Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Luca Magliano di Magliano per “Essere visti”, premio Life After LVMH – WWD

Luca Magliano di Magliano per “Essere visti”, premio Life After LVMH – WWD

Milano – “È una bella sensazione essere visti.”

Il discorso semplice ed emozionante che ha tenuto dopo aver ricevuto il Premio speciale della giuria Karl Lagerfeld al Premio LVMH per giovani stilisti la scorsa settimana ha catturato l’essenza del fondatore di Magliano, Luca Magliano, e qualcosa in più.

Comprendeva anche le speranze e le aspirazioni di gran parte dei designer italiani emergenti. A differenza del sogno americano, il sogno italiano non si basa solo sulle pari opportunità, ma spesso richiede una validazione esterna per avere successo o semplicemente essere considerato e apprezzato sul suolo nazionale.

Non c’è da stupirsi che Magliano abbia notato di essere visto come l’epitome principale della sua esperienza con il Premio LVMH, descrivendolo come “il risultato più importante che si possa sperare per un autore”.

“per me [this acknowledgement] Significa una grossa pacca sulla spalla ma anche una promessa pubblica e solenne di non tradirmi mai. Sono convinto che il premio non sia una pozione magica, quindi non spero che accada qualcosa di miracoloso: spero solo che si traduca in più potere”, ha detto a WWD prima della sfilata primavera 2024 della sua etichetta qui domenica.

Il marchio sta guadagnando sempre più calore sul palcoscenico milanese nelle ultime stagioni. Coloro che si sono sentiti attratti dall’inizio o prima che approdasse davanti alla giuria composta da artisti del calibro di Jonathan Anderson, Maria Grazia Chiuri, Nicolas Ghesquière e altri, non hanno perso l’occasione per esprimere il loro sostegno a Magliano nelle fasi finali del concorso né affermare con orgoglio la loro lealtà dopo aver ricevuto il premio.

I dettagli della collezione Magliano Primavera 2024 saranno svelati domenica a Milano.

Per gentile concessione di Magliano

Laureato in Fashion Design alla Libera Università delle Arti di Bologna, Magliano si è fatto le ossa nel team milanese di Alessandro Dell’Acqua prima di tornare a Bologna nel 2013 per lavorare con la stilista Manuela Arcari alla sua linea di moda Ter et Bantine. Nel 2015 ha deciso di mettersi in proprio e ha lanciato l’etichetta femminile indipendente I Was Naked, che da allora è stata interrotta. L’anno successivo Arcari, anche presidente di Arcari e Co., glielo propone. , l’opportunità di produrre una propria linea di prodotti su licenza e nasce il marchio Magliano.

Vincitore della nona edizione del talent contest di Vogue Italia Who Is On Next? Uomo, ha svelato la sua collezione Fall 2018 con una sfilata in Place Dogana a Firenze durante Pitti Uomo per poi entrare a far parte del calendario della Milano Men’s Fashion Week.

Il suo stile e il suo approccio alla moda si sono evoluti da allora. Quelle che erano iniziate come collezioni audaci piene di cenni agli anni ’80, varie sottoculture, “ragazzi di provincia” della sua città natale di Bologna e occasionali stampe irriverenti maturano in un abbigliamento maschile dall’aspetto vintage, intriso di affascinante sartoria e senso del colore.

La collezione Fall 2023 presentata a Milano a gennaio ha colpito particolarmente le corde emotive con la sua sensibilità rustica e familiare e i capi che esaltano i modelli modesti della moda, come giacche da lavoro, cappotti in eccedenza dell’esercito e stivali antinfortunistici. Nelle note stampa si afferma che l’eroe di Magliano è il fattore e che la collezione è “un omaggio a ciò che è più elegante: la fatica”, il travaglio, “come si dice in dialetto”.

Evidenziare questa diversa dimensione del country, lontana dalle uscite glamour o dalla solita immagine da cartolina “La Dolce Vita”, è ciò che ha maggiormente contribuito all’appeal della collezione e al crescente interesse per il brand. Piuttosto che fare riferimento ad abiti e stili di vita ambiziosi, il designer ha mostrato la bellezza nel realismo, in un esercizio che ricorda in qualche modo la quintessenza del movimento cinematografico del realismo italiano.

Un'anteprima dell'attesissima collezione Primavera 2024 di Magliano, che verrà svelata domenica a Milano.

Un’anteprima dell’attesissima collezione Primavera 2024 di Magliano, che verrà svelata domenica a Milano.

Per gentile concessione di Magliano

“All’inizio il design era molto rumoroso: avevamo bisogno di essere ascoltati. Poi abbiamo gradualmente abbassato la voce, ma cerchiamo di non comprometterne l’intensità. Ora siamo arrivati ​​a una sorta di semplicità disordinata che mi piace molto”, Magliano ha detto, aggiungendo di essersi ispirato a “molte cose”., soprattutto se è volgare e fragile ma trasmette un grande senso di mistero”.

Alla domanda sul momento cruciale di questo processo creativo e della sua carriera in generale, Magliano ha indicato i due gruppi sviluppatisi durante la pandemia. “Quel momento doloroso per noi non poteva che trasformarsi in un punto di svolta”, ha ricordato.

Oltre al concorso Premio LVMH che ha portato visibilità internazionale, c’è stata un’altra pietra miliare nella storia del marchio. Alla fine dello scorso anno, la società ha venduto una quota di minoranza all’acceleratore di moda Underscore District per sostenere la fase successiva della sua crescita.

A seguito di questa transazione, nella prima metà del 2023 abbiamo “aperto e ripristinato il negozio online [the website]che vogliamo diventi un asset nella nostra strategia aziendale “, ha affermato Magliano. Il marchio è posizionato nel segmento dei prodotti di lusso a prezzi accessibili e, oltre al nuovo e-commerce, è portato da circa 60 rivenditori a livello globale.

Con un team allargato, Magliano ha in programma di assumere persone nel suo studio a Bologna e avventurarsi ulteriormente nell’abbigliamento femminile.

Utili in questo processo saranno una borsa di studio del Premio Karl Lagerfeld di € 200.000 e un programma di tutoraggio di un anno del Gruppo LVMH, che includerà anche una maggiore attenzione agli accessori poiché questi “aiutano ad aumentare la complessità del nostro progetto”.

I dettagli della prossima collezione Primavera 2024 di Magliano saranno svelati domenica a Milano.

I dettagli della prossima collezione Primavera 2024 di Magliano saranno svelati domenica a Milano.

Per gentile concessione di Magliano

Nel frattempo, Magliano si prepara a svelare la sua collezione Primavera 2024 durante la Settimana della Moda Uomo a Milano. Quando mia madre ha esaminato i dettagli, ha detto che il riassunto evocativo ed enigmatico della stagione era una “preghiera esaudita”.

Una parte importante della collezione comprenderà sette T-shirt, che chiameremo “Preghiere/Grazie”, dedicate alle cose semplici che per noi sono importanti”.

Sebbene i lineamenti fossero interpretati in chiave satirica, Magliano voleva che questi capi non sembrassero una merce, e scelse di farli realizzare con camicie di seta. “Il loro obiettivo è dire qualcosa di importante in modo semplice”, ha concluso.

READ  L'India è tra i primi tre paesi per rapporto sui sinistri assicurativi sui raccolti