Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La vita all’interno di una bolla di confini in continua evoluzione

una famiglia. La stessa scuola. semestre diverso.

Questo è stato sufficiente per bandire la figlia di 11 anni di Tejan Greenfield da Albury mentre il fratello di 12 anni è stato autorizzato a rimanere.

Tara Greenfield e la sua famiglia davanti alla Xavier High School di Albury.credito:Jason Robbins

Entrambi studiano nella stessa scuola specializzata, ma c’è un semestre nel campus della scuola adiacente.

Quando quella scuola ha chiesto agli studenti con sede a Victoria di rimanere a casa e imparare a distanza durante la chiusura che ha chiuso il mese scorso, Greenfield ha fatto una gita scolastica mattutina da Wodonga con due bambini, ma solo un bambino è rimasto.

“Vai a scuola e le aule sono separate da un piccolo recinto di filo spinato: i miei figli saranno a pochi metri di distanza, ma si applicano regole diverse”, dice.

Il 33enne ora ci sta ridendo. “Fortunatamente, sono passati solo un paio di giorni prima che si rendessero conto di quanto fosse ridicolo”.

Mentre il problema viene risolto a scuola, portare la figlia di 2 anni all’asilo resta uno spettacolo quotidiano. Il centro si trova vicino alla Causeway: il principale posto di blocco della polizia sul ponte tra Albury e Wodonga.

“È proprio sotto il cartello che dice ‘Benvenuti a Victoria’. Nel pomeriggio prendo i bambini da Albury e torno a casa. Se la fila al checkpoint è lunga, che spesso è intorno all’ora dell’appuntamento scolastico, diciamo solo ‘Va bene , oggi non andremo all’asilo.

Due mesi fa, frustrata dall’attesa mentre ogni sera tornava in aereo nel New South Wales per lavorare alla stazione di servizio di Albury, ha chiesto di trasferirsi all’outlet di Wodonga.

Il lockdown ha cambiato l’atmosfera in città. Quando lavoro ad Albury, i clienti entravano e vedevano una targa vittoriana e dicevano “devono andare a casa”. Risponderò “Signore, questa è la mia macchina e abito a tre chilometri di distanza!”.

READ  I ristoranti pop-up potrebbero continuare a spuntare mentre il COVID vede una rinascita

Greenfield vive ad Albury-Wdonga da 13 anni.

“I miei figli non si sono resi conto che vivevamo in due stati separati finché non mi hanno chiesto cosa ci facessero qui tutta questa polizia l’anno scorso”.

Zoran Baunovich, ministro della Chiesa

“Un blocco dopo l’altro, l’impatto sulle persone è come un pesce tirato fuori dall’acqua senza fiato”, afferma Zoran Paunovic.

“Cerco di fare tutto ciò che è in mio potere per inspirare ossigeno nelle loro anime, sollevare il loro spirito e rafforzare la loro fede”.

Zoran Baunovich, Primo Ministro della Cappella della Nuova Vita a Wodonga.

Zoran Baunovich, Primo Ministro della Cappella della Nuova Vita a Wodonga. credito:Jason Robbins

Paunovich è il primo ministro della New Life Chapel a Wodonga, una chiesa di centinaia di parrocchiani su entrambi i lati del fiume.

Quando la bolla ha stretto il confine in modo che i residenti potessero attraversare solo per attività essenziali – andare in chiesa non è tra loro – non voleva lasciare indietro quelli a nord del confine. Quindi affitta uno spazio per eventi ad Albury.

Ora tiene il sermone domenicale tre volte: due volte a Victoria e una volta nel New South Wales.

“È iniziato come una cosa una tantum in cui abbiamo pagato $ 1.000 ogni domenica per lo spazio di Albury. Ora ho dovuto dire loro che non sapevo per quanto tempo l’avrei fatto, quindi abbiamo negoziato per abbassarlo a $ 650 per mattina”, dice.

“Si tratta di un costo inaspettato e inutile che la comunità, per Foodbank, può sostenere, per aiutare chi ha bisogno”.

La duplicazione presenta la sfida di ottenere abbastanza volontari e musicisti da ogni lato del confine, alcuni dei quali hanno permessi di lavoro e possono viaggiare tra i paesi mentre altri no.

“Sono disposto a pagare quel costo per riunire 50 persone domenica”, ha concluso Ponovich.

“È fantastico poter trasmettere servizi in streaming online, e a volte lo facciamo. Ma non è la stessa cosa. A volte le persone hanno bisogno di Gesù con un corpo, qualcosa di tangibile, reale e tangibile”.

READ  Lino's Pizza rinnova il marchio e amplia le opzioni del menu | un lavoro

Cherian Turpy, taglio laser per acciaio

La macchina per il taglio laser era italiana e solo un operatore la riforniva in tutta l’Australia. Fortunatamente, era disponibile nel sobborgo di Melbourne di Yarraville, a quattro ore di macchina dalla società di taglio dell’acciaio Sherryan Torpy ad Albury.

Il fornitore era anche, insieme a una società a Washington, l’unico luogo in grado di completare le riparazioni.

Nessun problema, pensò Turbie, è solo un salto sull’autostrada di Hume per il tecnico se qualcosa va storto.

Due settimane fa qualcosa è andato storto: la testa del taglio laser ha funzionato male. Turbie, che ha avviato la Steeltech Engineering nel 2003 con suo marito, se ne è andata bruscamente desiderando che il viaggio da Melbourne fosse stato più breve di qualche minuto.

“Siamo a due chilometri a nord del fiume Murray. Se il tecnico venisse nel nostro laboratorio, non gli sarebbe permesso di tornare a casa”, dice.

Abbiamo provato a negoziare un’esenzione ma il tecnico non è un fattore chiave. È per quanto ci riguarda! Ci siamo anche offerti di chiudere l’intero laboratorio in modo che nessuno si faccia male. Può guidare, riparare la macchina e poi partire senza alcuna comunicazione. La risposta è ancora no. “

L’attività di taglio e taglio laser di Steeltech era completamente fallita fino a quando Torpy non l’ha attivata a capacità limitata la scorsa settimana. Ai 15 dipendenti dell’azienda è stato chiesto di usufruire delle ferie e delle ferie nel frattempo elencate.

“Coltiviamo la macchina e la guardiamo come un falco. Molti clienti sono dovuti andare altrove perché avevano bisogno dei loro pezzi di ricambio. Abbiamo deluso le persone e non so se li avremmo riportati tutti indietro”.

Torpy dice che il lavoro andrà avanti fino a quando le regole di confine non saranno allentate. “Alla fine, il ragazzo di Yarraville è l’unico di Yahoo che ha il ruolo”.

READ  L'India trarrà vantaggio dall'accordo del G7 sull'aliquota globale dell'imposta sulle società del 15% minimo? Ecco cosa dicono gli esperti

Annette Shalis, coordinatrice teatrale

Ospitare mezza folla o non una folla? Questa era la domanda che Annette Shalis e il suo equipaggio di 12 membri si sono posti all’inizio del mese.

La troupe ha iniziato le prove per la famosa produzione di Broadway Harvey Mesi fa, quando Delta era solo un nome per una cantante pop.

Le produzioni di Harvey Albury lavorano (da sinistra a destra): il regista Alexander Gibbs, Erin Pollard, Stuart McDermid, Helen Lockhart, Peter Onyaki e Columban Cox.

Le produzioni di Harvey Albury lavorano (da sinistra a destra): il regista Alexander Gibbs, Erin Pollard, Stuart McDermid, Helen Lockhart, Peter Onyaki e Columban Cox.credito:Jason Robbins

Showtime era il 19 agosto. “Abbiamo passato ore e ore a prepararci. “Eravamo pronti per lo spettacolo”, dice Challis.

Il quinto blocco di Victoria è terminato il 27 luglio e le vendite di biglietti tra i locali su entrambi i lati del confine sono rapidamente riprese.

Buona cosa, non è vero? In questo caso, un errore. Una volta che il movimento all’interno della bolla è stato limitato a cinque cause primarie il 2 agosto, coloro che volevano assistere allo spettacolo ad Albury, appena a sud del fiume Murray, non potevano più partecipare.

Il cast non era immune: i membri vittoriani improvvisamente non sapevano se potevano volare ad Albury per le prove. Alla fine furono determinati a essere autorizzati a fare volontariato perché i proventi della produzione sarebbero andati in beneficenza. Ma questo vale anche per un regista vittoriano? (Hanno scoperto.)

“Quasi il 50 per cento delle vendite è andato a Victorians. Ci siamo seduti come una troupe e siamo stati tutti d’accordo sul fatto di avere amici e familiari sia nel NSW che nel Victoria che volevano vedere lo spettacolo”, afferma Challis.

“Continueremo ad allenarci, amiamo passare del tempo insieme, ma è un peccato che siamo sottoposti a queste restrizioni. Sembra che la palla venga lanciata da ogni stato”.

Potrebbero essere sballottati ancora per un po’, ma Challis è ansioso di rialzarsi. “Speriamo di averlo entro la fine dell’anno. Consideralo come qualcosa da guardare al futuro”.