Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Germogli verdi sul mercato fotovoltaico italiano – pv Magazine International

11/2021 dalla rivista pv

Dopo 10 anni di siccità, sul mercato fotovoltaico italiano compaiono i germogli verdi. Gli sviluppatori, che trascorrono più tempo nei tribunali regionali per affrontare l’opposizione locale, affermano che attualmente stanno lavorando a nuove opportunità di investimento. L’aumento delle preferenze politiche a livello europeo, ma nazionale, fornisce un terreno fertile per gli sviluppatori. La vera motivazione, tuttavia, è il crescente appetito del settore finanziario.

“Il denaro sta bruciando nelle mani degli investitori. Molti fondi di investimento nel settore energetico hanno raccolto capitali e stanno cercando di investire presto. Ma ci sono ancora meno progetti in Italia e vediamo molta concorrenza per ottenere progetti pronti da costruire “, ha affermato Gianluca Biscotti, amministratore delegato di Engineering Consultancy Studio PFP. Di conseguenza, ha affermato, gli investitori sono disposti a pagare prezzi “molto alti” per il riconoscimento e ad accettare “i rendimenti degli investimenti più bassi”.

Nella prima metà di TERNA 2021 ha ricevuto richieste di connessione alla rete per oltre 150 GW di progetti di energia rinnovabile, principalmente luce solare. “Ciò dimostra che il principale ostacolo al raggiungimento degli obiettivi del 2030 non è la fame degli investitori, ma il processo di riapprovazione”, ha affermato Michael Scolaro, associato di Aurora Energy Research. Nel contesto centrale di Aurora, gli obiettivi rinnovabili per il 2030 non possono essere raggiunti.

A luglio, il Ministero dei Cambiamenti Climatici (MiTE) italiano ha aumentato i suoi obiettivi per il 2030, portando gli obiettivi di riduzione delle emissioni dal 37% al 51%. Ciò aumenterà la capacità di energia rinnovabile da 56 gigawatt nel 2020 a 114 gigawatt entro il 2030. Si parla che presto saranno annunciate nuove approvazioni per centinaia di megawatt di nuovi progetti.

Secondo Carlotta Pianderi, associata di Aurora Energy Research, l’Italia è attualmente su un percorso simile alla Spagna, ma è in ritardo di qualche anno. “Ciò è confermato dal nostro modello, attraverso il quale vediamo la produzione di commercianti da 20 GW a 30 GW nei prossimi cinque o dieci anni”, ha affermato.

I prossimi due anni saranno cruciali. Secondo Mauro Moroni, ambasciatore per la conversione energetica di Kiva Italia, il fornitore di test, la nuova capacità sarà compresa tra 2 e 3 gigawatt all’anno per i prossimi due o tre anni. “Nonostante l’attuale ostacolo all’accreditamento, prevedo già un’impennata degli impianti domestici e industriali quest’anno, principalmente a causa dell’aumento delle tariffe dell’elettricità e del gas. Inoltre, dal secondo trimestre del prossimo anno, ci sarà già una forte accelerazione del installazioni a terra”, ha detto Moroni. Coerentemente con le cifre.

Modifiche legali

Per liberare tutto il potenziale del mercato fotovoltaico italiano, operatori, sviluppatori, analisti e avvocati devono semplificare le approvazioni necessarie per sviluppare un progetto di energia rinnovabile, con riforme normative.

READ  La Slovenia ha regalato all'Italia 12 punti... la Polonia è salita al terzo posto

Andrea Stichi Damiani, co-fondatore della società di consulenza legale Stichi Damiani, afferma che DL Simplifications-Biz, un insieme di misure per facilitare le approvazioni, si sta muovendo in questa direzione. “I cambiamenti più importanti sono tre: in primo luogo, l’ampliamento del campo di applicazione della Prassi di Gestione Semplificata (PAS); .

Autorità Tecnica

La commissione tecnica deciderà su grandi progetti strategici fotovoltaici inclusi nel Piano nazionale di ripresa e recessione (PNRR) e attuerà il Piano nazionale integrato per l’energia e il clima (PNIEC).

Stichi Damiani ha detto che ci vorrà del tempo prima che la Commissione Tecnica inizi ad operare. “Come tutte le nuove organizzazioni, immagino che un comitato tecnico fino a quaranta membri richiederà un mandato iniziale. Ad oggi, l’ordinanza di nomina dei membri non è stata ancora emanata. Pertanto, potrebbero volerci un mese o due prima che la commissione diventi pienamente operativo”, ha detto.

Scolaro ha detto che la commissione dovrebbe esaminare centinaia di richieste ogni anno, il che rallenterebbe il suo lavoro. “C’è il rischio di spostare il divieto di autorizzazione dal livello regionale allo stato”. Gli analisti prevedono che questo processo di centralizzazione darà i suoi frutti nei prossimi due o tre anni.

Emilio Sani, avvocato dello Studio Sani Jangrando, prevede i primi sintomi tra sei mesi. “Gli effetti dello spostamento dell’accreditamento ambientale a livello nazionale saranno verificati dalla prossima primavera quando saranno completate le prime procedure a livello nazionale”.

Crescita casuale

Le regioni italiane mostrano modelli di crescita solare significativamente differenti. La Puglia, da tempo leader nel panorama fotovoltaico italiano, avanza lentamente, mentre aree come Sicilia, Lazio, Piemonte ed Emilia Romagna stanno rapidamente riconoscendo il nuovo potenziale.

La Puglia è diventata una delle principali destinazioni turistiche negli ultimi 10 anni e questa tendenza si è intensificata durante le epidemie. Nella regione, l’opposizione pubblica al fotovoltaico è forte. Sani afferma che la Puglia respinge la maggior parte delle richieste di aree agricole a causa del potenziale “già significativo”.

Sticchi Damiani spiega che esistono anche interpretazioni molto limitate del Piano paesaggistico regionale (PPTR) e questioni pratiche come il caratteristico conflitto tra autorità regionali e provinciali. Il Consiglio di Stato, organo consultivo giuridico-amministrativo, è recentemente intervenuto per risolvere l’ipotetico conflitto.

“Al contrario, in Sicilia, le competenze sono chiaramente definite”, ha affermato Sony. Allo stesso tempo, le questioni locali non sono solo una questione di riconoscimento. “Circa il 50% dei consumi energetici italiani è al nord. Sarebbe quindi importante installare il fotovoltaico in zone a basso irraggiamento, ma vicine ai consumi”, ha commentato Sani.

READ  Lotteria della famiglia di Galileo: vinci un viaggio gratuito in Italia pubblicando una foto di salame

Gli investitori internazionali sono confusi dalla variazione regionale. “È molto difficile per un investitore internazionale capire perché le regioni si stanno muovendo a un ritmo così diverso. Per legge, quando le domande vengono elaborate in un breve periodo di tempo, il processo di approvazione può richiedere dai due ai tre anni”, ha affermato Fabio Spochas. , responsabile globale dello sviluppo del progetto per Mytilineos, con sede in Grecia, L’Italia rappresenta circa il 25% del portafoglio globale di impianti fotovoltaici e di accumulo di Mytilinos.

Resistenza locale

Anche gli operatori e gli sviluppatori stanno riscontrando un problema di comunicazione a livello nazionale. “Negli ultimi mesi, la rivista generalista italiana ha pubblicato una serie di articoli sul mondo delle rinnovabili che, purtroppo, riguardano la disinformazione. La disinformazione di massa rallenta il processo di decorbonizzazione”, ha detto Moroni. Ha spiegato che gli operatori di energia rinnovabile sono intrinsecamente frammentati. Pertanto, è difficile per gli sviluppatori FV influenzare l’opinione pubblica.

Tuttavia, secondo Moroni, “una buona parte della popolazione” è favorevole all’energia da fonti rinnovabili. Inoltre, stanno emergendo strumenti per stimolare l’accettazione. Moroni Enal fa riferimento alla campagna di finanziamento comunitario di Green Power.

A settembre Enal Green Power ha lanciato uno sforzo finanziario per un impianto solare da 17 megawatt in Emilia-Romagna. I cittadini italiani possono investire tra 100 (116 $) e 5.000, con un reddito annuo totale del 5,5% per le persone che vivono nel comune che circonda la centrale e del 4,5% per i non residenti.

“In questo modo, sosterranno la decarbonizzazione del loro luogo di residenza e i cittadini saranno più motivati ​​ad adottare un impianto rinnovabile nella loro regione e partecipare al finanziamento della sua realizzazione. Spero che questo tipo di approccio economico e sociale avrà un impatto medio e successo a lungo termine tra gli investitori rinnovabili in tutto il mondo”, ha affermato.

Prezzi vantaggiosi

I prezzi delle materie prime sono un altro fattore importante per molte ragioni. I prezzi elevati e volatili dei combustibili fossili rendono le rinnovabili più competitive. Gli operatori, invece, affrontano nuove sfide.

“L’impatto dei prezzi elevati delle materie prime è forte e ancora poco compreso. L’aumento dei prezzi delle materie prime, la carenza di trucioli e il crescente squilibrio nei costi di trasporto dalla Cina stanno portando a un forte aumento dei costi di costruzione degli impianti fotovoltaici, che, purtroppo, aumentano di settimana in settimana”, ha aggiunto Biscotti. La situazione è aggravata dalle voci di una carenza di moduli fotovoltaici.

Pilastri della crescita

Insieme alle installazioni tradizionali, l’agrivoltaico, le comunità energetiche e il mercato BPA dovrebbero guidare la crescita futura. L’investimento pubblico in PNRR mira a proteggere le risorse per stabilire un totale di 2 GW di produzione di energia dalle comunità energetiche entro il 2026.

READ  Murphy era di nuovo in forma mentre McCloskey ha deriso la "derisione" dell'Italia

Anche il mercato italiano dei PPA ha bisogno di crescere, nonostante le regolari restrizioni alle licenze. “Il PPA è il modo migliore per implementare progetti fotovoltaici quando i sussidi non sono un’opzione. Il fotovoltaico sui terreni agricoli è esente dal sussidio. Pertanto, al momento, esiste un mercato di acquirenti. Tuttavia, prevediamo un aumento della domanda di PPA nei prossimi anni I consumatori acquistano sempre più energia verde, e le rivendicazioni aggiuntive sono spesso importanti nelle scelte di acquisto delle aziende”, ha spiegato Pianderi.

Agrivoltaico

I progetti acrivoltaici sono più costosi di altri impianti a terra. Secondo Piantieri, l’LCOE è in media superiore del 20%. Allo stesso tempo, il paese dove non ci sono deserti piatti ha bisogno dell’agrivoltaico.

“Siamo un Paese dove si intrecciano le esigenze di conservazione del territorio, agricoltura e decarbonizzazione industriale. Per questo l’Italia sarà un laboratorio dove potranno nascere tanti progetti innovativi. Sempre più agricoltori e produttori di energia coopereranno”, ha aggiunto Moroni.

Tuttavia, non c’è consenso sul fatto che le installazioni equivolte richiedano sussidi. “Noi di BFP crediamo che l’agrivoltaico sia una grande opportunità che, se ben letta e misurata, può e deve fornire un duplice ritorno sull’investimento, uno per l’energia e l’altro per l’agricoltura. Gli incentivi lo rendono invalido”, ha affermato. Può essere determinato .

Sani ha spiegato che i progetti realizzati nelle aree agricole avranno il sostegno del pubblico. “La coerenza di questo modello sarà chiara durante il GSE [Energy Services Operator] E il MiTE chiarirà i requisiti proprio in base alla produttività agricola e alle caratteristiche tecniche degli impianti”, ha affermato l’avvocato.

Il PNRR prevede பொது 1,1 miliardi di investimenti pubblici in progetti agricoli. A questo punto, con o senza sovvenzioni, lo sviluppo degli agrovolatici in Italia dipendeva in gran parte dai processi di approvazione. “Attualmente, i progetti devono affrontare carichi di autorizzazioni aggiuntivi a causa delle molte aziende coinvolte nel processo, spesso con criteri decisionali diversi”, ha aggiunto Scolaro.

In generale, l’industria fotovoltaica italiana spera che la centralizzazione del processo di accreditamento aiuterà gli impianti solari a riflettere i successi recentemente registrati delle applicazioni di accumulo in Italia.

“Abbiamo sperimentato un approccio completamente diverso alla creazione del nostro portafoglio di storage con MITE. È stato molto positivo”, ha spiegato Spochas. “

Questo contenuto è protetto da copyright e non verrà riutilizzato. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@pv-magazine.com.