Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché il presidente cinese Xi Jinping dovrebbe rimanere al potere per la sua sopravvivenza

In teoria, il 2022 dovrebbe essere l’anno del pensionamento del presidente cinese Xi Jinping.

Dopo aver compiuto 68 anni nel giugno dello scorso anno, Xi ha raggiunto la consueta età pensionabile per i massimi dirigenti del Partito Comunista Cinese.

Ma Xi ha segnalato il suo piano per rimanere al potere per un po’ di tempo e il mondo si aspetta che lo renda ufficiale all’Assemblea nazionale del popolo cinese a marzo.

Nel 2018 Xi ha abolito un mandato di due mandati e un massimo di 10 anni per la presidenza modificando la Costituzione cinese.

In vista del suo attesissimo prossimo mandato, il Politburo del Partito Comunista Cinese ha adottato una risoluzione storica sulla “prosperità comune” di Xi, una politica fondamentale per far uscire le persone dalla povertà.

Solo altre due decisioni fondamentali sono state prese nella storia della Cina: la prima dall’ex leader Mao Zedong nel 1945 per consolidare la leadership per la creazione della Cina moderna, e la seconda da Deng Xiaoping dopo la Rivoluzione Culturale, per gettare le basi per la riapertura economica del Paese . e riforma politica.

Questa mossa non solo ha collocato Xi tra le tre più grandi figure nella storia del partito, ma ha anche dimostrato la sua ambizione emulando il presidente Mao.

Gli analisti affermano che tutti i segnali sembrano indicare che la rielezione di Xi sia una conclusione scontata.

READ  Gli Stati Uniti sono stati criticati poiché il numero di casi nel mondo in via di sviluppo è salito alle stelle
Targhe commemorative con i ritratti di Xi Jinping, Deng Xiaoping, Zhou Enlai e Mao Zedong.
Con la decisione storica, Xi Jinping ha lasciato il segno nella storia cinese. (Reuters: Jason Lee)

Possibile crisi di successione

L’accademico americano Myron Rush, autore di The Khrushchev Succession Problem, ha scritto: “In ogni dittatura o tirannia personale, una cosa è certa: un giorno ci sarà una crisi di successione.

“Quel terribile giorno ha gettato una lunga ombra prima, influenzando con anticipazione il periodo della dittatura”.

Il termine limite è stato disegnato da Deng che ha riconosciuto i pericoli del governo di un solo uomo e di un culto della personalità e ha invece abbracciato la leadership collettiva.

Rimuovendo il confine e non nominando un successore, gli esperti cinesi Richard MacGregor e Judd Blanchett hanno affermato: “Xi ha consolidato il suo potere a spese della più importante riforma politica degli ultimi quattro decenni: il trasferimento ordinato e pacifico del potere”.

Ha spinto la Cina verso una crisi di successione potenzialmente destabilizzante. scrissero.

Nell’ultimo anno, i membri del PCC hanno anche espresso preoccupazione per il fatto che l’abolizione del limite massimo del mandato potrebbe minare il principio della leadership collettiva, che è stato progettato per evitare una situazione come la Rivoluzione Culturale sotto una figura simile a Mao.

I membri del Comitato permanente del Politburo, l’organo decisionale cinese, generalmente vanno in pensione se hanno 68 anni o più al Congresso del Partito, che si tiene una volta ogni cinque anni.

Ma Xi non è l’unico membro che ha varcato la soglia: anche il presidente del Congresso nazionale del popolo Li Zhanshu, 71 anni, ha superato quel traguardo, mentre il vicepremier cinese Han Zheng, 67 anni, dovrebbe raggiungere la soglia ad aprile.

Alcuni ex funzionari del partito hanno affermato che il limite di età per i massimi dirigenti è stato introdotto dall’ex presidente Jiang Zhiming alla fine degli anni ’90 per eliminare gradualmente i suoi rivali più anziani.

Mentre Xi ha rimosso i limiti del mandato presidenziale, ha promesso di “opporsi personalmente” all’ergastolo.

unire la forza

Uno dei principali fattori che hanno spinto Xi a tenere le redini è la sua vasta campagna anti-corruzione.

Inizialmente mirata a riformare i problemi di corruzione di vecchia data all’interno del partito, la campagna inizialmente ha aiutato Xi a ottenere il sostegno popolare del popolo cinese.

Ma in seguito è stato visto come un piano per spazzare via l’opposizione all’interno del partito.

Mentre la campagna anticorruzione di Xi continua e più di 100.000 funzionari del partito sono già stati incriminati, è opinione diffusa che Xi dovrebbe rimanere al potere in caso di vendetta dei suoi rivali sconfitti se si dimette.

Mentre la Cina sta plasmando la sua immagine di grande potenza mondiale, i suoi leader più potenti tradiscono una sorta di paura del proprio popolo.

Continuano a limitare le informazioni attraverso la censura e investono molto in risorse di sicurezza per reprimere qualsiasi dissenso in patria.

Primo piano di un folto gruppo di artisti in uniforme blu e bianca che sventolano le bandiere del Partito Comunista Cinese alle celebrazioni del centenario.
Sotto la guida di Xi, c’era poco spazio per il dissenso in Cina.(Reuters: Carlos Garcia Rollins)

“Questo sta accadendo in Cina perché il partito prima vede le persone come nemiche”, dice Zhang Tan, un ex direttore dell’Office of Religious Management sotto il Dipartimento di Azione del Fronte Unito.

Zhang, che ora vive in Australia, ha riferito al Comitato Centrale del partito negli anni ’80 e ’90.

Ha terminato volontariamente la sua carriera politica dopo essere diventato cristiano nei primi anni 2000 – il credo religioso va contro i principi del Partito Comunista Cinese.

Zhang crede che la Cina sia ancora un “impero”, dove la legge viene applicata per rafforzare e proteggere il potere dell'”imperatore” – in questo caso, Xi.

La missione politica di Xi è cercare un terzo mandato negli affari interni e nazionali piuttosto che nella politica estera o nelle relazioni diplomatiche della Cina.

Sotto forma di diplomazia di guerrieri lupo, Xi sembra disinteressato all’alienazione di potenziali alleati e partner commerciali.

I suoi più grandi obiettivi politici sono “riunificare” la Cina e l’isola autonoma di Taiwan, risolvere l’instabilità interna a Hong Kong e nello Xinjiang e combattere il COVID-19.

Taiwan marzo
La sovranità territoriale è una questione delicata tra Cina e Taiwan.(AFP: Wali Santana)

Sfide future

La Cina non ha un sistema dualista o alcuna opposizione significativa che serva da controllo ed equilibrio di potere, ma il Partito Comunista Cinese ha fazioni.

Tuttavia, mentre Xi consolida il potere, alcuni temono che lo stile cinese di responsabilità, sotto forma di rivalità tra diversi campi, scompaia, soprattutto se usa la stessa strategia di mettere a tacere i critici che ha usato nella sua campagna contro la corruzione.

Allo stesso tempo, il presidente sta affrontando uno dei momenti più difficili nella storia del Partito Comunista Cinese.

La guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti e l’impatto dell’epidemia sull’economia del Paese potrebbero scuotere la fiducia della gente nella leadership del partito.

Le tensioni del Paese con i suoi vicini nella regione Asia-Pacifico, inclusi Giappone, Corea del Sud, India, Filippine e Australia, continuano a ribollire.

Con la crescita economica della Cina al minimo durante la pandemia, l’elevazione della “prosperità comune” di Xi in una campagna politica probabilmente aiuterà a garantire il suo futuro politico.

Una donna con un cappotto e un cappello rossi si fa un tampone alla gola.
La politica di tolleranza zero della Cina per il COVID ha importanti implicazioni per l’economia del Paese. (AFP: Tao Ming, Xinhua)

Implica la soppressione dei gruppi più ricchi del paese, inclusi i giganti della tecnologia, l’industria dell’istruzione doposcuola e ora il mercato immobiliare.

C’è un culto della personalità in Shi e non c’è spazio per le critiche.

Ogni pubblicazione e newsletter dovrebbe usare la guida di Xi nei propri titoli quotidiani e ogni città presenta la sua immagine e slogan di propaganda che legittimano il suo potere e il suo messaggio.

A febbraio, Xi utilizzerà le Olimpiadi invernali per alimentare una campagna nazionalista e sostenere il sostegno per assicurarsi altri cinque anni al potere, facendo eco a una tattica delle Olimpiadi estive di Pechino del 2008.

Con l’Assemblea nazionale del popolo a marzo, il pubblico potrebbe notare una maggiore rivalità all’interno del partito, ma ovviamente non è noto se qualcuno sfiderebbe Xi o quali sarebbero le conseguenze se fallisse.

Il terzo mandato presidenziale di Shi non è nella pietra.

Ma farà tutto ciò che è in suo potere per mantenere la presa sul potere – se non lo fa, sarà soggetto a vendetta e affronterà un destino incerto.