Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Studio: L’inquinamento atmosferico può influire sulla qualità dello sperma inquinamento dell’aria

Secondo un nuovo studio che ha analizzato lo sperma di oltre 30.000 uomini in Cina, l’inquinamento dell’aria può influenzare la qualità dello sperma, in particolare la motilità dello sperma – la capacità dello sperma di nuotare nella giusta direzione.

ricerca, Pubblicato oggi su JAMA Networksindica inoltre che minore è il volume di particelle inquinanti nell’aria, maggiore è l’associazione con una scarsa qualità dello sperma.

“I nostri risultati suggeriscono che le frazioni con una dimensione delle particelle più piccola possono essere più efficaci delle frazioni più grandi nel causare una ridotta motilità degli spermatozoi”, hanno scritto gli autori della ricerca. I ricercatori ritengono che questi risultati mettano in evidenza un altro motivo per cui l’esposizione all’inquinamento atmosferico tra gli uomini in età fertile dovrebbe essere ridotta.

I ricercatori hanno cercato a lungo di determinare se esiste un legame tra inquinamento atmosferico e qualità dello sperma, ma non è chiaro se il primo abbia effetti negativi sulla salute sulla fertilità maschile perché i risultati degli studi sono Spesso incoerenti tra loro E il complicato da mettere in prospettiva. Sembra esserci motivo di ritenere che l’inquinamento possa influire negativamente sulla fertilità in generale per l’intera popolazione, come suggerito In questa revisione della letteratura internazionale pubblicata A dicembre 2021.

Ricercatori presso la Tongji University School of Medicine di Shanghai Ha esaminato i record di dati per un totale di 33.876 uomini provenienti da 340 città cinesi, di età media 34 anni, con vari gradi di esposizione all’inquinamento atmosferico tra loro, e le cui mogli sono rimaste incinte attraverso la tecnologia di riproduzione assistita con il loro sperma tra gennaio 2013 e dicembre 2019.

READ  Il famoso Arco di Darwin nelle Isole Galapagos crolla a causa dell'erosione

Hanno quindi cercato i modelli tra la qualità dello sperma per quanto riguarda se i partecipanti fossero stati esposti a quantità di particelle di diametro inferiore a 2,5 μm, tra 2,5 e 10 μm e 10 μm di diametro, in diversi momenti chiave dei 90 giorni prima della loro visita. In ospedale per l’eiaculazione dello sperma. Per determinare la qualità dello sperma, i ricercatori si sono concentrati su fattori come il numero di spermatozoi, la concentrazione e la motilità degli spermatozoi.

Sebbene i ricercatori non siano stati in grado di trovare un legame significativo tra inquinamento atmosferico e qualità dello sperma in termini di numero o concentrazione di spermatozoi, hanno scoperto che più il partecipante è stato esposto a particelle più piccole, minore è la motilità progressiva e totale dello sperma. . La motilità progressiva dello sperma è la capacità dello sperma di nuotare in avanti, mentre la motilità totale dello sperma si riferisce semplicemente alla capacità dello sperma di nuotare in generale.

In particolare, dopo l’esposizione a particelle di diametro inferiore a 2,5 µm. Si è verificata una diminuzione stimata della motilità degli spermatozoi del 3,6%, mentre in seguito all’esposizione a particolato con un diametro di 10 μm, si è verificata una diminuzione stimata della motilità degli spermatozoi del 2,44%. Cioè, è possibile che parti diverse di particelle di dimensioni diverse abbiano effetti diversi sulla qualità dello sperma, probabilmente perché più piccole sono le particelle, più è probabile che viaggino più in profondità nei polmoni umani.

I dati suggeriscono che gli effetti della contaminazione sono più pronunciati quando l’esposizione avviene durante i primi 90 giorni della spermatogenesi – chiamata spermatogenesi – piuttosto che durante le altre due fasi. Questo, a sua volta, potrebbe significare che le particelle influiscono sullo sperma a livello genetico, secondo i ricercatori, ma questa è solo una speculazione e ci sono ulteriori ricerche da fare in questo settore.

READ  Le e-mail rivelano lo stress che il dottor Anthony Fauci ha dovuto affrontare all'inizio della pandemia di COVID COVID

Ha affermato: “La possibilità di un collegamento tra inquinamento atmosferico e qualità dello sperma è stata suggerita in numerosi studi nel corso degli anni, sebbene non tutti fossero d’accordo con questa conclusione”. Alan Bassi, professore di andrologia all’Università di Sheffield, che non è stato coinvolto nella ricerca. “Questo documento aggiunge alla base di prove che il collegamento è reale e impressionante perché utilizza i dati sulla qualità dello sperma di oltre 30.000 uomini”.

“Ma il livello di diminuzione della motilità degli spermatozoi sembra essere molto basso”, ha detto Bassi, sottolineando che l’associazione non è causale. Ha sottolineato che il documento non ha fornito alcuna informazione sulla forma, la forma e le dimensioni dello sperma, il che ha reso impossibile determinare se l’inquinamento fosse responsabile della deformazione dello sperma e questo è il motivo della sua bassa motilità, oppure se ci fossero altri motivi. .

Secondo Bassey, è importante prendere questi risultati con le pinze. Sebbene i dati suggeriscano che la contaminazione possa avere un effetto negativo sulla motilità degli spermatozoi, non ci sono informazioni sufficienti per concludere se ciò potrebbe avere un effetto clinico significativo nel complesso e portare a una diminuzione complessiva delle capacità degli uomini nelle aree ad alto inquinamento. diventare genitori. Ulteriori ricerche in questo settore potrebbero aiutare a rispondere a questa domanda con maggiore certezza in futuro.