Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mettere alla prova la politica di autonomia strategica dell’India: The Tribune India


Sandeep Dikshit

Vicedirettore capo

Quando il ministro della Difesa Rajnath Singh e il ministro degli Affari esteri S Jaishankar arriveranno oggi a Washington, DC, il principale argomento di discussione sarà la riluttanza dell’India a piegarsi alle sanzioni economiche occidentali. La continua mancanza di fiducia sul finale americano in Russia tende a influenzare le reazioni dello stato indiano, ha dichiarato eloquentemente Jaishankar alla visita del ministro degli Esteri britannico Liz Truss.

Il messaggio di Jaishankar a Truss era severo. I paesi autosufficienti in termini di petrolio o quelli importati dalla Russia non possono difendere in modo affidabile il commercio limitato. Il 75% delle esportazioni totali di gas naturale della Russia sono destinate ai membri europei dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), come Germania, Italia e Francia. Anche i paesi europei (Paesi Bassi, Italia, Polonia, Finlandia, Lituania e Romania) sono i principali importatori di greggio russo. Le sanzioni includono anche brevi periodi di tempo per evitare di influenzare le loro importazioni di energia dalla Russia. Ad alcune banche vicine al Cremlino è stato risparmiato il divieto di SWIFT perché rimane il canale principale per i pagamenti dell’UE per le importazioni di energia russe.

In South Block, l’atmosfera è una sensazione di deja vu. Dopotutto, l’infrastruttura di investimento dell’India in un enorme giacimento petrolifero in Venezuela è stata trasformata in spazzatura dopo che gli Stati Uniti hanno deciso di strangolare economicamente Caracas. Ma con il mondo a bocca aperta, una delegazione statunitense di alto rango è sbarcata a Caracas il 16 marzo in cerca di alternative al petrolio russo. Tre anni dopo che Washington aveva interrotto i rapporti diplomatici ed espulso sommariamente il personale diplomatico venezuelano. Dopo un trattamento così duro, non sorprende che il Venezuela si rifiuti di cambiare posizione.

READ  Le unità nel "quartiere italiano" di Mick Wallace sono state vendute a prezzo ridotto

WikiLeaks ha documentato come la dura pressione degli Stati Uniti abbia deviato i canali consolidati e sterili dell’importazione di petrolio greggio dell’India con l’Iran. New Delhi ha dovuto creare un hub molto costoso per i fornitori di petrolio rotanti. Nel tempo, la perdita di petrolio iraniano iniziò a essere compensata dall’acquisto di greggio statunitense del Texas. Quella che è stata una perdita netta per l’India si è trasformata in una doppia vittoria per gli Stati Uniti.

E solo sei mesi fa, gli Stati Uniti sono usciti bruscamente dall’Afghanistan, lasciando molte facce strategiche imbarazzanti nelle vicinanze. Il regime ostile di Kabul ha ora ridotto in polvere l’investimento di 3 miliardi di dollari dell’India. L’India ha anche chiuso il suo investimento diplomatico in quattro consolati e un’ambasciata. Preoccupante per l’India, alcune delle fazioni talebane al potere hanno più di una conoscenza superficiale dell’ISI mentre gli alleati che hanno nutrito per decenni sono in fuga.

Se c’è ancora scetticismo tra i diplomatici occidentali dei paesi baltici e scandinavi schierati a Nuova Delhi sul rallentamento dell’India per una causa perfettamente legittima – far cadere un dittatore corrotto che ferma la prosperità mondiale per un riscatto – potrebbero guardare indietro alle storie delle sanzioni statunitensi nella regione che non solo non provoca danni collaterali, ma lascia in oscillazione i paesi dalla parte di Washington quando c’è una svolta.

Ciò lascia molti a chiedersi se ad ogni cambiamento del sistema americano emerga un diverso insieme di interessi commerciali e strategici. Sulla base di atti governativi, atti giudiziari e dati bancari appena divulgati, il Washington Post ha riferito che il figlio del presidente degli Stati Uniti ha firmato un contratto con una compagnia energetica cinese che ha pagato a lui e suo zio 4,8 milioni di dollari. La destra americana dovrebbe beneficiare politicamente della notizia. Ma lasciando gli affari inspiegabili di Ben con una società ucraina, questi rapporti sollevano sospetti e hanno portato gli Stati Uniti a perdere 11 posizioni nell’indice di percezione della corruzione di Transparency International in sette anni.

READ  Brothers Public Kitchen è la nuova cucina di Orinda aperta per servire cibo, vini e cocktail italiani

Con i flussi di petrolio dalla Russia all’Europa in aumento dall’invasione del 24 febbraio, il vice dell’Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Dalip Singh dovrebbe ricevere una tiepida accoglienza a Nuova Delhi. Il caso americano non è stato aiutato da un alto collaboratore della Casa Bianca, che ha affermato che Singh aveva spiegato gli effetti a lungo e medio termine del mancato rispetto dei dettami da parte dell’India.

Il mondo occidentale ha finora ben mascherato il suo malcontento per la posizione di indipendenza strategica dell’India in politica estera. Quello che una volta sembrava un cliché bloccato potrebbe iniziare a mostrare il suo valore mentre l’India naviga in entrambi i mondi. L’India ha usato questo mantra in passato per mitigare i danni delle precedenti guerre occidentali “buone” nella regione. Alla vigilia dell’interazione di Rajnath e Jaishankar con le loro controparti americane, il ministero degli Esteri indiano ha chiaramente parlato della necessità che New Delhi stabilizzi le sue relazioni economiche con la Russia. Senza un ordine permanente nel sistema amico o nemico degli Stati Uniti e come mostra l’ultimo voto dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 7 aprile, in cui due terzi del mondo hanno votato “no”, si sono astenuti o si sono seduti, questo è un fatto che Washington deve imparare. vivere con.