Marzo 21, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Recensione dell’Apple HomePod di seconda generazione

Le aree di downgrade più evidenti sono i minuscoli altoparlanti (o, tecnicamente, i “driver”) che generano il suono dell’HomePod. Nella versione originale c’erano sette tweeter per i suoni ad alta e media frequenza e un tweeter per i bassi.

L’HomePod di seconda generazione ha solo cinque altoparlanti e un tweeter.

Ha anche meno microfoni rispetto all’originale: sei nel vecchio contro quattro nel nuovo.

Anche l’HomePod di seconda generazione ha visto le sue capacità Wi-Fi ridotte rispetto all’HomePod originale: utilizza il Wi-Fi 4, poiché l’originale supportava lo standard Wi-Fi 5 più veloce.

Va detto che il Wi-Fi nominalmente più lento non è qualcosa di cui siamo veramente preoccupati.

Pochi compromessi

In tutti i nostri test, l’HomePod di seconda generazione è stato abbastanza reattivo: la musica ha iniziato a essere riprodotta molto bene sull’HomePod subito, molto più velocemente rispetto a un altoparlante Sonos, ad esempio, e lo standard Wi-Fi 4 è più che in grado di gestire I dati richiesti dal megafono.

E ad essere onesti, anche le altre cose che Apple ha fatto con l’HomePod per ridurre i costi di produzione non ci preoccupano molto.

Quattro microfoni sembrano essere sufficienti per gestire le richieste vocali “Hey Siri, riproduci ABBA Arrival” che probabilmente gli lancerai (e per “tu” intendo “me”), anche quando devi parlare con la musica che sta già suonando a volume moderato sull’HomePod.

In effetti, il nuovo modello fa ancora un lavoro migliore di un dispositivo Google o Sonos nell’ascoltare e comprendere i comandi vocali, soprattutto quando c’è già musica in riproduzione.

Allo stesso modo, la riduzione del numero di altoparlanti da sette a cinque probabilmente non ha avuto alcun impatto negativo nemmeno sull’HomePod di seconda generazione.

READ  Questo Bullet Hell Shooter funziona bene con la corona digitale dell'Apple Watch

Non abbiamo un HomePod originale qui nei laboratori per un confronto diretto – le nostre unità di prova risalgono ad Apple anni fa – quindi non posso dire se questo nuovo modello offre solo 5/7 dei medi e degli alti del vecchio modello.

Reclamo minore

Ma posso dirti che le lamentele che abbiamo sul suono dell’HomePod non riguardano i medi e gli alti. O meglio, non si tratta di un file perdita medi e alti, che sono abbondanti e molto puliti su questo nuovo diffusore.

La nostra lamentela, che non è grande, è che l’HomePod è un po’ corto Anche Luminoso, abbastanza pesante sulle frequenze medie e alte e privo della profondità e del calore generale di qualcosa come Sonos One.

L’altoparlante HomePod di seconda generazione offre un feedback dei bassi molto chiaro e accurato, il che rende il suono dei bassi di Sonos One un po’ confuso al confronto.

Il touchpad attaccato alla parte superiore dell’HomePod potrebbe fungere da trappola per la polvere.

Ma i bassi sull’altoparlante Apple mancano anche della grinta dei bassi su un altoparlante Sonos, e l’effetto complessivo è che l’HomePod suona un po’ troppo clinico e pulito per i nostri gusti.

Tutto ciò significa che sottraendo l’hardware dal nuovo HomePod anziché aggiungere più dispositivi come ci si potrebbe normalmente aspettare da un prodotto di seconda generazione, Apple non sembra aver peggiorato l’HomePod.

Ma non sembra aver risolto il problema/vantaggio che l’HomePod è più costoso dei suoi concorrenti. L’altoparlante Sonos One che riteniamo si confronti favorevolmente con l’HomePod di seconda generazione costa $ 319, $ 160 in meno rispetto a quello di Apple.

Nuove caratteristiche

Tuttavia, non è stato tutto un lancio. Apple ha aggiunto alcune nuove funzionalità anche all’ultimo HomePod e queste aiutano a recuperare un certo valore rispetto a Sonos.

Come il vecchio modello, il nuovo modello funge da hub centrale e unità di elaborazione per il sistema domotico di Apple, con l’ulteriore vantaggio che l’amplificatore ora ha sensori di temperatura e umidità integrati, consentendo di creare automazioni domestiche basate sul tempo.

(Come nota a margine, questi sensori sono integrati anche nell’ultimo HomePod mini, ma Apple li ha tenuti nascosti agli utenti fino a poco tempo fa, quando un aggiornamento del firmware li ha abilitati. Abbiamo sempre pensato che l’HomePod mini fosse un ottimo rapporto qualità-prezzo, ma ora è ancora meglio. .)

Un’altra utile aggiunta al nuovo HomePod è il supporto per una nuova piattaforma tecnologica domestica nota come Matter, che dovrebbe consentire di collegare tutti i tipi di fotocamere, sensori e dispositivi intelligenti all’HomePod, non solo dispositivi abilitati per Apple HomeKit come era precedentemente il caso.

Sono i primi giorni per il sistema Matter e non siamo stati in grado di testare ampiamente questa nuova funzionalità HomePod, ma siamo stati in grado di connettere un hub Aqara abilitato per Matter a un HomePod e quindi utilizzare nell’automazione Apple Home il movimento Aqara e sensori di porte/finestre che erano collegati a tale hub.

Poiché il supporto di Apple e Aqara per Matter è nuovo, ci aspettavamo che sarebbe stata un’esperienza far parlare tutti i dispositivi tra loro in questo modo, ma non lo è stata.

Collegare l’hub Matter a un HomePod è stato semplice quasi quanto connettere un dispositivo Apple HomeKit a un HomePod: abbiamo richiamato il codice QR di Matter nell’app Aqara, puntato la fotocamera dell’iPhone su di esso e tutti i sensori dell’hub Aqara sono stati trasferiti automaticamente a la casa della mela. È stato incredibile.

Tuttavia, sarà interessante vedere se le connessioni di Matter agli Apple HomePods saranno complete come le connessioni HomeKit originali. Potremmo scoprire che possiamo accendere e spegnere le luci intelligenti connesse a Matter in Apple Home, ma non cambiarne il colore, per esempio.

Nel frattempo, tutto ciò che possiamo dire è che il supporto di Apple per Matter è iniziato in modo molto promettente. E chi lo sa? Il solo supporto della materia vale probabilmente i $ 160 extra per l’HomePod.

Mi piace: facile da configurare. Funziona con Apple TV per aggiungere altoparlanti alla tua TV. Costituisce un’ottima piattaforma per la domotica.
L’odio: Sembra un po’ troppo per i nostri gusti.
Prezzo: $ 479