Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Pianeta grande quanto la Terra scoperto nel nostro “cortile solare”

Pianeta grande quanto la Terra scoperto nel nostro “cortile solare”

I ricercatori hanno identificato HD 63433d, un pianeta delle dimensioni della Terra che è più vicino e più giovane dei pianeti di dimensioni simili scoperti in precedenza. La sua vicinanza a una stella giovane, simile al Sole, fornisce un caso di studio unico sull’evoluzione planetaria. (Concetto dell'artista.) Credito: SciTechDaily.com

“È un pianeta utile perché potrebbe essere come la Terra primordiale.”

HD 63433d, un nuovo pianeta delle dimensioni della Terra scoperto dagli astronomi, offre uno sguardo raro sulle prime fasi dell'evoluzione del pianeta, data la sua orbita ravvicinata attorno a una giovane stella simile al Sole.

Un team di astronomi ha scoperto un pianeta più vicino e più giovane di qualsiasi altro mondo delle dimensioni della Terra finora identificato. È un mondo straordinariamente caldo e la sua vicinanza al nostro pianeta e a una stella come il nostro Sole offre un'opportunità unica per studiare come si evolvono i pianeti.

Il nuovo pianeta è stato descritto in un nuovo studio recentemente pubblicato sulla rivista Rivista astronomica. Melinda Soares-Furtado, A NASA Un Hubble Fellow della UW-Madison che inizierà a lavorare come professore di astronomia all'università in autunno, e il neolaureato della UW-Madison Benjamin Capistrant, ora studente laureato alla UW-Madison. Università della Floridaha co-condotto lo studio con coautori di tutto il mondo.

L'esopianeta HD 63433d

Il giovane, caldo pianeta HD 63433d, delle dimensioni della Terra, si trova vicino alla sua stella nella costellazione dell’Orsa Maggiore, mentre due pianeti vicini delle dimensioni di Nettuno – identificati nel 2020 – orbitano più lontano. Credito: Alyssa Jankowski

“È un pianeta interessante perché potrebbe essere come la Terra primordiale”, afferma Soares-Furtado.

Ecco cosa sanno gli scienziati del pianeta:

  • Il pianeta è noto come HD 63433d ed è il terzo pianeta in orbita attorno a una stella chiamata HD 63433.
  • HD 63433d è molto vicino alla sua stella, completando il suo viaggio ogni 4,2 giorni.
  • “Anche se la sua orbita è molto vicina, possiamo utilizzare i dati di follow-up per cercare prove del degassamento e della perdita atmosferica, che potrebbero porre importanti vincoli sul modo in cui si evolvono i mondi terrestri”, afferma Soares-Furtado. “Ma è lì che finiscono le somiglianze – e finiscono In modo significativo“.
  • In base alla sua orbita, gli astronomi sono relativamente certi che HD 63433d sia bloccato in base alle maree, il che significa che un lato di esso è permanentemente rivolto verso la sua stella.
  • Questo lato può raggiungere i 2300 gradi brutali F Può scorrere lava, mentre l'altro lato è eternamente buio.
READ  Il rapporto afferma che un razzo in un ciclo di crash con la Luna non appartiene a SpaceX

Cosa dovresti sapere sul pianeta stella:

  • HD 63433 ha più o meno la stessa dimensione e tipo di stella del nostro Sole, ma (ha circa 400 milioni di anni) non ha nemmeno un decimo dell'età del nostro Sole.
  • La stella dista circa 73 anni luce dal nostro sole, e fa parte del gruppo di stelle in movimento insieme che formano la costellazione dell'Orsa Maggiore, di cui fa parte l'Orsa Maggiore.
  • “In una notte buia a Madison, potevi vedere”, dice Soares-Furtado [HD 63433] Attraverso un buon binocolo.
Scheda informativa del sistema HD 63433

Il giovane, caldo pianeta HD 63433d, delle dimensioni della Terra, si trova vicino alla sua stella nella costellazione dell’Orsa Maggiore, mentre due pianeti vicini delle dimensioni di Nettuno – identificati nel 2020 – orbitano più lontano. Credito: Alyssa Jankowski

Come gli scienziati hanno trovato il pianeta:

  • Gli autori dello studio stanno collaborando a un progetto di caccia al pianeta chiamato THYME. Nel 2020, hanno utilizzato i dati del satellite Transiting Exoplanet Survey della NASA per identificare due pianeti minori.Nettuno– La dimensione dei pianeti in orbita attorno a HD 63433.
  • da allora, capro Ci sono volute altre quattro occhiate alla stella, per raccogliere dati sufficienti affinché i ricercatori potessero rilevare HD 63433d in transito tra la stella e il satellite.

Quello che viene dopo:

  • I ricercatori, tra cui Andrew C. Nine, coautori dello studio dell'UW-Madison, la studentessa universitaria Alyssa Jankowski e Juliet Becker, professoressa di astronomia all'UW-Madison, hanno affermato che c'è molto da imparare da HD 63433d.
  • Il pianeta è in una posizione unica per ulteriori studi. La sua vibrante giovane stella può essere vista sia dall'emisfero settentrionale che da quello meridionale, aumentando il numero di strumenti, come il Large Telescope in Sud Africa o l'Osservatorio WIYN in Arizona (entrambi i quali l'Università del Wisconsin-Madison ha contribuito a progettare e costruire). che possono essere addestrati sul sistema. .
  • La stella è molto più vicina di quanto studiato da Soares-Furtado, il che potrebbe offrire l'opportunità di sviluppare nuovi modi per studiare i gas che fuoriescono dall'interno del pianeta o misurare il suo campo magnetico.
READ  Un coccodrillo con un dinosauro nello stomaco trovato in Australia

“Questo è il nostro sistema solare da giardino, ed è piuttosto emozionante”, afferma Soares-Furtado. “Che tipo di informazioni può fornire una stella così vicina, con un sistema così affollato attorno a sé? In che modo questo ci aiuterà mentre andiamo alla ricerca di pianeti tra altre 100 stelle simili in questo giovane gruppo a cui appartiene?”

Riferimento: “TESS Caccia per la ricerca di esopianeti giovani e maturi (TIMO).” undicesimo. “Un pianeta delle dimensioni della Terra in orbita attorno a un vicino ospite di tipo solare nell'ammasso mobile dell'Orsa Maggiore di 400 milioni di anni” di Benjamin K. Capistrant, Melinda Soares-Furtado, Andrew Vanderberg, Alyssa Jankowski, Andrew W. Mann, Gabrielle Ross, Gregor Srduk, Natalie R. Hinkle, Juliette Becker, Christian Magliano, Mary Ann Limbach, Alexander P. Stefano, Andrew C. Nove, Benjamin M. Tofflemeyer, Adam L. Kraus, Stephen Giacalone, Joshua N. Wayne, Allison Perrella, Luke Gee. Poma, David R. Ciardi, Karen A. Collins, Giovanni Covon, Zoe L. De Bors, Chelsea X. Huang, John M. Jenkins, Laura Kreidberg, David W. Latham, Samuel N. Quinn, Sarah Seager, Avi Spurrer, Joseph. Dott.. Twicken, Bill Fuller, Roland K. Vandersbeek, Ricardo Yarza e Karl Ziegler, 10 gennaio 2024, Rivista astronomica.
doi: 10.3847/1538-3881/ad1039

Questa ricerca è stata supportata in parte da sovvenzioni della NASA (HST-HF2-51493.001-A, 21-ASTRO21-0068 e XRP 80NSSC21K0393) e della National Science Foundation (AST-2143763, PHY-2210452 e 1745302).