Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

‘Morte di noia’: la lotta per lanciare un gorilla in un centro commerciale in Thailandia | Tailandia

hVecchia con un pugno pieno di fagiolini, Bua Noi scruta attraverso le sbarre di ferro e il vetro della sua casa mentre i visitatori sono impegnati a scattare foto del controverso “gorilla del centro commerciale” di Bangkok. Con loro sgomento, l’animale noto come King Kong si allontana rapidamente dalla finestra di osservazione, aggirando il telaio sospeso sul retro del recinto disseminato di rifiuti.

“Se ne sta lì seduta a morire di noia”, dice Edwin Wake, fondatore della Wildlife Friends Foundation. Tailandia.

I gorilla, originari dell’Africa, sono animali sociali che di solito vivono in gruppi familiari. Pua Noi, che si traduce in Little Lotus, ha vissuto da sola per più di 30 anni della sua vita al settimo piano di un desolato complesso commerciale nel centro dello zoo di Bata, in Thailandia, a conduzione familiare.

I primati sono al centro di una lunga disputa tra lo zoo privato sul tetto di Bangkok e gli attivisti per i diritti degli animali in tutto il mondo. nel 2020, Cher si è unita a coloro che chiedono il rilascio dei gorillacon il cantante che scriveva al ministro dell’ambiente thailandese, il faraone Silpa Archa, a Esprimere “profonda preoccupazione” Sulle condizioni di vita di Boa Nui. Gillian Anderson si è unita alla protesta, chiedendo la chiusura dello zoo.

Celebrità da Cher a Gillian Anderson hanno espresso preoccupazione per le condizioni di vita di Boa Nui. Foto: Rongrog Youngrite/EPA

Gli attivisti affermano che gli animali hanno pochi stimoli e sono confinati in recinti innaturali allo zoo, che si trova ai piani superiori di un grande magazzino. Il compagno di Bua Noi è morto più di un decennio fa, secondo il Bangkok Post.

Le speranze sono aumentate la scorsa settimana quando il Ministero delle risorse naturali e dell’ambiente thailandese ha dichiarato che stava pianificando l’acquisto e la riabilitazione di Pua Noi. Sono crollati rapidamente quando i proprietari hanno rilasciato una dichiarazione in cui si diceva che non c’erano stati colloqui e nessun prezzo era stato concordato, nonostante avessero notato che 30 milioni di baht (£ 700.000) erano stati scambiati online.

Fenicotteri in un centro commerciale a Bangkok, in Thailandia.  25 ottobre 2022
I fenicotteri vagano per lo zoo di Bata, all’interno di un centro commerciale a Bangkok, in Thailandia. Foto: Rebecca Root/The Guardian

“Ogni animale nello zoo di Bata è condannato all’ergastolo, qualcosa che deve ancora essere consegnato anche al più duro dei criminali thailandesi”, afferma Jason Becker, vicepresidente senior di Peta Asia. “Possono avere una vita significativa se vengono trasferiti in una struttura che fornisce la stimolazione mentale e il comfort fisico dell’ambiente naturale di cui hanno bisogno”.

Ma in dichiarazioneI proprietari di Boa Noi hanno affermato che i “vecchi gorilla” potrebbero non adattarsi a un nuovo ambiente con nuovi agenti patogeni.

I gorilla possono vivere fino a circa 40 anni in natura e anche più a lungo in cattività.

Amos Korag della Fondazione Aspinal ha respinto queste preoccupazioni e credeva che a Boa Noi potesse essere concesso un patrocinio significativo in un porto sicuro. La fondazione si è precedentemente offerta di coprire i costi di questa transizione, così come Free the Wild, un ente di beneficenza co-fondato da Cher.

Vicino alla casa, Wake dice che il suo centro di soccorso, a circa due ore da Bangkok, può portare anche lei. “Ovunque vada, fintanto che esce da quell’acquario di vetro… sarebbe fantastico”, dice.

Kong Chan, 50 anni residente a Bangkok e guida della città, ha visitato lo zoo di Bata a maggio per rivivere la visita che ha fatto durante la sua infanzia. Dice che probabilmente non tornerà dopo quello che ha visto. “Non ero felice. Siamo rimasti solo 15 minuti… non voglio vedere [Bua Noi] In una stanza così. “

Altrove intorno allo zoo, gli oranghi osservano i lavori di manutenzione, il cui vialetto di cemento è stato parzialmente transennato, mentre segni di ruggine e muri caduti costituiscono l’estetica di questo vecchio zoo. I fenicotteri vagano liberi e le scimmie cercano cibo che i visitatori possono acquistare all’arrivo.

Un animale allo zoo di Bata a Bangkok, in Thailandia.  25 ottobre 2022
I visitatori dello zoo di Bata possono acquistare cibo per nutrire gli animali. Foto: Rebecca Root/The Guardian

Wiek dice: “La conclusione è che il posto dovrebbe essere chiuso… Sembra che la raccolta fondi per far uscire un gorilla da quello zoo da parte del governo sia etica, ma non lo è. Dobbiamo cercare una soluzione per tutti gli animali in lo zoo,”

Lo zoo di Bata ha rifiutato di commentare oltre alla sua dichiarazione in risposta al Ministero delle risorse naturali e dell’ambiente. Il proprietario dello zoo, Kanet Sermermonkul, aveva precedentemente respinto le affermazioni secondo cui gli animali venivano maltrattati.

READ  Perché l'affermazione di Anthony Albanese secondo cui l'Australia è il più grande contributore non NATO dell'Ucraina è ancora errata