Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Recensione: “Stanley Tucci: Alla ricerca dell’Italia” offre uno sguardo sulla diversità culinaria italiana

L’attore Stanley Tucci continua il suo viaggio attraverso l’Italia con la seconda stagione del suo spettacolo.

di Madeline Sawyer | 7/8/22 1:00

Nella seconda stagione della serie di documentari originali della CNN “Stanley Tucci: Alla ricerca dell’Italia”, l’attore, scrittore e produttore Stanley Tucci continua il suo viaggio attraverso l’Italia per conoscere la cucina e la cultura del paese. In quattro episodi, il quattro volte vincitore dell’Emmy Award e candidato all’Oscar porta il suo pubblico in diverse parti d’Italia – Venezia, Piemonte e Umbria – con l’episodio finale ambientato a Londra. Tucci si concentra non solo sui piatti caratteristici di ogni regione, ma sulla ricca storia e eredità di questi piatti.

Tifosi del passato La prima stagione dell’anno in sei parti — in cui Ducey cerca di “scoprire che ciascuna delle cucine in 20 regioni di questo paese è unica come le persone e il loro passato” — sarà felice della seconda stagione, che continua nella stessa linea. Viaggiando in diverse parti di ogni regione, Tucci esplora la cucina, la storia e l’interconnessione delle persone. “Looking for Italy” è più di un tipico spettacolo di viaggio e cucina, in quanto trasmette un messaggio più profondo sull’apprezzamento della storia e sulla valorizzazione della diversità.

La personalità simpatica, il comportamento senza pretese e il buon umore di Tucci continuano a brillare in questa serie di serie che ha qualcosa per suscitare l’interesse di quasi tutti; Se sei interessato a saperne di più sulla cucina italiana o sulla storia, l’economia, la politica o la cultura del paese, questo è lo spettacolo che fa per te.

La forza di questo spettacolo è ben rappresentata dal primo episodio; Introduce l’attenzione principale di Tucci sull’incredibile diversità in Italia. Iniziando la stagione a Venezia, Tucci sta perdendo la sua reputazione di cibo cattivo. La giornata inizia con una colazione veneziana in un wine bar, seguita da un pranzo tradizionale con un gondoliere locale e una passeggiata per Piazza San Marco. Ambientato in un luogo in cui il cibo non viene coltivato e tutto deve essere catturato o esternalizzato, l’episodio traccia con successo l’origine degli ingredienti utilizzati dagli chef.

READ  Emily Mayfield esplora la piccola Italia di Cleveland

In una delle zone più antiche della città, un ristorante afgano ha aperto un ristorante chiamato Orient Experience. Il personale – rifugiati provenienti da Iran, Nigeria, Afghanistan, Turchia, Siria e Pakistan – prepara ricette dai propri paesi. Attraverso questo ristorante, lo spettacolo introduce il suo pubblico a nuove esperienze culinarie e alla diversità della cucina veneziana. In Friuli, vicino al confine tra Slovenia e Austria, il piatto di gulasch unisce i sapori austriaci, ungheresi e italiani, onorando la sua storia come parte dell’impero austro-ungarico. Questo episodio mi ha sorpreso e deliziato, sfidando i preconcetti di una regione invasa dai turisti.

La parte settentrionale del Piemonte esemplifica il movimento slow food, l’eclettica industria del tartufo, l’imprenditoria enologica e la cucina alpina. Impariamo rapidamente che i piatti tradizionali sono spesso serviti con un tocco moderno. A Vercelli, i fratelli Christian e Manuel Costardi hanno dato una svolta creativa al risotto tradizionale, rendendolo creativo e unico. Quando Tucci incontra Carlo Petrini all’Università di Scienze Gastronomiche, gli spettatori possono toccare con mano la storia e l’opera del movimento Slow Food.

Apprezzo particolarmente gli sforzi di Ducey in entrambe le stagioni per mettere in evidenza le giovani imprenditrici che fanno scalpore nei settori tradizionalmente dominati dagli uomini. Ducey incontra l’enologo 30enne Giulia Negri, uno dei più giovani viticoltori piemontesi e il primo della sua famiglia a produrre uno dei migliori vini d’Italia, il Barolo, dai vigneti della loro proprietà. Rispecchia l’incontro della prima stagione di Tucci con Arianna Occhipindi, una giovane enologa siciliana che ha avviato la propria azienda vinicola ed etichetta.

Il viaggio del Ducato in Umbria illustra lo stile di vita tradizionale, primitivo e domestico che molti immaginano sia la campagna italiana. Tucci descrive l’Umbria come un luogo dove le famiglie vivono a stretto contatto con la terra e ne offre numerose testimonianze: cucinare nel forno a legna con il presentatore del cooking show Giorgio ‘Big George’ Parsisi, caccia al cinghiale con il primo drappello di cacciatori tutto al femminile in Italia . Un’azienda agricola del tartufo nero a conduzione familiare, e una visita alle cave di piccioni secolari di Orvieto. Le pratiche alimentari sostenibili sono il punto focale di Città della Pieve. Questa azienda agricola a conduzione familiare coltiva ortaggi resistenti al clima e incarna la cultura crescente e indipendente dell’Umbria.

READ  La Spagna e l'Italia godono dei costi finanziari più bassi. L'Italia non ha nemmeno un governo stabile e la disoccupazione sta provocando il caos in Spagna

La seconda stagione si conclude a Londra, con un’aggiunta inaspettata, ma di successo. Secondo Tucci, Londra potrebbe essere la 21a regione italiana, come dimostrano la sua numerosa popolazione italiana e migliaia di ristoranti e prelibatezze italiane. Residente a Londra, condivide i suoi posti italiani preferiti e incontra Genaro Contaldo, a cui viene attribuito il merito di aver cambiato il panorama culinario della città.

Questo episodio ribadisce ciò che la prima stagione ha saputo fare meglio: svelare i contributi degli immigrati alla cucina di un luogo. Nella prima stagione, Tucci si è concentrato sui benefici della diversità per la cucina italiana. Nella seconda stagione, Tucci esamina l’importazione della cucina italiana a Londra e il contributo degli immigrati italiani.

Secondo Tucci, il cibo è “come gli immigrati italiani definivano chi erano e da dove venivano”. I nonni immigrati in Galles dall’Emilia-Romagna trascorrono del tempo nella cucina di un famoso chef, cenano in un ristorante dove le mamme italiane cucinano piatti provenienti da diverse regioni italiane e visitano molte attività di proprietà di immigrati.

La seconda stagione di “Searching for Italian” ha avuto lo stesso successo della prima nell’immergersi simultaneamente nella cucina italiana e nel soddisfare un pubblico più ampio. L’esplorazione di Tucci della cultura italiana tocca i temi della tradizione, dell’innovazione e delle forze che modellano la cucina italiana moderna. Lo spettacolo educa gli spettatori sulla storia, la geografia e la politica della nazione, nonché sulla vita quotidiana della sua gente. Tucci utilizza uno spettacolo di cucina e di viaggio per offrire lezioni approfondite sulla vasta rete di persone che contribuiscono alla cucina che plasma l’Italia.

Voto: ★★★★★