Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli scienziati spingono contro la teoria delle perdite di Covid Lab

Nell’ultima raffica di polemiche sulle origini del coronavirus, un gruppo di scienziati ha presentato questa settimana riconsiderando Dalle scoperte scientifiche che sostengono mostrano che la diffusione naturale dell’epidemia dall’animale all’uomo è una causa molto più probabile dell’epidemia rispetto a un incidente di laboratorio.

Tra le altre cose, gli scienziati indicano un recente rapporto che mostra che i mercati di Wuhan, in Cina, hanno Vendere animali vivi esposti al virus, tra cui civette e procioni, nei due anni precedenti l’inizio dell’epidemia. Notano la sorprendente somiglianza tra l’emergere di Covid-19 e altre malattie virali che sono sorte per ricaduta naturale e indicano una varietà di virus recentemente scoperti negli animali che sono strettamente correlati al virus che ha causato la nuova epidemia.

Ha luogo un botta e risposta tra scienziati durante il lavoro delle agenzie di intelligence Data di fine estate Fornire al presidente Biden una valutazione dell’origine della pandemia. Ora c’è un file sezione Tra i funzionari dell’intelligence su quale scenario di origine virale è più probabile.

carta nuova, pubblicato online Mercoledì, ma non ancora pubblicato su una rivista scientifica, è stato scritto da un team di 21 virologi. Quattro di loro hanno anche collaborato a carta 2020 In natura la medicina ha ampiamente escluso la possibilità che il virus possa diventare un agente patogeno umano attraverso la manipolazione di laboratorio.

Nel nuovo documento, gli scienziati forniscono ulteriori prove a favore della trasmissione del virus da un animale ospite al di fuori del laboratorio. Un punto importante a sostegno dell’origine naturale è la “strana somiglianza” tra l’epidemia di Covid e SARS, ha affermato Joel Werthem, virologo dell’Università della California, a San Diego, e coautore. Sono comparsi entrambi i virus In Cina nel tardo autunno, ha detto, con i primi casi noti comparsi vicino ai mercati di animali urbani Wuhan nel caso del Covid, Shenzhen nel caso della SARS.

READ  I ricercatori affermano di aver sequenziato l'intero genoma umano

Nell’epidemia di SARS, il nuovo documento rileva che gli scienziati hanno finalmente rintracciato l’origine dei virus che hanno infettato i pipistrelli lontano da Shenzhen.

Sulla base della distribuzione di virus simili al nuovo coronavirus in tutta l’Asia, il dottor Werthem e colleghi si aspettano che anche l’origine del SARS-CoV-2 sarà distante da Wuhan.

Da quando è emerso per la prima volta negli ultimi mesi del 2019, il colpevole virale di questa epidemia non è stato trovato naturalmente in nessun animale.

A maggio, un’altra squadra di 18 scienziati Ha pubblicato un messaggio dicendo che la possibilità di una fuga di laboratorio dovrebbe essere presa sul serio, perché c’erano poche prove a favore dell’origine naturale del coronavirus o di una fuga dal laboratorio. Wuhan, dove l’epidemia è stata documentata per la prima volta, ospita il Wuhan Institute of Virology, o WIV in breve, dove i ricercatori hanno studiato per anni i coronavirus dei pipistrelli.

Uno dei firmatari della lettera del maggio 2021, Michael Worby dell’Università dell’Arizona, è diventato coautore del nuovo documento di ricerca che rivendica ripercussioni naturali.

Ha detto che le sue opinioni si sono evolute man mano che sono emerse più informazioni. Tra le altre ragioni per trasformare il dottor Worubi c’è la crescente evidenza intorno al mercato degli animali Huanan a Wuhan. Quando l’epidemia è apparsa per la prima volta a Wuhan, i funzionari cinesi hanno testato centinaia di campioni di animali venduti sul mercato e non hanno trovato alcun coronavirus in nessuno di essi.

Ma il mese scorso, un team di ricercatori ha fornito un inventario di 47.381 animali di 38 specie che sono stati venduti nei mercati di Wuhan tra maggio 2017 e novembre 2019. Comprendeva specie come zibetti e procioni che potrebbero fungere da ospiti intermedi per i coronavirus.

READ  Quattro casi del ceppo di coronavirus "Delta Plus" sono stati trovati in Israele'

Il Dr. Worubi ha definito lo studio un “documento rivoluzionario”.

Ha anche indicato i tempi dei primi casi di Covid-19 a Wuhan. “Il mercato di Huanan è l’epicentro dell’epidemia, con i successivi casi che si diffondono nello spazio da lì”, ha detto il dott. Wurubi in una e-mail.

“Non ci sono casi precoci vicino a WIV, che è stato al centro della maggior parte delle speculazioni sulla possibilità di fuga dal laboratorio”, ha detto.

Tuttavia, altri studiosi affermano che tali argomenti sono speculativi e che la nuova revisione è principalmente una riaffermazione di ciò che era già noto.

“Essenzialmente, si riduce davvero a un argomento che poiché quasi tutte le precedenti pandemie sono state di origine naturale, anche questa deve essere una pandemia”, ha affermato David Rellman, un microbiologo della Stanford University che ha organizzato la Mayo Letter to Science.

Ha indicato che non si oppone all’ipotesi di origine naturale come spiegazione ragionevole per l’origine della pandemia. Ma il dottor Reelman ritiene che il nuovo documento fornisca “un campione selettivo di risultati per discutere un aspetto”.

Il Dr. Worobey e colleghi forniscono anche prove nel loro nuovo documento contro l’idea del cosiddetto Ricerca di acquisizione di lavoro che altera intenzionalmente la funzione del virus potrebbe aver avuto un ruolo nella pandemia. I ricercatori sostengono che il genoma del coronavirus non mostra segni convincenti della sua manipolazione. E la diversità degli scienziati del coronavirus trovati nei pipistrelli asiatici potrebbe essere la fonte evolutiva di Covid-19.

Ma Richard Ebright, un biologo molecolare della Rutgers University e un critico costante dei tentativi di minimizzare la possibilità di perdite in laboratorio, ha affermato che questa era un’argomentazione da uomo di paglia.

READ  Frustrazione per le donne incinte non vaccinate anche se molti residenti della Bay Area accolgono con favore le nuove linee guida sulle maschere mask

Il dottor Ebright ha affermato che è possibile che un operatore di laboratorio del WIV abbia contratto il coronavirus durante una spedizione sul campo per studiare i pipistrelli o durante l’elaborazione del virus in laboratorio. Ha sostenuto che il nuovo documento non è riuscito ad affrontare tali possibilità.

“La revisione non fa avanzare la discussione”, ha affermato il dott. Ebright.