Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’attacco informatico colpisce l’Ucraina mentre l’intelligence statunitense avverte che la Russia si sta preparando per l’invasione

I funzionari dell’intelligence statunitense hanno stabilito che gli sforzi russi sono in corso per creare un pretesto affinché le sue forze possano invadere ulteriormente l’Ucraina.

L’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto che l’intelligence mostra che la Russia sta aprendo la strada all’invasione pianificando un falso incidente e attraverso una campagna di disinformazione sui social media che ritrae l’Ucraina come un aggressore.

“Siamo preoccupati che il governo russo si stia preparando a invadere l’Ucraina, il che potrebbe portare a diffuse violazioni dei diritti umani e crimini di guerra se la diplomazia non riuscirà a raggiungere i suoi obiettivi”, ha affermato la signora Psaki.

Un funzionario statunitense, che non è stato autorizzato a commentare e ha parlato in condizione di anonimato, ha affermato che gran parte dell’intelligence è stata ottenuta da comunicazioni intercettate e osservazioni dei movimenti delle persone.

I risultati, che sono stati declassificati e condivisi con gli alleati statunitensi prima di essere resi pubblici, stimano che un’invasione militare potrebbe iniziare tra metà gennaio e metà febbraio.

Attacco informatico contro il governo ucraino

Un attacco informatico ha colpito l’Ucraina venerdì, spingendo i siti web del governo a pubblicare un avvertimento per “temere e aspettarsi il peggio”.

L’attacco è avvenuto poche ore dopo la conclusione dei colloqui di sicurezza, senza uno sfondamento tra Mosca e gli alleati occidentali.

Lo schermo del laptop visualizza un messaggio di avviso in ucraino, russo e polacco
Un attacco informatico ha colpito i siti web del governo ucraino.(Reuters: Valentin Ogirenko)

Il servizio di sicurezza ucraino ha affermato che i risultati preliminari dell’indagine indicavano il coinvolgimento di “gruppi di hacker legati ai servizi di intelligence russi”.

Ha detto che la maggior parte dei siti ha ripreso il proprio lavoro, il contenuto non è stato modificato e i dati personali non sono trapelati.

Avvisi sull’operazione di false flag

I media ucraini hanno riferito venerdì che le autorità ritenevano che i servizi speciali russi stessero pianificando un possibile incidente sotto falsa bandiera per provocare un ulteriore conflitto.

L’intelligence statunitense ha sostenuto questa teoria.

La signora Psaki ha accusato la Russia di aver inviato agenti addestrati alla guerra urbana che potrebbero usare esplosivi per compiere atti di sabotaggio contro le forze per procura russe – e incolpare l’Ucraina – se il presidente russo Vladimir Putin avesse deciso di voler portare avanti l’invasione.

I media russi hanno riferito che il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha negato le notizie, descrivendole come basate su informazioni “infondate”.

Una donna fa un titolo da un supporto con scritto su di esso "La Casa Bianca - Washington"
E l’addetto stampa della Casa Bianca, Jen Psaki, ha affermato che la Russia potrebbe pianificare una falsa operazione. (AP: Andrew Harnick)

Campagna di disinformazione russa

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha dichiarato giovedì che le agenzie di intelligence statunitensi non hanno valutato che i russi, che hanno ammassato circa 100.000 soldati al confine ucraino, abbiano definitivamente deciso di intraprendere un corso militare.

Ma Sullivan ha detto che i russi stavano pianificando “attività sovversive e operazioni mediatiche” accusando l’Ucraina di preparare un imminente attacco contro le forze russe nell’Ucraina orientale.

Questo è simile a ciò che ha fatto il Cremlino in vista dell’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014, una penisola sul Mar Nero che è sotto la giurisdizione ucraina dal 1954, ha affermato.

La comunità dell’intelligence statunitense ha preso atto della mobilitazione degli influencer russi dei social media per giustificare l’intervento sottolineando il deterioramento dei diritti umani in Ucraina, indicando il crescente indurimento dei leader ucraini e incolpando l’Occidente per l’escalation delle tensioni.

“Stanno preparando di nuovo quella prova”.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 3 minuti 1 secondo

Un diplomatico ucraino respinge le affermazioni della Russia secondo cui non intende invadere il Paese.

La Russia chiede alla NATO di non abbracciare l’Ucraina

I russi, pur sottolineando che non hanno in programma di invadere l’Ucraina, chiedono che gli Stati Uniti e la NATO forniscano garanzie scritte che l’alleanza non si espanda verso est.

Gli Stati Uniti hanno descritto queste richieste come non attori, ma si sono detti pronti a negoziare con Mosca su possibili futuri dispiegamenti di missili offensivi in ​​Ucraina e a porre restrizioni alle esercitazioni militari statunitensi e NATO nell’Europa orientale.

Venerdì il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha avvertito che Mosca non avrebbe aspettato indefinitamente una risposta occidentale, dicendo che si aspettava che gli Stati Uniti e la NATO fornissero una risposta scritta la prossima settimana.

Lavrov ha descritto le richieste di Mosca di garanzie vincolanti che la NATO non abbracci l’Ucraina o altri ex stati sovietici, né dispieghi lì le sue forze e armi, come necessarie per portare avanti gli sforzi diplomatici per disinnescare l’escalation delle tensioni sull’Ucraina.

Abbiamo esaurito la pazienza”, ha detto Lavrov in una conferenza stampa.

L’Occidente è stato spinto dall’arroganza e ha esacerbato le tensioni in violazione dei suoi obblighi e del buon senso.

Reuters/Stampa Associata

READ  La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti vota per fare di Washington uno stato, ma una battaglia al Senato incombe