Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Scopri il “mondo nascosto” della vita marina nel “fiume” antartico sotto il ghiaccio | Antartide

Sotto la vasta piattaforma di ghiaccio antartico, in una grotta simile a una cattedrale alta centinaia di metri, sciami di minuscole creature simili a gamberetti in un ecosistema sottomarino appena scoperto, che fino a poco tempo fa è rimasto un segreto chiuso sul ghiaccio.

Un team di scienziati di Nuova Zelanda L’ecosistema è stato scoperto a 500 metri sotto il ghiaccio in un presunto estuario, a centinaia di chilometri dal bordo della piattaforma di ghiaccio di Ross.

L’Antartide Nuova Zelanda ha aiutato i ricercatori delle università di Wellington, Auckland, Otago e del National Institute of Water and Atmosphere (NEWA) e del Geosciences and Nuclear Sciences per studiare il ruolo che l’estuario potrebbe svolgere nello scioglimento della piattaforma di ghiaccio indotto dal clima.

Ma quando hanno scavato nel ghiaccio fino al fiume, le loro macchine fotografiche erano piene di anfipodi, minuscole creature della stessa stirpe di aragoste, granchi e falene.

“Per un po’ abbiamo pensato che qualcosa non andasse nella fotocamera, ma quando la messa a fuoco è migliorata, abbiamo notato uno sciame di artropodi di circa 5 mm di dimensione”, ha affermato Craig Stevens di Niwa.

Creature simili a gamberetti in un ecosistema sottomarino scoperto di recente sotto Ross Iceberg. Fotografia: Niwa/Craig Stevens

“Abbiamo fatto esperimenti in altre parti della piattaforma di ghiaccio e pensavamo di andare avanti con le cose, ma questa volta sono emerse grandi sorprese”.

Stevens ha detto che mentre c’era un impulso al cambiamento climatico ad agire, c’era un elemento di scoperta nel viaggio.

“Stiamo saltando su e giù perché avere tutti quegli animali che nuotano intorno alla nostra attrezzatura significa che c’è ovviamente un ecosistema importante là fuori”.

Sito di ricerca antartico
Sito web di ricerca antartica. C’è una rete di laghi e fiumi d’acqua dolce nascosti sotto le calotte glaciali. Fotografia: Niwa/Craig Stevens

Il leader del progetto, Huw Horgan della Te Herenga Waka Victoria University di Wellington, è stato il primo a scoprire l’estuario, dopo aver spiato un solco nel ghiaccio mentre studiava le immagini satellitari della Ross Ice Shelf.

Horgan ha affermato che i ricercatori sono a conoscenza della rete di laghi e fiumi d’acqua dolce nascosti sotto le calotte glaciali antartiche da tempo, ma non sono stati ancora rilevati direttamente.

“Osservare e assaporare questo fiume è stato come il primo ad entrare in un regno nascosto.”

Gli strumenti sono stati lasciati nel fiume per monitorarne il comportamento, ha affermato, mentre i ricercatori di laboratorio indagheranno su ciò che rende l’acqua unica.

I risultati del team si sono ulteriormente ampliati: aveva appena pubblicato la sua lettera pochi giorni prima del suo massiccio arrivo. Eruzione del vulcano Tonga Honga Tonga – Hong Hapai. Gli strumenti del team hanno rilevato un significativo cambiamento di pressione mentre lo tsunami si faceva strada attraverso la cavità.

Vedere gli effetti dell’eruzione ha ricordato a Stevens quanto sia connesso il pianeta. “Eccoci qui, in un angolo dimenticato del mondo, a vedere gli effetti in tempo reale di eventi che sembravano mondi lontani. È stato fantastico”.

READ  L'Unione Europea ha avviato un'azione legale contro il Regno Unito per un accordo post-Brexit in Irlanda del Nord