Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il produttore turco di macchine per parchi di divertimenti riprende le esportazioni

I produttori turchi di macchine per parchi di divertimento erano in testa al mercato prima della pandemia, in particolare in Medio Oriente, e le esportazioni si sono ora riprese quando l’impatto di COVID-19 sul settore dell’intrattenimento duramente colpito diminuisce.

La Tekin Lunapark di Ankara, uno dei maggiori player operanti in questo settore, è tra le aziende che stanno attirando l’attenzione con le loro esportazioni in diversi Paesi.

L’azienda è iniziata come un piccolo negozio nel sobborgo industriale di OSTIM ad Ankara negli anni ’70, prima che l’azienda venisse prodotta negli anni ’90. Oggi opera su un’area di 32.000 metri quadrati (344.000 piedi quadrati).

Ali Çolak, direttore generale di Teken Theme Park, ha detto all’Agenzia Anadolu (AA) che oltre alle loro attività di produzione, gestiscono parchi a tema in città tra cui Denizli nel sud-ovest, Erzurum nell’est e la capitale, Ankara.

Ha spiegato che generalmente producono macchine per parchi di divertimento per comuni e hotel a cinque stelle in tutto il paese, ma hanno esportato i loro prodotti in paesi come Tunisia, Giordania, Libano, Emirati Arabi Uniti, Azerbaigian, Polonia, Francia e altri paesi. Algeria negli ultimi sette-otto anni.

Finora abbiamo esportato in circa 15 paesi. Recentemente abbiamo firmato un contratto con un’azienda algerina per la vendita della macchina Crazy Dance. Esporteremo un’altra macchina in Romania e inizieremo a costruirla”.

Notando che l’industria dell’intrattenimento è uno dei settori più colpiti dal coronavirus, Chulak ha affermato: “L’attività è stata chiusa per 10 mesi durante la pandemia. Dalla chiusura dei parchi a tema nel paese e all’estero, anche la nostra produzione e attività si sono fermate. Siamo colpiti dal fatto che i clienti non possono visitarci a causa dell’assenza di mostre all’estero e della mancanza di ingressi e uscite allo stato durante questo processo.

READ  'Non è cambiato molto': il panificio italiano Caporale è un punto fermo della società da 115 anni | notizie locali

Tuttavia, questi effetti stanno iniziando a diminuire, afferma Chulak, poiché ci sono state mostre in Spagna a settembre e in Algeria a novembre.

“Avremo fiere a Dubai e in Uzbekistan a marzo nel prossimo periodo. Speriamo che questo processo progredisca positivamente e che raggiungeremo il livello di aumentare nuovamente le nostre esportazioni.

Şulak ha continuato dicendo che puntano anche ad entrare in nuovi mercati, in particolare la Russia e le repubbliche turche, nel prossimo periodo.

Chulak ha affermato che il loro obiettivo è stabilire relazioni attraverso incontri faccia a faccia nei paesi menzionati, aprendo così la strada alle loro esportazioni.

Ha aggiunto che i principali concorrenti del settore sono aziende italiane la cui qualità di produzione è pari ai loro prodotti ma operano a costi più elevati.

Notando che stanno beneficiando del sostegno del governo offerto agli esportatori, Çolak ha affermato che la sua azienda ha beneficiato dell’Organizzazione per lo sviluppo delle piccole e medie industrie della Turchia (KOSGEB).

“Ci aspettiamo di fornire maggiore supporto all’esportatore durante il processo di pandemia in modo da poter vendere in più paesi e aumentare il nostro potenziale di esportazione”, ha affermato.

Newsletter quotidiana di Sabah

Tieniti informato su ciò che sta accadendo in Turchia, nella sua regione e nel mondo.

È possibile disdire in qualsiasi momento. Registrandoti, accetti le nostre Condizioni d’uso e l’Informativa sulla privacy. Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.