Ottobre 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un alto funzionario della NASA sta perseguendo un MBA mentre l’economia spaziale esplode

per Davide MauroVicepresidente della divisione Spaceflight presso l’Ames Research Center della NASA, tornare a scuola per un MBA è stato essenziale per stare al passo con le crescenti richieste dell’industria spaziale.

L’MBA è iniziato con Rotman-SDA Bocconi Global Executive MBA (GEMBA) il programma dell’anno scorso – un mese dopo aver assunto la sua attuale posizione – nel tentativo di comprendere i fondamenti del business che erano più che mai necessari nella sua carriera.

Il programma è offerto congiuntamente dalla Rotman School of Management dell’Università di Toronto e dalla SDA Bocconi School of Management dell’Università Bocconi in Italia.

“Stiamo attraversando una rinascita dell’economia spaziale e sapevo che dovevo cambiare con essa”, afferma Mauro, un esperto del settore di 12 anni. “C’è bisogno di persone che conoscano sia il lato tecnico che quello commerciale dello spazio.

“Volevo saperne di più sul lato commerciale, quindi ho aderito al programma GEMBA per fornirmi queste conoscenze”.

Mauro ha quello che molti appassionati di spazio considerano il lavoro dei loro sogni: lavora per dare vita alle missioni spaziali con un team di scienziati, ingegneri di sistema e project manager. Dalle missioni fuori dall’atmosfera alla misurazione dei venti su Marte, lavora a progetti complessi con poste in gioco e budget elevati.

Negli ultimi anni ci sono stati enormi investimenti nello spazio, tra cui l’ambizioso SpaceX di Elon Musk; Richard Branson Virgin Galactic, la prima compagnia di voli spaziali commerciali pubblici al mondo; e il telescopio avanzato James Webb della NASA. Stanno entrando in scena anche centinaia di piccole startup tecnologiche spaziali, come D-Orbit, con sede a Milano, la prima azienda di logistica spaziale a mitigare i detriti nello spazio.

READ  I parlamentari cercano di congelare i beni 'accelerati' degli oligarchi prima delle sanzioni ufficiali | Ucraina

“Molte start-up e aziende del settore privato continuano a investire nello spazio e l’industria, che ora vale 400 miliardi di dollari, dovrebbe crescere fino a circa 1 trilione di dollari entro il 2040”, afferma Mauro.

A Rotman, Creative Destruction Lab ha un vivace flusso spaziale che addestra le startup a perseguire opportunità di business legate allo spazio. I mentori di CDL Space includono esperti sul campo come l’astronauta canadese Chris Hadfield ed esperti accademici come Aprile FrancoProfessore di Analisi Economica e Politica presso la U di T Scarborough e Rotman.

È questa rapida trasformazione che mette i leader come Mauro nella posizione di essere più strategici che mai, dal ripensare le strategie interne all’allocazione accurata di grandi budget e alla navigazione di potenziali partnership con le startup.

“La mia esperienza GEMBA cambia il modo in cui penso ai problemi”, dice Mauro. “Sto iniziando a guardare le cose in modi nuovi e innovativi quando penso alla strategia interna del Centro di ricerca Ames della NASA o a come possiamo migliorare determinate operazioni”.

Aggiunge che il suo ciclo di implementazione della strategia sarà particolarmente rilevante la prossima volta che il suo dipartimento subirà una trasformazione interna.

Nel corso del programma di 18 mesi, studenti di tutto il mondo si incontrano a Toronto, Milano, Mumbai, Copenaghen, San Francisco, Shanghai e San Paolo per moduli coinvolgenti che coprono gli elementi essenziali del business per i leader di tutti i settori.

Di recente, la classe di Mauro è tornata da San Francisco, dove si sono incontrati con i leader del settore tecnologico per approfondire le strategie di fusione e acquisizione. In altre città, i partecipanti approfondiscono argomenti che vanno dalla gestione dell’innovazione e dalla strategia aziendale all’etica e alla sostenibilità.

READ  Il Primo Ministro Modi chiede alle nazioni del G20 di fare dell'India un partner nella ripresa economica: The Tribune India

“Era come imparare a leggere di nuovo”, dice Mauro. “Costruisco molti ponti nella mia comprensione di come tutto è connesso e porto queste riflessioni nel mio lavoro”.

Mentre la parte divertente del suo nuovo lavoro è occuparsi di missioni spaziali, Mauro dice che la gestione di diversi tipi di persone costituisce la maggior parte del suo ruolo.

“Le macchine sono prevedibili, ma gli esseri umani sono umani: hanno competenze, personalità e bisogni diversi”, afferma, riferendosi ai corsi che ha seguito nella leadership, sfruttando diversi team e cambiamenti strategici che sono stati benefici per la sua fiducia come leader .

Mentre le barriere si dissolvono lentamente per consentire ai non astronauti di partecipare al volo spaziale, Mauro dice di essere spesso sorpreso dagli enormi cambiamenti nei paesaggi spaziali solo un decennio fa.

“In precedenza, il volo spaziale richiedeva un addestramento tecnico e molto intenso ed era disponibile in gran parte solo per gli astronauti professionisti, ma ora si tratta di quanti soldi hai”, dice. “È incredibile. Ti fa capire fino a che punto l’industria spaziale continuerà a trasformarsi mentre il settore privato cerca di realizzare un ritorno sul suo investimento”.

Mauro dice che attraverso i suoi studi spera di dare l’esempio ai suoi figli piccoli, all’età di cinque e sette anni.

“Voglio mostrare loro che non smetterai mai di imparare”, dice. “Ho 47 anni e non importa se è la tua terza o la quarta elementare – non abbiamo mai finito”.