Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Penny Wong avverte che il conflitto nell’Oceano Indiano sarebbe devastante per l’economia globale

Penny Wong avverte che il conflitto nell’Oceano Indiano sarebbe devastante per l’economia globale

“Lo scenario più pericoloso che dobbiamo affrontare è il rischio che la competizione strategica si trasformi in conflitto”.

Mentre l’Oceano Pacifico è visto come la fonte più probabile di focolai critici, che si tratti della concorrenza diretta tra Stati Uniti e Cina, dello Stretto di Taiwan, delle controversie territoriali nel Mar Cinese Meridionale e nel Mar Cinese Orientale o nella Penisola coreana, la senatrice Wong ha cercato attraverso il suo discorso per evidenziare l'importanza dell'Oceano Pacifico Indiano lungo le coste occidentali dell'Australia.

Ha indicato lo Stretto di Malacca, con il suo “collegamento vitale con il Mare delle Andamane e il Golfo del Bengala”, come potenziale punto critico.

“La realtà è che le stesse minacce senza precedenti che affrontiamo nella parte pacifica della regione, le affrontiamo anche dalla parte dell’Oceano Indiano”, ha aggiunto.

“L'Oceano Indiano ospita già più di un terzo del traffico mondiale di rinfuse e due terzi delle spedizioni globali di petrolio.

“Qualsiasi rallentamento o interruzione, dovuto alla pirateria, ai conflitti o ai disagi, avrà conseguenze costose in tutto il mondo, come è stato molto evidente recentemente nel Mar Rosso.

I paesi della regione indo-pacifica si trovano ad affrontare il rapido rafforzamento militare della Cina, in assenza della trasparenza e della rassicurazione che la regione cerca dalle grandi potenze.

“Ma con l’aumento del livello del traffico commerciale e militare attraverso l’Oceano Indiano, aumenta anche la necessità di trasparenza e rassicurazione – per proteggersi dai rischi di errori di calcolo e contrattempi che vediamo in altre vie navigabili internazionali vitali”.

Il senatore Wong ha affermato che c’è “un’urgente necessità di affrontare la disinformazione”
“interferenze, pratiche di prestito opache e misure commerciali coercitive” attraverso l’Oceano Indiano così come “gestione di tali rischi… che anche le navi da ricerca hanno il potenziale per essere strumenti per raggiungere obiettivi strategici”.

READ  CTV Calgary detiene una foto di un assassino con la sua famiglia assassinata

Il Ministro degli Esteri ha annunciato l'istituzione di un programma di leadership marittima a cui parteciperanno alti ufficiali della marina e della guardia costiera provenienti da Australia, Francia, India, Italia, Giappone, Maldive, Mauritius, Myanmar, Sri Lanka, Seychelles, Singapore, Regno Unito e Regno Unito. paesi per migliorare le operazioni in mare.

L’Australia ospiterà inoltre seminari annuali sul diritto del mare per partecipanti provenienti da Bangladesh, Francia, Indonesia, India, Malesia, Maldive, Mauritius, Seychelles, Sri Lanka, Tailandia, Timor Est e Stati Uniti per rafforzare il diritto marittimo internazionale.