Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Secondo uno studio, l’industria marittima italiana supera i 27 miliardi di euro all’anno

Secondo uno studio, l’industria marittima italiana supera i 27 miliardi di euro all’anno

Altagama conosce il significato del lusso, soprattutto del lusso italiano. Dal 1992, la Fondazione studia i marchi italiani di alta gamma nei settori della moda, design, gioielleria, alimentare, ospitalità, automobilistico, nautica e benessere. La sua missione è aumentare la competitività dell’industria del lusso e contribuire alla crescita economica in Italia.

Uno studio Altagamma-Deloitte sull’industria marittima italiana, pubblicato il 25 giugno 2024, ha rivelato che l’industria è cresciuta tre volte più velocemente del PIL italiano tra il 2012 e il 2022 e che il suo impatto complessivo è 2,7 volte maggiore dell’impatto diretto, ovvero sei volte Il suo impatto sull’occupazione.

Lo studio presentato da Giovanna Vitelli, vicepresidente Marine di Altagamma, e Tommaso Nastasi, senior partner di Deloitte, ha sottolineato le misure che il settore potrebbe intraprendere per aumentare ulteriormente questi numeri. Presente anche il presidente dell’Altagamma Matteo Lunelli. Vitelli è anche Presidente del Gruppo Azimut|Benetti, uno dei principali costruttori di yacht in Italia e nel mondo.

Industria nautica italiana

Non solo la nautica da diporto è un’enorme forza economica in Italia, ma impiega anche 157.000 persone. Osservando il settore con particolare attenzione alle opportunità di crescita e alla sua catena del valore, ci sono alcuni numeri interessanti che influenzano la discussione.

La produzione di nuovi superyacht in Italia rappresenta il 50% del portafoglio globale di superyacht. I servizi professionali, che richiedono elevate conoscenze e competenze tecniche, generano 11,4 miliardi di euro e impiegano più di 54.000 dipendenti direttamente, indirettamente e in posizioni subordinate.

La nautica da diporto e il turismo marino sono così attrattivi da portare al settore 16,3 miliardi di euro e 103.000 persone. Si affacciano sulla scena internazionale gli yacht e le eccellenze produttive nel campo del refit, che rappresenta un terzo della spesa del turismo di terra.

Il rapporto ha rilevato che la principale area di espansione per la nautica da diporto ruota attorno allo sviluppo dei porti turistici. Dall’analisi è emerso che solo il 30 per cento dei posti barca disponibili in Italia si trova in porti turistici in grado di accogliere yacht e superyacht con adeguate strutture tecniche e interessanti opportunità turistiche.

Gli yacht più grandi hanno un impatto maggiore sul territorio

Dallo studio è emerso che gli yacht di lunghezza superiore a 18 metri rappresentano il 65% dell’impatto economico totale, di cui l’80% nel settore della cantieristica navale. Questo settore, pur rappresentando solo il 2% degli yacht che visitano l’Italia, genera il 55% del valore successivo derivante dall’utilizzo degli yacht.

Inoltre, la spesa a terra relativa ai grandi yacht, di cui solo il 6,5% batte bandiera italiana, è in media 26 volte maggiore rispetto alla media del settore marittimo. Dall’analisi è emerso che i grandi yacht immatricolati in Italia, gestiti da italiani, e che visitano la costa per almeno 10 settimane all’anno, apportano un contributo totale di 1,6 milioni di euro. Incoraggiare più yacht a visitare avrà evidenti vantaggi.

Nel 2022, la flotta mondiale di superyacht, compresi quelli sopra i 24 metri di lunghezza, ha raggiunto i 6.400. Circa il 30%, ovvero 2.000, ha visitato le coste italiane. Questo segmento di superyacht rappresenta il segmento di spesa più elevato in diverse categorie merceologiche, con yacht di lunghezza superiore a 24 metri che spendono tra € 10.000 e 100.000 € e yacht di lunghezza superiore a 60 metri che spendono cinque volte tale importo.

Raccomandazioni di Tagama

L’organizzazione, presentata da Giovanna Vitelli, propone di lavorare per allineare le aliquote Iva sul noleggio degli yacht a quelle imposte dal turismo e dagli alberghi. Hanno inoltre proposto di aggiornare regolamenti e procedure per incoraggiare una registrazione più aggressiva della bandiera italiana.

A proposito di Altagama

L’organizzazione ha un impressionante elenco di membri, che comprende marchi da Alfa Romeo e Brioni, a Gucci, Riva e Versace, con un elenco di partner che include nomi venerabili come American Express, Bain & Co, JP Morgan e Pirelli.

Ogni anno, il gruppo effettua ricerche su otto aree, rilasciando rapporti di studio completi solo ai membri, con riassunti e schemi distribuiti ad altri. I rapporti si basano sulla domanda e sull’offerta con uno sguardo approfondito al consumo, alla profilazione dei consumatori, al digitale, alla vendita al dettaglio e alle specifiche del prodotto, arrivando a preziose previsioni e analisi per i marchi di vendita al dettaglio di lusso in tutto il mondo pur rimanendo ambasciatori costanti dello stile italiano.

READ  I clienti hanno chiesto molto. Sam's Italian Deli prevede la consegna attraverso la sua seconda sede di Fresno