o Mantova – come è nota alla gente del posto, è usare la memorabile frase di Michel Muirchertay per la casa ancestrale di Seán Óg Ó hAilpín nelle Fiji e nel Fermanagh, che non è esattamente conosciuta come un “bastione della calunnia” ma non disturbare il padrone. Rinaldi, sua moglie Cristina e il figlio Roberto (20).

Renaldes ha giurato fedeltà ai ribelli dopo una visita a West Cork nel 2009 quando hanno visto i giocatori di Cork giocare in TV.

Quando tornarono in Italia, contattarono il consiglio della contea di Cork e finirono per ottenere i biglietti per tutta l’Irlanda quell’anno contro Kerry.

Fece amicizia con Geir Lane, allora presidente del consiglio di amministrazione della contea di Cork, e il suo successore Tracy Kennedy, e sebbene fossero delusi di vedere Cork perdere contro Kerry quell’anno, Renaldes tornò un anno dopo per catturare Cork e sconfisse Dawn per vincere Sam Maguire. .

Rinaldi ha detto che ci è voluto un po’ di più per capire la calunnia e innamorarsi di loro, ma sono tornati a Croke Park per l’All-Ireland Report 2013, quando i ribelli hanno preso la bandiera Banner solo per Claire per strappare una cravatta nel ultimi secondi. Prima di andare a vincere il replay.

“Ho trovato il calcio più facile da capire all’inizio, ma ora ho molta familiarità con il lancio anche se devo ancora raccogliere alcuni dettagli più fini del gioco ma sai che posso seguirlo a meno che tu non sia nel TG4, posso raccogliere poche parole come ‘reiteoir’ e “sliotar”, “cul” e “cuilin” ma niente di più”.

READ  Report: Brailsford lascia Ineos Grenadiers per un ruolo di leadership più ampio in Ineos Sports

Appassionato di calcio che ha seguito la Fiorentina fin dall’infanzia, Rinaldi ora ammette di preferire l’hurling e il calcio gaelico, cosa che ha confermato alla signora Kennedy quando gli ha scritto un messaggio per congratularsi con lui per la vittoria dell’Italia nell’Europeo a luglio.

passione

“Ho scritto a Tracy e le ho detto che avrei scambiato l’Italia con l’Euro per Cork per vincere la Coppa d’Irlanda – Seguo la Fiorentina da quando avevo sette anni, anche se è a 200 km di distanza, ma più vado avanti e più sono deluso sport. professionale”, ha detto.

“La cosa buona di un’avventura… puoi incontrare i ragazzi per strada il giorno dopo e sono ancora tuoi amici – ho incontrato molti giocatori e dirigenti nel corso degli anni… sono tutti molto amichevoli, non sono in un altro pianeta che ti guarda con dispiacere.”

Rinaldi, l’ingegnere chimico, ammette di non essere un italiano qualunque, e quando parla di Cork ora dice “noi”. A pochi, se non nessuno, dei suoi amici viene risparmiata la sua passione per i rivoluzionari mentre li tiene informati sulle ultime fortune dei bombardieri e dei calciatori di Cork.

“Penso che tutti qui, i miei ex-scuola e università e i miei colleghi, sappiano tutti che seguo questi due strani sport che si praticavano solo in Irlanda – penso che non ci sia nessuno qui a Mantova che non si sia annoiato a morte con le mie storie di Cork football e hurling, scherzosamente.

“Non capiscono il lancio, ma poi mostro loro il video molto popolare di Darmoid O’Sullivan con un grande successo di Limerick e il punto che ha segnato dopo e io dico: ‘Questo è un lancio – c’è uno sport migliore di questo? ?’ E anche il più scettico degli uomini dice: “Probabilmente hai ragione”.

READ  Ultime: Pfizer chiede agli Stati Uniti di consentire a più bambini di essere vaccinati | notizie nazionali

E allora, domenica? Dà qualche possibilità ai ribelli?

“Direi che è 60/40 per Limerick – so che ogni analista dice che Limerick è il favorito ma non sono d’accordo – abbiamo una seria possibilità, abbiamo iniziato da sfavorito ma abbiamo iniziato da sfavorito contro Kilkenny e sembrava quello che è successo, quindi penso che questa squadra stia entrando davvero bene.

“Sai, dicono che a volte ci vuole una squadra All-Ireland per vincere, quindi cercherò di essere positivo anche se non ce la faranno quest’anno, questa squadra ha un buon potenziale ma sono fiducioso – come tutti i Cork , saremo felici e festeggeremo con calma con una buona bottiglia di vino Forza Corkage!”