Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Racconto cautelativo: come il divieto italiano di ChatGPT danneggia le imprese e l'economia – Fonte

Racconto cautelativo: come il divieto italiano di ChatGPT danneggia le imprese e l'economia – Fonte

Dal suo lancio nel novembre 2022, diverse autorità hanno espresso preoccupazione sui rischi posti dalla tecnologia ChatGPT di OpenAI. A marzo, l’Agenzia italiana per la protezione dei dati ha compiuto il passo insolito di bloccare ChatGPT all’interno del paese per preoccupazioni sul consenso e sulla privacy dei dati personali.

Paradossalmente, questo divieto di un mese potrebbe aver fornito la prova più evidente finora dell’impatto trasformativo della tecnologia sulle imprese e sull’economia.

Approfittando di questa rara opportunità di esperimento naturale, i ricercatori della Olin Business School della Washington University di St. Louis e della National University di Singapore hanno esaminato i cambiamenti nella valutazione relativa del mercato azionario delle società italiane in diversi settori durante il divieto di valutazione di un mese. gli effetti del divieto. Conseguenze e valore complessivo dell'intelligenza artificiale generativa.

I loro risultati – pubblicati in un documento di lavoro, “Conseguenze sul mercato dei capitali dell’intelligenza artificiale generativa: prime prove dal divieto di ChatGPT in Italia“- ha dimostrato che l’effetto dell’embargo è stato duplice: l’embargo non ha solo influito negativamente sulla produttività dell’azienda, ma ha anche influenzato il comportamento degli investitori.

“Non era dai tempi dell’avvento di Internet che la tecnologia aveva cambiato così rapidamente il modo in cui le aziende operano e competono. Ciò che è notevole è che è facile ed economica da adottare, aiutando le piccole e vulnerabili imprese a competere con aziende molto più grandi senza fare ingenti investimenti in infrastrutture o risorse umane. capitale”. Jeremy Bertomeuprofessore associato di contabilità presso la Olin Business School.

Misurare l’impatto del divieto sulle imprese

In tutto il mondo, le aziende hanno sfruttato la tecnologia dell’intelligenza artificiale generativa per migliorare i processi che in precedenza richiedevano un significativo supporto di manodopera e infrastrutture. Non sorprende che i ricercatori abbiano scoperto che i primi ad adottarlo, compresi coloro che forniscono servizi professionali, scientifici e tecnologici, sono stati i più colpiti dal divieto temporaneo imposto dall'Italia.

READ  La crescita del PIL italiano ha accelerato nel primo trimestre Stabilizza

Secondo i dati, le società italiane in questi settori altamente esposti hanno registrato un rendimento medio negativo dell’8,7% rispetto a titoli europei simili durante il divieto durato un mese.

Hanno anche trovato prove che il divieto ha avuto un impatto maggiore sulle aziende italiane più nuove e più piccole. Rispetto alle aziende italiane più grandi e consolidate, queste aziende hanno sottoperformato rispettivamente dal 6,8% al 7,1%.

“La reazione negativa del mercato suggerisce che le aziende nuove, piccole ed esperte di tecnologia traggono i maggiori benefici dall’intelligenza artificiale generativa perché consente loro di ridurre i vantaggi informativi detenuti dagli operatori storici più grandi e ridurre il divario competitivo”.

In che modo il divieto ha influito sugli investitori e sui profitti delle società

Poiché l’obiettivo della ricerca era quello di comprendere le conseguenze del divieto sui mercati dei capitali, era importante anche valutare in che misura il divieto ha influenzato il comportamento degli investitori.

“ChatGPT sta trasformando il panorama degli investimenti fornendo agli investitori, in particolare ai piccoli investitori, una piattaforma conversazionale e interattiva per raccogliere idee e navigare nelle complessità del mercato finanziario”, ha affermato Bertomeu.

La ricerca ha dimostrato che la perdita di questo veicolo di investimento ha portato ad una maggiore asimmetria informativa durante il divieto. L’impatto è stato maggiore per le aziende con meno investitori istituzionali, copertura limitata da parte degli analisti e una minore presenza di investitori stranieri, che avrebbero comunque accesso alla tecnologia AI durante il divieto italiano.

Come risultato di questa asimmetria informativa, gli spread bid-ask – la differenza tra il prezzo più alto che un acquirente offrirebbe e il prezzo più basso che un venditore accetterebbe – si sono ampliati durante il divieto e le aziende hanno sofferto di una ridotta liquidità.

READ  Le borse europee hanno chiuso in rialzo grazie al boom dell'attività economica nella regione

“Nell’UE, è improbabile che altri paesi seguano l’esempio con divieti, ma i regolatori di Francia, Germania e Spagna, tra gli altri, si sono incontrati per discutere se l’intelligenza artificiale è conforme alle leggi sulla privacy dell’UE, e questo potrebbe portare a future restrizioni”. Bertomeu: “Tecnologia”.

Ammonimento

Nel breve periodo dal suo lancio, la tecnologia di intelligenza artificiale generativa come ChatGPT ha rivoluzionato le aziende di tutto il mondo, fornendo un potente strumento per l’innovazione e la creatività. Il suo impatto sulle aziende di tutto il mondo continuerà a crescere.

“La politica di regolamentazione dovrebbe sempre basarsi su attente analisi costi-benefici e sul contributo del pubblico. I nostri dati mostrano cosa può accadere quando i regolatori saltano questi passaggi fondamentali.

Jeremy Bertomeu

Tuttavia, allo stesso tempo, i governi di tutto il mondo sono alle prese con potenziali minacce alla sicurezza e preoccupazioni etiche associate a questa tecnologia. Bertomeu spera che le prime prove presentate in questo caso di studio forniscano un esempio cautelativo delle potenziali conseguenze della regolamentazione dell’IA.

“Nessuno ha chiesto all'agenzia di regolamentazione italiana di vietare ChatGPT, ma lo hanno fatto comunque senza alcuna consultazione con le parti interessate o i funzionari eletti”, ha detto Bertomeo. “La politica di regolamentazione dovrebbe sempre basarsi su attente analisi costi-benefici e sul contributo del pubblico. I nostri dati mostrano cosa può accadere quando i regolatori saltano questi passaggi fondamentali.

Tra i coautori di Bertomeo figurano Yibin Liu, Yueping Lin e Zhengwei Ni, tutti dell'Università Nazionale di Singapore.