Luglio 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché le lune di Giove e Saturno potrebbero essere la chiave per trovare la vita aliena

Nella ricerca di vita extraterrestre, Marte è una notizia vecchia.

ha affermato Seth Shostak, capo astronomo del SETI Institute, un’organizzazione non profit vicino a San Francisco specializzata nella ricerca della vita oltre la Terra. “Quindi le nostre idee su dove potremmo trovare creature di qualche tipo cambiano costantemente”.

Encelado è una luna ghiacciata di Saturno che gli astronomi una volta trascuravano, trovando che fosse troppo fredda perché la vita si evolvesse, proprio come hanno fatto con una delle lune di Giove, Europa. Ora, grazie a diverse scoperte scientifiche, tra cui possibili “biofirme” chimiche, gli scienziati stanno iniziando a concentrarsi sulla possibilità che questi corpi celesti possano ospitare vita microbica.

Esistono infatti prove allettanti che le forme di vita di base potrebbero essersi evolute su altri pianeti e forse sulle lune del sistema solare. Ma come nella maggior parte delle aree della ricerca scientifica, a volte un passo avanti è seguito da due passi indietro. Per esempio, Cerca a settembre L’ipotesi che il gas fosfina nelle nubi di Venere potesse essere un segno di vita è stata poi contrastata da studi che mettono in dubbio le loro scoperte.

Nel loro insieme, gli studi suggeriscono che la ricerca di vita extraterrestre nel nostro sistema solare (gli scienziati cercano anche la vita su esopianeti intorno a stelle lontane, così come segnali radio che potrebbero provenire da civiltà lontane) si è espansa ben oltre l’ipotesi iniziale che potrebbe accadere. . Possono essere trovati prima su pianeti come Marte o Venere.

Illustrazione di Cassini che si tuffa attraverso il pennacchio di Encelado nel 2015.NASA/JPL-Caltech

Diversi articoli scientifici di quest’anno affrontano la ricerca di deboli segni di vita nel nostro sistema solare, con un articolo su Encelado del mese scorso che offre una delle possibilità più intriganti.

READ  Il calcolatore online della demenza prevede il rischio di declino cognitivo per le persone di età pari o superiore a 55 anni

la carta, Pubblicato in Astronomia della natura, sulla base di campioni di pennacchi d’acqua espulsi da Encelado prelevati dalla sonda spaziale Cassini dal 2005 al 2015. La sonda ha trovato alte concentrazioni di metano e livelli inaspettatamente elevati di idrogeno, il che si adatta all’idea che i microbi si siano evoluti per vivere intorno alle bocche idrotermali, ha affermato il coautore dello studio, Regis Ferrier, professore associato di ecologia e biologia evolutiva presso l’Università dell’Arizona a Tucson, ha trovato il fondo marino.

Si ritiene che l’oceano su Encelado sia costituito da acqua salata profonda da 12 a 15 miglia, sormontata da un massimo di 20 miglia di crosta ghiacciata. Gli scienziati ritengono che venga riscaldato dal movimento della roccia centrale della luna nell’intenso campo gravitazionale di Saturno e che le crepe nella crosta causate dalle stesse forze di marea stiano gettando acqua dall’oceano nello spazio, ha detto Ferrer in una e-mail.

La luna di Saturno Encelado, ripresa dalla sonda spaziale Cassini della NASA il 28 ottobre 2015.NASA/JPL-Caltech

Ha detto che il metano nell’oceano potrebbe essere spiegato da processi puramente chimici. Ma lo studio ha mostrato che era “altamente probabile” che i microbi ce l’avessero fatta, purché fosse accettato che la vita potesse evolversi attorno alle bocche idrotermali – una domanda molto controversa, ha detto.

Le prese d’aria idrotermali sul fondo dell’oceano terrestre – i cosiddetti fumatori neri – prosperano sui microbi che si nutrono di sostanze chimiche rilasciate dalle prese d’aria. Costituiscono la base di una catena alimentare che sostiene interi ecosistemi di acque profonde di tubicoli, molluschi e crostacei senza la luce solare richiesta dalle piante fotosintetiche. Tuttavia, non è noto se la vita si sia originariamente evoluta lì o se si sia prima evoluta sulla superficie illuminata dal sole.

READ  Il problema della formazione di vene estremamente opache nell'oro potrebbe essere finalmente risolto

Mentre gli scienziati cercano segni di vita nel sistema solare esterno, il dibattito sulle fosfine su Venere rimane acceso. Gli scienziati hanno proposto per la prima volta a settembre Che il gas fosfina che hanno scoperto potrebbe essere causato da microbi ricchi di nubi di acido solforico. Da allora, altri ricercatori lo hanno fatto Hanno suggerito che potrebbero non aver visto affatto la fosfina O che la fosfina è davvero il risultato dei vulcani o che non c’è abbastanza acqua nelle nuvole per sostenere comunque qualsiasi forma di vita conosciuta.

Guarda questo artista che mostra uno spaccato dell’interno della luna di Saturno Encelado, 26 ottobre 2015.NASA/JPL-Caltech

Jonathan Lunin, professore di astronomia alla Cornell University e coautore del libro Lo studio è stato pubblicato lunedì suggerendo che la fosfina potrebbe essere causata dai vulcani, ha detto che solo le future sonde spaziali potrebbero risolvere domande sulla vita su Venere – come Il mese scorso, la NASA ha annunciato due missioni.

Anche Lunine ha lavorato su Strumento IMPOSTA Sulla missione Europa Clipper della NASA, che analizzerà la luce infrarossa riflessa dalla luna di Giove quando vi raggiungerà verso la fine di questo decennio.

Si ritiene che Europa, come Encelado, abbia un oceano sotterraneo di acqua liquida sotto la sua superficie ghiacciata, sebbene si sappia relativamente poco al riguardo. Ma si pensa che sia più antico, più grande e forse più caldo dell’oceano su Encelado, e potrebbe rivelarsi uno dei luoghi più probabili per la vita extraterrestre nel Sistema Solare.

“Dobbiamo solo aspettare l’Europa Clipper”, ha detto Lunin.

READ  L'immagine della stazione spaziale sta cercando di spostare il satellite ad alta velocità