Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Panel dell’OMS per valutare la prossima settimana se il vaiolo delle scimmie costituisce un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale

“Penso che ora sia chiaro che c’è una situazione insolita, il che significa che il virus si sta comportando in modo insolito come in passato”, ha detto Tedros. “Ma non solo, sta interessando anche un numero sempre maggiore di paesi e riteniamo che necessiti anche di una risposta coordinata a causa della diffusione geografica”.

Chi è il Identifica Un’emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale, o PHEIC, come “un evento eccezionale che è stato identificato come un rischio per la salute pubblica di altre nazioni a causa della diffusione internazionale della malattia e potrebbe richiedere una risposta internazionale coordinata”.

L’organizzazione afferma che la definizione significa che una situazione è “pericolosa, improvvisa, insolita o inaspettata; ha implicazioni per la salute pubblica oltre i confini nazionali dello stato colpito; può richiedere un’azione internazionale immediata”.

Questa definizione deriva dal Regolamento Sanitario Internazionale, creato nel 2005 e che rappresenta un accordo legale che coinvolge 196 paesi con l’obiettivo di aiutare la comunità internazionale a prevenire e rispondere ai rischi per la salute pubblica che potrebbero diffondersi in tutto il mondo.

Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie Descrivere I regolamenti come “un accordo legalmente vincolante per 196 paesi per sviluppare la capacità di rilevare e segnalare potenziali emergenze di salute pubblica in tutto il mondo. I regolamenti sanitari internazionali richiedono che tutti i paesi abbiano la capacità di rilevare, valutare, segnalare e rispondere a eventi di salute pubblica. ”

Sono in corso due emergenze sanitarie primarie: la poliomielite, iniziata nel 2014, e il COVID-19, a partire dal 2020.

Altri quattro sono stati annunciati dall’entrata in vigore dei regolamenti: influenza H1N1 dal 2009 al 2010, Ebola dal 2014 al 2016 e dal 2019 al 2020 e virus Zika nel 2016.

READ  L'elicottero Marte creativo della NASA supera un allarmante test di rotazione

L’Organizzazione Mondiale della Sanità considera un cambio di nome al virus

“L’OMS sta anche lavorando con partner ed esperti in tutto il mondo per cambiare il nome, i cluster e la malattia del virus del vaiolo delle scimmie”, ha affermato Tedros. “Annunceremo i nuovi nomi il prima possibile”, ha aggiunto.

Tedros ha affermato che quest’anno sono stati confermati più di 1.600 casi di vaiolo delle scimmie e circa 1.500 casi sospetti segnalati all’Organizzazione mondiale della sanità da 39 paesi, sette dei quali sono luoghi in cui il vaiolo delle scimmie è stato rilevato per anni. Gli altri 32 paesi sono stati recentemente colpiti.

Quest’anno sono stati segnalati 72 decessi da paesi precedentemente colpiti e, sebbene non siano stati segnalati casi da paesi di recente colpiti, l’Organizzazione mondiale della sanità sta cercando di verificare i rapporti dal Brasile di decessi correlati al vaiolo delle scimmie.

secondo Centro per il controllo delle malattieAl 13 giugno c’erano 65 casi confermati o probabili di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti.
Il momento ah-ha in cui i medici si sono resi conto che il primo paziente americano nell'epidemia globale aveva il vaiolo delle scimmie: & # 39;  Inizialmente non era sul nostro schermo radar.

Gli obiettivi dell’Organizzazione mondiale della sanità sono supportare i paesi nel contenimento della trasmissione e nell’arresto dell’epidemia con strumenti di salute pubblica, ha affermato Tedros, aggiungendo che è necessario aumentare la consapevolezza dei rischi e delle misure per ridurre la trasmissione nei gruppi più a rischio.

Sebbene l’Organizzazione Mondiale della Sanità non raccomandi la vaccinazione universale contro il vaiolo delle scimmie, ha pubblicato guida temporanea Martedì sull’uso dei vaccini contro il vaiolo delle scimmie, ha detto.

“Sebbene i vaccini contro il vaiolo dovrebbero fornire una certa protezione contro il vaiolo delle scimmie, ci sono dati clinici limitati e forniture limitate”, ha affermato Tedros. “Qualsiasi decisione sull’uso congiunto dei vaccini da parte di individui a rischio e operatori sanitari dovrebbe essere presa sulla base di una valutazione dei rischi e dei benefici caso per caso”.

READ  Il CDC afferma che i bambini rappresentano ora una percentuale maggiore di casi di Covid-19

Ha anche osservato che è essenziale che i vaccini siano equamente disponibili ovunque siano necessari e ha affermato che l’OMS sta lavorando con gli Stati membri e i partner per sviluppare un meccanismo per un accesso equo ai vaccini e alle cure.