Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché il “Made in Italy” è importante nel settore della bellezza?

Perché il “Made in Italy” è importante nel settore della bellezza?

L'Italia è famosa nel mondo per molte cose: cibo delizioso, bellissime città e spiagge, ricca storia e l'elenco potrebbe continuare. Il termine “Made in Italy” è diventato da decenni sinonimo di qualità nella mente dei consumatori di tutto il mondo. Ciò è in parte dovuto alla reputazione che si è guadagnata affermandosi come destinazione per la produzione di alta qualità in tutti i settori, tra cui la moda, l’automotive e, più recentemente, la bellezza.

Negli ultimi anni, diversi marchi di bellezza statunitensi hanno spostato almeno parte della produzione di molti dei loro prodotti di bellezza verso laboratori e fabbriche di cosmetici italiani, tra cui Rhode, Rare Beauty, Tower 28 e altri. Ma perché questo cambiamento improvviso? Cosa spinge queste aziende a spostare la propria sede produttiva nello specifico in Italia? secondo Cosmatica ItaliaAssociazione Nazionale Produttori Cosmetici, “Il 67% dei cosmetici consumati in Europa sono prodotti da aziende italiane, mentre a livello globale si arriva al 55%”. Essendo la terza economia più grande d'Europa e l'ottava più grande del mondo, le esportazioni dell'Italia contribuiscono in modo determinante al suo successo.

L’industria della bellezza è fiorente in Italia, come dimostra la frequentatissima conferenza di bellezza Cosmoprof a Bologna, che ha recentemente concluso la sua 55a edizione e ha ospitato più di 248.500 partecipanti provenienti da 150 paesi. UN Rapporto recente Cosmetica Italia ha confermato a seguito dell'evento che i livelli di crescita pre-Covid sono stati superati, confermando che il settore in Italia è cresciuto del 13,8% nell'anno fiscale 2023, con le sole esportazioni in aumento del 20,2%. Al 2023, gli Stati Uniti sono il più grande consumatore mondiale delle esportazioni italiane con un aumento dei consumi del 31,8% al 2022. Anche il volume dei soli cosmetici è aumentato del 16% in termini di quantità esportate e consumate sui mercati internazionali.

READ  Mercato italiano delle auto elettriche in calo nel 2022: è un trend di lungo periodo?

Nel rapporto si legge inoltre che “l’industria cosmetica italiana ha riaffermato la propria reputazione nel mondo evidenziando e sottolineando i punti di forza del settore: gli investimenti in innovazione, la qualità dei prodotti, la qualificazione e la formazione delle risorse umane – tutti elementi che consentirgli di raggiungere questo obiettivo”. Per mantenere la propria posizione e mantenere la propria competitività sul mercato. Silvia Cattaneo, social media manager e rappresentante di Cosmetica Italia, stima che la crescita continuerà ad aumentare, sostenendo che “questo trend crescerà rapidamente perché il volume delle vendite italiane generate dai contratti con i produttori vale 1,9 miliardi di euro. un altro 7,5%”. Nel 2024.

Lucrezia Del Papa, cofondatrice e responsabile dello sviluppo aziendale di Olivella, sottolinea la grande importanza di avere la produzione del marchio al 100% in Italia. Come lei stessa afferma, “Il Made in Italy rappresenta un impegno per l'eccellenza, una connessione con un ricco patrimonio di artigianato e l'accesso a un'ampia gamma di risorse naturali. Consente ai marchi di trarre vantaggio dalla reputazione dell'Italia per qualità e precisione, raccogliendone al tempo stesso i benefici”. delle favorevoli condizioni geografiche e ambientali del Paese”.

Chiara Casella, CEO e fondatrice del marchio italiano di cosmetici espressOh, conferma questo sentimento e aggiunge che “è molto importante anche in termini di sostenibilità, in questo modo riusciamo a mantenere la nostra impronta di carbonio minima poiché i prodotti non hanno bisogno di viaggiare il mondo.” Per spostarsi dal luogo di produzione ai nostri magazzini. Ciò fornisce un vantaggio unico ai marchi italiani in particolare rispetto ai marchi americani che hanno prodotti fabbricati in Italia.