Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Almeno 49 morti, compresi i vigili del fuoco, nell’incendio del magazzino merci del Bangladesh

enorme Fuoco In un deposito di container vicino a una città costiera nel sud-est Bangladesh Almeno 49 persone sono rimaste uccise, inclusi nove vigili del fuoco, e più di 100 altre sono rimaste ferite, secondo funzionari e media locali, mentre gli sforzi per spegnere l’incendio sono continuati fino alla seconda notte.

L’inferno è scoppiato nel magazzino della BMW Inland Container, una joint venture olandese-Bangladesh, intorno alla mezzanotte di sabato dopo l’esplosione in un container pieno di sostanze chimiche.

Non è stato possibile determinare immediatamente la causa dell’incendio. Il deposito si trova vicino al principale porto marittimo del paese, Chittagong, 216 chilometri a sud-est della capitale, Dhaka.

I vigili del fuoco lavorano per contenere un incendio scoppiato nel deposito di container BM Inland. (Foto AP) (AFP)
Un incendio è scoppiato nel deposito di container BM Inland, all'alba di domenica 5 giugno 2022. Dozzine sono state uccise e più di 100 altre sono rimaste ferite nell'incendio, la cui causa non è stata immediatamente determinata.  (Foto AP)
Un incendio è scoppiato nel deposito di container BM Inland, all’alba di domenica 5 giugno 2022. Dozzine sono state uccise e più di 100 altre sono rimaste ferite nell’incendio, la cui causa non è stata immediatamente determinata. (Foto AP) (AFP)

Tra i morti c’erano almeno nove vigili del fuoco, secondo il generale di brigata Minuddin, direttore generale dei vigili del fuoco e della protezione civile del Bangladesh. Ha aggiunto che più di altri 10 sono in cura per ustioni.

Diversi round di esplosioni si sono verificati dopo la prima esplosione mentre le fiamme continuavano a diffondersi, ha detto Adin. Gli esperti di esplosivi dell’esercito del Bangladesh sono stati chiamati ad assistere i vigili del fuoco. Funzionari e resoconti dei media locali hanno affermato che le esplosioni hanno rotto le finestre degli edifici vicini e sono state avvertite da persone a quattro chilometri di distanza.

Il bilancio delle vittime era arrivato a 49 domenica sera, secondo Icatore TV, e il chirurgo civile del distretto ha affermato che il numero potrebbe continuare a salire mentre l’incendio infuriava per la seconda notte.

Il primo ministro Sheikh Hasina ha espresso il suo shock per l’incidente e ha ordinato disposizioni adeguate per il trattamento medico dei feriti.

Le persone trasportano il corpo di una vittima dopo che è scoppiato un incendio nel deposito di container BM Inland.  (Foto AP)
Le persone trasportano il corpo di una vittima dopo che è scoppiato un incendio nel deposito di container BM Inland. (Foto AP) (AFP)
I vigili del fuoco esausti si prendono una pausa dopo aver tentato di contenere un incendio scoppiato nel magazzino di BM Inland Container, una joint venture olandese-Bangladesh, a Chittagong, 216 chilometri a sud-est della capitale, Dhaka, Bangladesh, all'inizio di domenica 5 giugno 2022 . Foto)
I vigili del fuoco esausti si prendono una pausa dopo aver tentato di contenere un incendio scoppiato nel magazzino di BM Inland Container, una joint venture olandese-Bangladesh, a Chittagong, 216 chilometri a sud-est della capitale, Dhaka, Bangladesh, all’inizio di domenica 5 giugno 2022 . Foto) (AFP)

Il Bangladesh ha una storia di disastri industriali, comprese le fabbriche che hanno preso fuoco con i lavoratori intrappolati all’interno. I gruppi di monitoraggio hanno accusato la corruzione e la lassità delle forze dell’ordine.

I marchi globali, che impiegano decine di migliaia di lavoratori a basso salario in Bangladesh, sono stati criticati per il miglioramento delle condizioni degli stabilimenti negli ultimi anni. Nell’enorme industria dell’abbigliamento del paese, che dà lavoro a circa quattro milioni di persone, le condizioni di sicurezza sono migliorate notevolmente dopo le massicce riforme, ma gli esperti affermano che potrebbero ancora verificarsi incidenti se altri settori non apportassero cambiamenti simili.

Nel 2012, circa 117 lavoratori sono morti intrappolati dietro le uscite chiuse di una fabbrica di abbigliamento a Dhaka.

Il peggior disastro industriale del paese si verificò l’anno successivo, quando la fabbrica di abbigliamento Rana Plaza fuori Dhaka crollò, uccidendo più di 1.100 persone.

Nel 2019 è scoppiato un incendio in un quartiere di 400 anni pieno di appartamenti, negozi e negozi nella parte più antica di Dhaka e ha ucciso almeno 67 persone. Un altro incendio nella vecchia Dhaka in una casa che immagazzinava illegalmente sostanze chimiche ha ucciso almeno 123 persone nel 2010.

Nel 2021, un incendio in una fabbrica di alimenti e bevande fuori Dhaka ha ucciso almeno 52 persone, molte delle quali sono rimaste intrappolate all’interno di una porta chiusa illegalmente.

READ  Perché Sally Rooney si è rifiutata di consentire a un editore israeliano di tradurre il suo romanzo in ebraico?