Giugno 29, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Unione Europea si prepara a uscire dai tassi di interesse negativi

Sono i problemi della catena di approvvigionamento, la guerra e una valuta debole – fino a questa settimana l’euro era al minimo da cinque anni rispetto al dollaro USA, che si stava rafforzando in modo significativo in risposta all’improvvisa adozione da parte della Federal Reserve di politiche monetarie più restrittive – che stanno guidando il tasso d’inflazione.

Lagarde ha individuato l’inflazione “importata”, definendola una “tassa commerciale”. Nell’ultimo anno, ha affermato, l’eurozona ha trasferito 170 miliardi di euro (257 miliardi di dollari), ovvero l’1,3% del suo prodotto interno lordo, al resto del mondo attraverso il costo netto (dopo aver contabilizzato esportazioni più competitive) di maggiori importazioni . i prezzi.

L’economia greca sembra particolarmente vulnerabile all’aumento dei tassi di interesse. credito:Bloomberg

Il passaggio della Banca centrale europea dalle politiche che hanno visto il suo bilancio esplodere da circa 1.500 miliardi di euro nel 2007 a circa 8.800 miliardi di euro di oggi si aggiungerà alla stretta monetaria globale che sta già devastando i mercati degli investimenti. Il bilancio della Federal Reserve è passato da meno di un trilione di dollari USA (1,4 trilioni di dollari USA) a circa 9 trilioni di dollari USA nello stesso periodo.

Tuttavia, le misure proposte dalla Banca Centrale Europea contribuiranno a indebolire il dollaro USA che è cresciuto rapidamente e non solo nei confronti dell’euro.

Ciò potrebbe fornire un po’ di sollievo alle economie dei mercati emergenti e persino alla Cina, che ha sofferto di deflussi di capitali, elevati costi finanziari e rimborsi del debito sul debito denominato in dollari USA con un dollaro più forte.

Scarica

Il dollaro è salito di circa l’8% rispetto a un paniere di valute dei suoi principali partner commerciali quest’anno e ha acceso il discorso di un nuovo Plaza Accord (l’accordo del 1985 del Gruppo delle Cinque economie per imporre il valore del dollaro allora alto) prima che Il post sul blog di Lagarde.
Il drammatico cambiamento nelle politiche della BCE, ammesso che si verifichi, non è privo di rischi.

READ  Cristiano Ronaldo: il Manchester City è in trattative per firmare l'attaccante della Juventus prima della chiusura del mercato | notizie di calcio

La pandemia ha causato gravi danni ad alcune economie europee che avevano risorse finanziarie molto deboli anche prima del coronavirus. Le economie sovraindebitate hanno aggiunto più debito anche se le loro condizioni peggiorano.

Il post-crisi finanziaria conferma che la quasi totalità dell’eurozona è concentrata nell’Europa meridionale (ricordiamo “Grexit” e “Quietali”) e risentirebbe di tassi di interesse più elevati più della Germania o della Francia grazie a fondamentali economici più forti.

Il rapporto debito/PIL della Grecia è di circa il 185%. L’Italia è di circa il 150 per cento, con un disavanzo di bilancio di circa il 10 per cento del PIL. Il rapporto debito/PIL del Portogallo è del 122% e la Spagna di quasi il 120%.

La possibilità di una nuova crisi del debito sovrano nell’eurozona è reale.

Le misure proposte dalla Banca Centrale Europea contribuiranno ad indebolire il dollaro USA, che sta crescendo rapidamente e non solo nei confronti dell'euro.

Le misure proposte dalla Banca Centrale Europea contribuiranno ad indebolire il dollaro USA, che sta crescendo rapidamente e non solo nei confronti dell’euro.credito:GT

L’Europa meridionale, e in particolare l’Italia e la Grecia, sono rimaste a galla a causa dei tassi di interesse negativi e degli acquisti di obbligazioni della BCE. La Banca Centrale Europea ha assorbito la quasi totalità delle emissioni di debito dell’Italia.

La fine del quantitative easing e l’aumento dei tassi, seppur su livelli ancora trascurabili, metteranno sotto pressione le economie del Sud Europa e imporranno nuove pressioni sulla coesione del progetto europeo e su un blocco quasi rotto sulla scia della crisi finanziaria dovuta alle diverse condizioni delle loro singole economie.

Se la BCE darà seguito ai commenti di Lagarde, porrà finalmente fine al nuovo periodo di politica monetaria.

Il tasso di interesse negativo della BCE – il suo tasso chiave oggi è dello 0,5 per cento – è concepito per costringere i prestatori europei a prestare piuttosto che a pagare per depositare le loro eccedenze di liquidità presso la banca centrale e altre istituzioni finanziarie ad accettare maggiori rischi alla ricerca di rendimenti positivi .

La crisi finanziaria post-crisi sottolinea che l’Eurozona era quasi interamente concentrata nell’Europa meridionale e che soffrirebbe l’onere di tassi di interesse più elevati più della Germania o della Francia con fondamentali economici più forti.

La Banca centrale europea potrebbe sostenere che la politica ha funzionato, anche se ha già ridotto la modesta redditività delle banche europee, minato la solvibilità dei fondi pensione e si è ritorto contro incoraggiando un afflusso di liquidità in attività a rendimento negativo, poiché gli investitori temono i tassi di interesse si trasformerà in livelli negativi. Provincia. C’erano persino “mutuatari” aziendali che sono stati in grado di aumentare il debito con cedole negative: sono stati pagati per prendere in prestito!

READ  La torta di Natale dello Sri Lanka soffre di un'alta inflazione

Questo non era del tutto estraneo all’Europa. Al suo apice nel 2020, c’erano quasi 19 trilioni di dollari in strumenti di debito societario e governativo a rendimento negativo. Oggi non c’è quasi niente.

Se la Fed, la Banca centrale europea e altri (come la nostra Banca di riserva) possono annullare le politiche monetarie non convenzionali che le due grandi banche centrali hanno perseguito per la maggior parte degli ultimi 14 anni senza far esplodere economie e mercati nel processo (o almeno non in un crollo totale dei mercati) sarebbe una pietra miliare nella progressione dalla crisi finanziaria verso condizioni storicamente più normali.

Scarica

Tuttavia, questo “se” incombe per l’Italia e altri paesi dell’Europa meridionale, per la Cina e le economie dei mercati emergenti e per gli investitori in qualsiasi cosa, dalle azioni alle criptovalute e alle obbligazioni, così come una transizione riuscita e un drammatico inasprimento delle condizioni finanziarie globali e un costo più elevato Per il credito che potrebbe significare. È un nuovo mondo coraggioso e pericoloso.

La newsletter Business Briefing offre storie importanti, copertura esclusiva e opinioni di esperti. Iscriviti ogni mattina della settimana.