Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Questo potrebbe essere il primo pianeta a orbitare intorno a 3 stelle contemporaneamente

“Star Wars si è sbagliato”, ha detto Rebecca Nealon dell’Università di Warwick in Inghilterra, coautrice dell’articolo.

Gli scienziati stavano cercando un pianeta in orbita attorno a tre stelle e hanno trovato possibili indizi in un altro sistema, Ji Ji Tao a, che si trova a circa 450 anni luce dalla Terra. Ma i ricercatori affermano che il divario nell’anello gas-polvere di GW Ori lo rende un esempio più convincente.

“Questa potrebbe essere la prima prova di un pianeta circolare che fa un buco in tempo reale”, ha detto Jeremy Smallwood dell’Università del Nevada, Las Vegas, autore principale del nuovo documento di ricerca.

William Welch, un astronomo della San Diego State University, ha affermato che i ricercatori “hanno fatto un buon caso. Se questo risulta essere un pianeta, sarà piuttosto interessante”.

Alison Young dell’Università di Leicester in Inghilterra, che ha sostenuto che le stelle JWUri hanno causato un buco nel disco del sistema, non un pianeta, osserva che le osservazioni del telescopio ALMA e del Very Large Telescope in Cile nei prossimi mesi potrebbero porre fine alla polemica.

“Saremo in grado di cercare prove dirette di un pianeta nel disco”, ha detto il dottor Young.

Se l’ipotesi del pianeta è confermata, il sistema rafforzerà l’idea che la formazione del pianeta è comune. È già noto che molti mondi, noti come pianeti circolari, orbitano contemporaneamente su due stelle. Ma era difficile ottenere pianeti circolari, nonostante le stime almeno dieci Tutte le stelle sono raggruppate in sistemi di tre o più. Tuttavia, la loro possibile presenza suggerisce che i pianeti abbiano origine in tutti i tipi di luoghi, anche qui in questo sistema molto esotico.

READ  L'aereo spaziale segreto X-37B della US Space Force: 10 fatti sorprendenti

“Tre stelle non sono sufficienti per uccidere la formazione dei pianeti”, ha detto il dottor Nelon.

Ciò indica che è probabile che gli esopianeti sorgano in luoghi sempre più insoliti. “Quello che abbiamo imparato è che ogni volta che i pianeti possono formarsi, lo fanno”, ha detto Sean Raymond, un astronomo dell’Università di Bordeaux in Francia, che non è stato coinvolto nella ricerca.