Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Trent’anni di monitoraggio della Banca nazionale croata

Zagabria, 20 dicembre 2021 – La Banca nazionale croata (HNB) è l’istituzione monetaria centrale che ha avuto un ruolo cruciale nella stabilizzazione in passato e che ora ha un ruolo importante nel percorso della Croazia verso l’eurozona, si è tenuta una celebrazione per celebrare la 30° anniversario di HNB. Ha detto lunedì.

Il 25 giugno 1991, il Parlamento ha adottato una risoluzione costituzionale sulla sovranità e l’indipendenza della Croazia e l’8 ottobre la decisione di interrompere tutte le relazioni con l’ex Jugoslavia. Quel giorno, il governo ha adottato un decreto sull’HNB che è entrato in vigore il 23 dicembre.

Il primo ministro Andrej Plenkovic ha affermato che l’HNB era l’istituzione centrale del sistema monetario croato e che il 30° anniversario della sua fondazione si stava svolgendo in condizioni difficili a causa della pandemia e in un momento di transizione in cui la Croazia si stava integrando nell’eurozona .

Ha affermato che HNB ha avuto un ruolo importante nella stabilizzazione del primo decennio dell’indipendenza della Croazia, oltre alla sua importanza che è stata dimostrata quando è scoppiata la crisi finanziaria globale nel 2008.

Ha aggiunto che in seguito, con misure di politica monetaria, la Banca nazionale olandese ha mitigato gli effetti della crisi sull’economia, mantenuto la stabilità del tasso di cambio, fornito ulteriore liquidità e contribuito alla stabilità dello stato.

La Croazia completa i preparativi per la zona euro con l’inizio del quarto decennio di indipendenza

Parlando dell’obiettivo della Croazia di aderire all’eurozona il 1° gennaio 2023, Plenkovic ha affermato che la moneta unica è uno strumento logico non solo per una più profonda integrazione, ma soprattutto per sfruttare appieno il potenziale del mercato unico.

READ  La vendita del Trump Hotel a Washington porrà fine a un'era

Il primo ministro ha affermato che l’eurozona, con una popolazione di oltre 340 milioni di persone, è la seconda economia mondiale, rappresentando il 15% del PIL mondiale, mentre l’euro è la seconda valuta mondiale più importante, rappresentando il 38% del transazioni. . .

Ha aggiunto che i sondaggi mostrano che il 79% dei residenti della zona euro sostiene la moneta unica, mentre solo il 15% si oppone, nonostante l’aumento del sostegno durante la pandemia.

Ha detto che all’inizio del suo quarto decennio di indipendenza, la Croazia sta completando i preparativi per l’adozione dell’euro e una più stretta integrazione con l’Unione europea.

“L’adozione dell’euro sarà un passo importante per la Croazia verso il rafforzamento della competitività dell’economia e l’aumento della sovranità economica”, ha affermato, aggiungendo che è certamente nell’interesse della Croazia condividere la stessa valuta con i suoi principali partner commerciali.

Plenkovic ha affermato che la decisione sull’adesione della Croazia era attesa a metà del 2022 e che quando, sei mesi dopo, l’ingresso della Croazia sarebbe entrato nell’euro, i rischi valutari e i costi di cambio per le imprese e i cittadini sarebbero scomparsi, e questo avrebbe avuto un impatto positivo sulle esportazioni e sui turisti dal dell’eurozona, oltre a stimolare gli investimenti esteri.

Ha citato l’esempio della Lituania, che ha introdotto l’euro nel 2015, affermando che da allora i salari lordi sono aumentati del 59% ei prezzi del 10%.

In Croazia, tra il 2015 e il 2020, lo stipendio lordo è aumentato del 21% e i prezzi del 2,4%.

Il presidente si è rammaricato per la perdita della valuta croata

Il presidente Zoran Milanovic ha affermato che oltre all’esercito croato, HNB è stata l’istituzione che ha fatto un buon lavoro in questi 30 anni, mentre il resto, compresi i tribunali, la Procura e tutti i governi, hanno visto alti e, purtroppo, più bassi.

READ  Gli esperti affermano che l'economia irlandese potrebbe sopravvivere alle riforme fiscali dell'OCSE

Per quanto riguarda l’adesione all’eurozona, il presidente ha affermato di vedere la perdita della sua valuta della Croazia con una dose di dolore.

Ha detto che la decisione di adottare l’euro è stata politica e sarebbe vantaggiosa per l’economia a causa della sua struttura, compresa l’elevata quota di servizi e turismo.

Tuttavia, ha aggiunto, Ungheria, Repubblica Ceca e Polonia non hanno offerto l’euro e, con buoni argomenti e l’accettazione da parte dei loro cittadini, mostrano una chiara inclinazione e tendenza a fare le cose a modo loro.

La Repubblica Ceca prende in prestito più a buon mercato e più preferibilmente da alcuni stati membri della zona euro, ha detto, chiedendosi come questo potrebbe essere spiegato. Aggiunse, quindi, che non si dovrebbero avere opinioni assolute né ci dovrebbero essere dogmi.

Il presidente ha affermato che la Lituania è l’unico esempio di aumento dei salari nell’Eurozona. Dall’altro, ha aggiunto, ci sono paesi che vedono stipendi stagnanti o addirittura in calo. Ha detto che l’economia italiana è in recessione da 20 anni e non si è mai adattata all’euro.

Parlando di criptovalute, Milanovic ha affermato che bisognerebbe fare di tutto per controllare questo segmento e vietarlo se necessario. “È davvero pericoloso.”

Ha detto che eliminare la carta moneta è dannoso dal punto di vista educativo poiché i bambini devono vedere i soldi per capirne il valore.

Orgoglioso governatore della banca centrale

Il governatore di HNB, Boris Vujic, si è detto orgoglioso di aver costruito una simile istituzione, confermando la vera indipendenza concessale dalle autorità politiche. Grazie a questa indipendenza, ha affermato, “siamo stati in grado di costruire un’istituzione riconosciuta in tutto il mondo”, aggiungendo che HNB promuove l’eccellenza e l’efficienza.

READ  I funzionari finanziari affermano che i rischi di default stanno già danneggiando l'economia

Alla domanda della stampa se anche lui fosse preoccupato per i cambiamenti che l’adesione all’eurozona avrebbe portato, Vujic si è detto convinto che ne beneficerebbe tutti i cittadini, il che si rivelerà importante nella prossima crisi.

Ha detto che l’adesione della Croazia sarebbe una nuova sfida per HNB, che manterrebbe tutte le sue funzioni di banca centrale, ad eccezione delle decisioni di politica monetaria.

Per quanto riguarda la menzione di Milanovic della Repubblica Ceca, Vujic ha detto che trarrebbe vantaggio dall’introduzione dell’euro, ma molto meno della Croazia perché è molto meno europea.

Alla domanda sulle criptovalute, ha affermato che tutti dovrebbero essere consapevoli dei rischi e consigliato di fare molta attenzione “perché è un tipo di investimento puramente speculativo. Non è il denaro che sostituisce il denaro emesso dalle banche centrali”.

Il ministro delle finanze Zdravko Maric ha dichiarato alla stampa di non essere d’accordo con l’affermazione del presidente secondo cui la Lituania potrebbe essere stata l’unico esempio positivo di adozione dell’euro, affermando che la Slovenia, gli Stati baltici, Cipro e Malta ne hanno beneficiato.

Il vicepresidente del parlamento Zeljko Rainer ha osservato che la kuna è stata introdotta come valuta nazionale il 30 maggio 1994, in sostituzione del dinaro, ma ha affermato che la Croazia ha guardato all’integrazione monetaria europea dal 1991.

Ha notato che le monete in euro avrebbero motivi croati, inclusa la martora (kuna) sulla moneta da 1 euro.

Per maggiori informazioni sulla polizza, segui la pagina TCN dedicata.